QN Il Giorno ediz. del 21 Aprile 2018 – Bandire il gas dalle case di Achille Colombo Clerici

Pubblicato aprile 23, 2018 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

Poche settimane fa a Rescaldina (Milano) l’esplosione in un’abitazione dovuta a fuga di gas. Bilancio: 9 feriti, gravi due bambini e il capofamiglia morto.

Sono troppo frequenti i casi che dimostrano la pericolosità dell’uso domestico del gas, il metano in particolare.

Secondo l’annuario statistico dei Vigili del Fuoco, in Italia si è registrato nel 2016 (ultimi dati disponibili) il numero record di 26.458 interventi per fughe di gas con o senza esplosioni in costante, sensibile aumento dal 2011 (18274 interventi). Morti, feriti, danni difficilmente calcolabili. E’ quasi un bollettino di guerra.

Possibile che ciò continui ad avvenire, negli anni Duemila ed in un Paese moderno e civile? C’è molta incoerenza nelle norme di sicurezza che regolano le modalità dell’uso di questa materia altamente deflagrante, che il “pubblico fornisce ai cittadini lasciando a loro il compito di gestirla. I controlli della rete di distribuzione del gas a monte del contatore sono a carico dell’ente erogatore, che li effettua sotto la sua responsabilità; a valle (cioè nelle abitazioni) i controlli sono a carico dell’Asl, ma sono rari e di difficile effettuazione.
Le carenze normative sono evidenti: non viene disposta l’installazione obbligatoria di apparecchiature che interrompano automaticamente l’erogazione del gas, o diano l’allarme in caso di perdite dell’impianto, azionando nel contempo l’apertura di una finestra per aerare l’ambiente.

Gli apparecchi domestici (cucine, forni) andrebbero “blindati” per evitare manomissioni da parte di chi vuol far un uso improprio del gas (per tentativi di suicidio, o per minacciare e compiere ritorsioni).

Occorrerebbe un meccanismo di blocco a livello condominiale. Per contenere se non eliminare il fenomeno Assoedilizia propone che venga incentivato l’utilizzo di cucine, scaldabagni e impianti di riscaldamento elettrici attraverso: agevolazioni simili a quelle per il contenimento energetico per chi opera la trasformazione da alimentazione a gas ad elettricità; obbligatorietà della trasformazione per cittadini con età superiore ai 65 anni e per chi ha rivelato problemi psichici; tariffe elettriche agevolate.

Ovviamente il costo delle installazioni di sicurezza va posto a carico non del proprietario di casa, ma dell’azienda erogatrice.

Rubrica: Casa, Città e Società

 

 

 

 

Annunci

Recensione del libro “La prossima città” a cura della Rivista de derecho urbanistico y medio ambiente . Direttore Don Francisco José Alegria Martinez de Pinillos

Pubblicato aprile 18, 2018 di instat
Categorie: Articoli

GIUSEPPE FRANCO FERRARI (a cura): La prossimá cittá, Editorial Mimesis. Milán 2017, 827 pp.

Para valorar el alcance de esta interesante y densa obra, dirigida por el Profesor G. FRANCO

FERRARI y que consta de treinta y seis estudios, debida a otros tantos colaboradores se hace necesario en primer lugar intentar describir la estructura general de la obra y destacar sumariamente aquellos aspectos que puedan tener una mayor relevancia para el público lector español y al mismo tiempo incitarle a profundizar en su temática ya que entre otros muchos méritos en las distintas colaboraciones se destaca remisiones a una abundante y actualizada bibliografía de matriz anglosajona y por supuesto italiana. Finalmente, se hará una valoración general de la obra y de su acertada dirección.

El primer bloque de materias tiene por objeto el análisis de la Regeneración Urbana en Europa y en particular en Italia. A juicio de S. LO NARDO con independencia de razones de ecosotenibilidad las principales experiencias de regeneración urbana en Europa han obedecido a evitar una pérdida de imagen respecto a las innovaciones urbanas que se han registrado en EE.UU., Canadá, Australia y de otras tantas ciudades del sudeste asiático. Por lo que respecta a Italia merece destacarse los esfuerzos realizados para la revitalización de los centros históricos de las ciudades desde un punto de vista cultural y arquitectónico, cuyo modelo ha inspirado a la rehabilitación del patrimonio arquitectónico de otros países europeos. Sin embargo, en la actualidad se hace preciso un nuevo modelo de actuación para la regeneración urbana basado en la colaboración público-privada y en criterios fundamentalmente ecológicos. Desde hace ya algunos años se han promovido estrategias basadas en la necesidad de una Ley especial a nivel estatal parala regeneración de las principales ciudades bajo el principio de la calidad urbanística, arquitectónica y ambiental, texto legal que esta en espera de aprobarse desde hace años y que se basa en una cooperación público-privado y en una coordinación entre las Administraciones públicas G. MARONI se plantea la problemática de la Ciudad compacta y su evolución en Europa, especialmente desde el ángulo de la dimensión metropolitana de la ciudad compacta y sus vías de solución sobre la base de Proyectos Urbanos y sobre el Paisaje Urbano, ilustrando este movimiento en determinadas ciudades europeas, subrayando que para estos objetivos la idea del plan general en sentido tradicional ha sido progresivamente abandonado en favor de los Proyectos Urbanos específicos y acotados superficialmente. Las cuestiones de base energética son básicas para la regeneración urbana, sobre la base, según M. GIULIANI, la formación de nuevos estándares urbanísticos para la regeneración urbana, Asimismo se hace preciso una recualificación energética desde el punto d vista económico, y del mercado local de la energía.

El Tema de las Redes energéticas para regeneración urbana se considera clave para articular las infraestructuras del futuro; así A. POZZOLI alude a las nuevas tecnologías digitales para afrontar la mejor utilización de estas redes y alude a las posibilidades que ofrece el nuevo concepto de «Internet of Things» (IoT) y por su parte E. COSERTTI lleva a cabo una profunda descripción de las posibilidades y nuevas posibilidades y escenarios en el orden comunitario de las llamadas «smart grids» referidas a la transferencia de energía eléctrica y el sistema de información en sus modernas aplicaciones. Este bloque se cierra con un estudio de S. BOLOGNINI que cuestiona alguno de las excelencias atribuidas al sistema de las «Smarts City», como expresión del moderno capitalismo y su pretensión de una nueva «gobernanza», inclinándose el autor hacia una preferencia por el «Human Smart city» y la innovación en el sistema de a la gobernanza.

El tercer bloque de materias a desarrollar se refiere al tema general de la Energía en la Ciudad, La mayoría de los trabajos incluidos en este capitulo hacen referencia a las fuentes de energías renovables (G. GATTI, F. FERRARI, V. LUBELLO); sus relaciones con la Domótica (V. CHIESA y AA.VV.) y la Iluminación Urbana (N. GOZZO y M. SUSS). La vinculación de la energía en la ciudad con energía solar desde la óptica de las «Smart Cities» en la perspectiva europea y en el derecho comparado es objeto de estudio de M. MAZZA con especial referencia al Proyecto de la India de crear la «Ciudad solar». La cuestión de los residuos se aborda por (A. MASSARUTTO) y el del agua «Smart Water» por R. LOUVIN.

En este mismo marco de referencia la cuestión de la movilidad urbana es objeto de especial atención desde el punto de vista de los escenarios urbanos posibles (O. BACCELLI y AA.VV.) y en especial d las aportaciones que la logística puede aportar a su regulación (V. LUBELO), la logística urbana «Smart» (E. CROCI y D. GRASSO) y finalmente se aporta un interesante enfoque relacionado con los procesos de corrección de la movilidad urbana: «Glitch Urbano» y «responsive cities», basados todos ellos en los progresos de la tecnología y su ampliación al ámbito urbano (S. ANDREANI y AA.VV.), al punto que de considerar el concepto de «Smart city» como un paradigma de la ciudad del futuro sobre la base de utilización de las nuevas tecnologías En la parte tercera de la obra que comentamos, bajo la rubrica «L’Economía del Welfare», R. VOLANTE plantea el interesantísimo problema de la concepción del suelo como «Beni comunui», no en la concepción tradicional del suelo como bien de dominio público en sentido clásico en el marco del Derecho Administrativo, sino en contraste con la concepción norteamericana («Tragedy of the Commons», de Garret HARDINGS) de los «Commons». Analiza las distintas concepciones que en la literatura italiana se han manejado sobre esta nueva concepción (L. FERRAJOLI, U. MATTEI, RODOTA, etc.) Precisamente este debate y los diferentes perfiles de esta concepción ha llevado a la concepción del espacio urbano como bien común desde la perspectiva del «consumo del suelo», a modo de un recurso natural que proclama la necesidad de imponer un límite al uso del suelo para garantizar un límite de extensión de la ciudad para preservar los espacios extraurbanos. Paralelamente, desde la perspectiva economicista G. TAMBURINI suscita la necesidad de valorar y reflexionar sobre la función socio del mercado inmobiliario y la necesidad de importar la figura de los llamados «fondi immobiliari» para el fomento de la vivienda y el alquiler de la vivienda social. En paralelo con esta problemática A. COLOMBO CLERICI se platea la reflexión sobre si la vivienda debe conceptuarse jurídicamente como un bien o por el contario un servicio desde un enfoque de la llamada política de»Social housing».

Desde el punto de vista de la «Smart City» se suscitan tres ámbitos novedosos que están destinados a medio plazo a tener una amplia resonancia y objeto de debate publico como son las infraestructuras La parte Quinta y última en la gestión d los servicios públicos locales (S. VERNIER y AA.VV.) mediante nuevas formas jurídicas «sociedades multiutilites»; digitalización del trabajo y apelación a al figura del «coworking» compartiendo espacios para productores autónomos y (G. DE NARDO); y la visión futura sobre la base de las infraestructura de la conciliación en el seno de la ciudad futura entre la vida laboral y la vida ciudadana (S. DONA).

Este capitulo se cierra con un articulo de A. ANTONIAZZI que traza un interesante panorama sobre los programas a nivel supranacional, nacional y local sobre el fenómeno de «Smart city».

La parte cuarta esta destinada a las aportaciones sobre los llamados «servizi ecosistemici». En el ensayo de E. CROCI y B. LUCCHITA se lleva a cabo un extenso análisis de la relevancia de los llamados servizi «ecosistemici» naturales y en el ámbito urbano, distinguiendo cuatro categorías: aprovisionamiento (agua, combustible, materias primas) de regulación (clima, calidad del aire, mitigación de los riesgos naturales etc.), servicios culturales y servicios de soporte (hábitat, conservación de la especie y biodiversidad genética). Todos estos servicios son básicos para la tutela de los ecosistemas y en tanto tales deben ser objeto de valoración (al efectos se incorporan en el texto abundantes cuadros sinópticos y gráficos) y objeto d protección por parte de la planificación urbanística Desde esta perspectiva ambiental se reformulan los temas clásicos que no han sido resueltos por el urbanismo convencional: la dimensión metropolitana (A. TARZIA); el viejo dualismo entre la ciudad y el campo y su nueva dimensión en la sociedad contemporánea (N. LUCIFERA) y en orden al mismo tema desde la perspectiva del derecho a la participación (F. BIANCONI y AA.VV.); finalizando el capitulo con un estudio del llamado paisaje sonoro (paesaggio sonoro) y la contribución de la «Smart city» a mitigación y mejora en el seno de la ciudad, con especial detenimiento en los instrumentos para combatir por medios tecnológicos la contaminación acústica.

La parte quinta y última del libro está destinada a estudiar la Gobernanza Urbana y Territorial. Tres estudios se dedican a cuestiones eminentemente técnicas, como la evaluación cuantitativa de las «Smart cities» (E. CROCI y F. COLELLI»; la relevancia del «Big Urban Data» en la ciudad al servicio ciudadanos (G. PEDRAZZI) y ejercicio y perspectivas de la llamada «resilenza urbana» y sus estrategias para hacer frente a los riesgos (protección civil, prevención riesgos urbanos. Como experiencia práctica (M. BELLO y AA.VV.) analizan un «Smart city Green field» en Brasil y la primera experiencia de una plaza «Smart» en Italia; la plaza Risorgimento en Turín. Este bloque se cierra con un profundo estudio de S. CIANCHI sobre la participación ciudadana y sus implicaciones para la democracia y sus disfunciones ante el fenómeno del populismo político y sus círculos viciosos que imprimen en el gobierno de la ciudad.

Para que el lector español pueda calibrar la densidad de esta monografía que hemos intentado extractar lo máximo posible, hemos dejado en último lugar la aportación del autor GIUSEPPE FRANCO FERRARI, Profesor Ordinario de Derecho Constitucional en la Universidad Bocconi de Milán y director de «Diritto Publico Comparato y Europeo» que desarrolla un valioso estudio introductorio sobre «la Idea del Smart City» (pp. 9 a 51). Con una gran capacidad de síntesis pondera y se pronuncia sobre todos los temas abordados en el texto del libro por sus colaboradores, situando los multiplex temas en su propio contexto valorativo jurídico y sociológico; en especial, desde la perspectiva estrictamente jurídica, su posición sobre el «Smart city» y la consideración del suelo como un «bien común» y la problemática de la gobernanza ante este nuevo modelo de ciudad. Finalmente, formula un panorama de las experiencias de las ciudades italianas en cuanto a la implantación de las «smarts cities» y su progresiva implantación a pesar de que la principal ciudad que se ha acogido a este modelo es la ciudad de Milán que todavía figura en las listas internacionales solo ocupa un lugar modesto (n.o 44).

En cualquier caso, la conclusión que se deriva del análisis del Prof. FRANCO FERRARI y de su ingente obra que ha dirigido es la que el modelo de «Smart City» es imparable; que ha venido para quedarse definitivamente en la medida —al margen de otras consideraciones— en que beneficia y es útil a los ciudadanos para el desarrollo de sus proyectos vitales y laborales. Se vislumbra que en un futuro inmediato las nuevas tecnologías y la logística de los datos van a impregnar el Derecho Urbanístico del futuro para hacer posible el desarrollo urbanístico sostenible, desplazando a las viejas categorías jurídicas dogmáticas heredadas del siglo XX y cuya eficacia en la practica para el desarrollo de la ciudad han sido problemáticas, aun cuando el debate académico que han originado en el ámbito del Derecho público —y en menor medida en el Derecho privado— han sido intensas y polémicas.

MARTIN BASSOL COMA Catedrático de Derecho Administrativo (PH Universidad de Alcalá) Presidente de la Asociación  española de Derecho Urbanístico

Foto:
Giuseppe Franco Ferrari con Achille Colombo Clerici

CIAM, ARCHxMI, AIM ciclo di conferenze-dibattiti 2018 sui temi dell’Urbanistica nella sede di Assoedilizia

Pubblicato aprile 18, 2018 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

A s s o e d i l i z i a

 

Il primo dei seminari organizzati dall’Osservatorio Metropolitano
QUALITA’ URBANA, PROGETTAZIONE URBANA, CON AL CENTRO IL CITTADINO

Certamente non sono le stupende ma stranianti, deserte, piazze di De Chirico, oppure la rinascimentale Città Ideale ad ispirare il gruppo di architetti, paesaggisti, urbanisti, sociologi e psicologi che, organizzati dal Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano, in collaborazione con ARCHxMI e con l’Associazione Interessi Metropolitani e con il supporto e patrocinio di Assoedilizia e di Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano, ha deciso un ciclo di quattro incontri dal titolo “Osservatorio Metropolitano – Dibattiti per lo sviluppo e la promozione di una nuova qualità urbana” ospitati in Assoedilizia. Coordinatori Alberico Belgiojoso, Carlo Berizzi, Gianni Verga.

Il primo di questi incontri ha avuto quale tema “-Qualità urbana, progettazione urbana” coordinatore Gianni Verga, relatori Alberico Belgiojoso, Enrico Maria Tacchi, Felice Perussia.

Il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici nel suo saluto all’inizio del ciclo di conferenze ha detto:
“Volentieri e con interesse ospitiamo questa serie di incontri organizzati da Ciam, ArchxMi e AIM sui temi dell’urbanistica.
Oggi si impone un nuovo approccio culturale sui temi dell’urbanistica e sui temi alla stessa connessi. Quali:
– Economia – Sociologia
– Ecologia e Ambiente – Arte e Storia – Turismo Ma anche – Progresso e Tecnica
Un new deal culturale che si ponga nell’ottica non di un Paese arretrato che cerchi di sopravvivere, ma di un Paese moderno che cerchi di competere.
In tutti questi anni la visione urbanistica è stata condizionata da preconcetti che hanno impedito alla politica di conciliare tradizione e progresso, valori territoriali, cioè bellezza ed economia.
In fondo, a ben guardare, molti dei problemi dell’odierna urbanistica dipendono dall’ assenza di una vera politica del territorio, generata da questa incapacità.
Di conseguenza il nostro è sempre stato il Paese degli eccessi, delle opposte misure: mai una via di equilibrio.
Dall’ eccesso di tutela all’eccesso di permissivimo.
Vogliamo qualche esempio? Per non dire della storica prevenzione nei confronti della locazione abitativa privata, che ha prodotto i ben noti danni, ricordiamo che in nome del mantenimento della tradizione abbiamo optato per la conservazione acritica del manufatto edilizio contro ogni logica economica, ma anche sacrificando la sicurezza dell’edificato. E che dire poi della prevenzione verso la costruzione in altezza, contro ogni logica di interesse sociale ed economico? Solo ora ci accorgiamo di aver consumato una quantità smisurata di suolo.
Voglio ricordare le bellissime pagine dettate da Romano Guardini nelle sue ‘ Lettere dal lago di Como’. Briefe vom Comer See.
Guardini, filosofo esistenzialista cattolico tedesco, di origine italiana (occupava la cattedra di filosofia di Heidelberg, nell’Università dove aveva insegnato Immanuel Kant), nelle sue lettere scritte in tedesco nel 1959, osservando il dolce e armoniosamente classico paesaggio del comasco ( ‘vedevo un campanile e accanto una ciminiera’), e ricordando quello tedesco, occupato da capannoni e fabbriche, immagina lo snaturamento cui andrà incontro una volta sottoposto alle trasformazioni derivanti dal progresso tecnico.
E vede tutto il contrasto tra il progresso e il paesaggio, tra la tecnica e l’ambiente.
La sua risposta non è sulla linea di Bernard Berenson il quale paradossalmente diceva: ‘l’Italia sarà bella sinché sarà povera’. In fondo auspicando il permanere di una condizione di arretratezza economica, ma, alla fine, anche culturale. Poiché si trattava di un vero e proprio appello a remare contro il progresso.
Guardini non è di questo avviso. La sua idea, espressa nella nona lettera, è quella che l’uomo si debba adoperare per ‘umanizzare la tecnica’ rifiutando i compromessi che portino a snaturare la terra, per ottenerne uno strumento viceversa per ‘umanizzare la terra’.
In questo passaggio la bellezza si trasforma e si perpetua.E’ questo il compito della nostra politica, ma ancor prima, della nostra cultura. E il nostro compito è quello di muovere in campo culturale per propiziare questo passaggio.”

Secondo Gianni Verga “negli anni ’90 Milano sembrava avviata verso un declino irreversibile. Oggi è la città leader in Italia e questo ruolo la legittima a proporre al Paese una politica per le città al centro delle quali deve esserci la qualità urbana”. I seminari vogliono operare un approfondimento delle diverse questioni che stanno alla base delle discussioni e delle proposte su Milano e l’Area Metropolitana: Bellezza e Qualità Urbana, operazioni di diverso tipo di corso, PGT, Regolamento Edilizio, Grandi Interventi, ecc.; i criteri che si adottano, le loro motivazioni; come funzionano nella realtà le diverse azioni che si intraprendono.
Ciò intende essere una iniziativa utile per le istituzioni professionali e culturali, un contributo al miglior funzionamento delle iniziative e dei “meccanismi urbani” e alla verifica di PGT e Regolamento Edilizio. Quali relatori sono stati scelti professionisti particolarmente esperti, in un ampio quadro multidisciplinare.

Alberico Belgiojoso, professore e presidente dell’Associazione Architetti per Milano, ha analizzato la realtà urbana di Milano e gli interventi necessari per il suo armonico futuro. Al centro, sempre, i suoi abitanti: “Nel mondo anglosassone – ha detto – ogni progetto urbanistico viene prima sottoposto al parere dei residenti. Anche noi dobbiamo chiedere loro come vedono la città. La città non è solo edifici, verde, piazze, strade, monumenti, illuminazione, traffico, è anche economia, ecologia, sociologia, psicologia. Non si tratta quindi di dare indicazioni progettuali, quanto di coordinare tutti  gli attori del processo urbano assieme a pubblica amministrazione, residenti, proprietari, negozianti. Tenendo presente che la città si modifica continuamente; assicurandoci che le norme diano i risultati previsti, non risultati opposti. In particolare il Piano di Governo del Territorio deve fornire le linee guida per la città che si vuole: per me Milano è la città dell’arte della trasformazione”. Belgiojoso ha concluso la sua esposizione indicando, con l’aiuto di diapositive, i grandi snodi cittadini sui quali intervenire: centro storico, Monumentale, Cerchia dei Bastioni, Cintura Ferroviaria, periferie.

L’”anima” della città è stata oggetto degli interventi  del sociologo dell’ambiente e del territorio ed architetto Enrico Maria Tacchi, docente all’Università Cattolica di Brescia che in un interessante excursus ha preso in esame l’evoluzione delle conurbazioni  dalle città-stato greche alle smart cities del XXI secolo: confermando l’ipotesi che le soluzioni proposte per migliorare la qualità della vita si basano sempre su giudizi di valore, anche se talvolta impliciti. È auspicabile allora che la ricerca scientifica non rinunci a porsi anche questioni di natura teleologica, assumendo le proprie responsabilità etiche, deontologiche e sociali. Mentre Felice Perussia, docente di Psicologia nell’Università di Torino – presso cui, tra l’altro, ha fondato la Facoltà di Psicologia – ha trattato il comportamento dell’abitante metropolitano che risponde sempre a precise regole (un esempio: osservando, con la più evoluta tecnologia fotografica, il transito  in piazza Duomo  si è  accertato che i passanti percorrono degli ideali “tratturi”, cioè prevalentemente i medesimi itinerari, quasi fossero guidati da invisibili binari).

I successivi seminari: 8 maggio 2018 ore 18:00 – Metodo e questioni operative per la città metropolitana.   Coordinatore Carlo Berizzi. Relatori Pier Giuseppe Torrani, Maurizio Cabras, Andrea Villani.

12 giugno 2018 ore 18:00 – Le logiche immobiliari. Come operano e come guidarle. Coordinatori Gianni Verga/Eugenio Radice Fossati. Relatori Achille Colombo Clerici, Guido Iannoni Sebastianini,  Vincenzo Albanese.

10 luglio 2018 ore 18:00 – Esperienze e modelli seguiti in altre città.   Coordinatore Alberico Belgiojoso.  Relatori Giovanna Fossa, Carlo Valtolina, Massimo Recalcati.

Alberico Barbiano di Belgiojoso, Gianni Verga, Achille Colombo Clerici a Caidate

 

 

 

Premio Montale a Giangiacomo Schiavi 2018 – Alla presentazione dell’Osservatorio Ipsos-Comieco – Europasia informa

Pubblicato aprile 17, 2018 di instat
Categorie: Istituto Europa Asia

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

 

 

Alla presentazione dell’Osservatorio Ipsos-Comieco il Premio Montale a Giangiacomo Schiavi

SENSO CIVICO, IL RIFERIMENTO E’ LA FAMIGLIA MA A SCAPITO DELLA COLLETTIVITA’

Incertezza e disincanto caratterizzano oggi il sentiment degli Italiani in vari ambiti della società. La globalizzazione e lo sviluppo di internet e dei social network stanno portando a cambiamenti irreversibili nell’economia, nella politica e nell’informazione. E’ un processo inarrestabile che si accetta ma a cui ci si adatta a fatica.

Sono questi i risultati dell’Osservatorio Ipsos e Comieco sul Senso Civico di quest’anno presentato a Casa Museo Manzoni di Milano. Forte contraddizione emotiva che caratterizza in generale l’atteggiamento degli intervistati e crescente sfiducia nei confronti dell’altro: perdono credibilità la classe politica e dirigenziale – solo l’1% degli intervistati le ritengono esempi di senso civico – le Istituzioni e gli organi di informazione a favore di un accentuato individualismo e ripiegamento su se stessi. Il punto di riferimento diventa ancor di più la famiglia, centro delle proprie attenzioni e origine dei valori, dei comportamenti e del senso civico.  Ma forse il dato più preoccupante è quello sul rigetto della democrazia, mentre un terzo degli italiani ritiene giusto evadere le tasse.

Tende a prevalere tra la popolazione italiana l’idea che le nazioni debbano contare di più in Europa (79%), ma dall’altro lato emerge un atteggiamento di apertura: oltre due terzi ritengono impraticabile il protezionismo e il 70% pensa che sia doveroso accogliere chi scappa da guerre e carestie. Rispetto all’esterno emerge una netta divisione nell’opinione pubblica: il 40% vede l’apertura dell’Italia alle imprese straniere e al commercio estero come un’opportunità (per la maggioranza giovani, 48%, e laureati 58%), mentre in generale il 45% pensa che sia necessario proteggersi maggiormente.

Internet è uno dei principali pilastri della globalizzazione ed è percepito come molto positivo dai cittadini perché consente la partecipazione diretta della popolazione che può essere chiamata a esprimersi su argomenti importanti (65%) e permette la libera espressione attraverso i social network (59%). È per questo motivo che il 63% ritiene sbagliato limitare attraverso leggi la libertà di espressione su internet.

Commenta Nando Pagnoncelli di Ipsos: “Uno degli effetti della democratizzazione partecipata è infatti un’orizzontalità sociale che porta all’impoverimento delle competenze e a valutazioni semplicistiche di questioni complesse che riguardano la collettività (decisioni economico-politiche, assunti scientifici, ecc.). Questo fenomeno trova la sua maggiore espressione nella politica. Internet e i social network hanno ridotto le distanze tra l’elettorato e i leader, tutto è noto e visibile facendo venire meno quelle ‘aree riservate’ necessarie ai partiti e agli accordi tipici della politica. I partiti tendono a scomparire in un’ottica di popolocrazia che mette al centro l’individuo (67%) e mette in discussione il modello democratico attuale (66%).

Diventa centrale il tema delle competenze ma anche qui emerge una contraddizione: se il 40% pensa che le persone debbano sostenere esami di cultura politica e generale per poter partecipare ai dibattiti pubblici, il 61% preferisce un leader politico onesto anche se poco competente piuttosto che con esperienza ma dalla dubbia onestà.

Questo contesto intacca solo parzialmente il senso civico e la sfera valoriale degli italiani. La socialità ristretta (famiglia, amici intimi) si conferma al primo posto nelle priorità degli intervistati, evidenziando la tendenza a ripiegarsi su se stessi (37%) e al familismo; per il 28% degli intervistati (dato quasi triplicato dal 2001 ad oggi) la principale responsabilità di una persona è verso la propria famiglia e i propri figli e non verso la collettività. Secondo gli intervistati, inoltre, è proprio in famiglia che si forma la propria personalità (63%) e la propensione al senso civico (60%). Non è tuttavia da sottovalutare il ruolo della scuola, ritenuta dal 65% degli Italiani il soggetto più idoneo a stimolare il civismo nelle giovani generazioni.

Un importante termometro del senso civico è la raccolta differenziata, confermatasi come una delle pratiche più semplici e immediate per contribuire al benessere della collettività e non solo un modo per smaltire i rifiuti. Tuttavia cambia la percezione rispetto alla collettività: se personalmente ci reputiamo molto sensibili e attenti alle questioni ambientali (90%), non altrettanto lo riconosciamo negli altri (41%).

“L’Osservatorio Annuale del senso civico, sostenuto da Comieco, ha fotografato, a partire dall’inizio del 2000, l’attitudine degli Italiani al civismo e all’educazione civica”  ha commentato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. Ne hanno parlato, coordinati dalla giornalista del Corriere della Sera, Elisabetta Soglio, oltre a Montalbetti e Pagnoncelli, l’ex sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, Don Gino Rigoldi (Comunità Nuova), Alberto Martinelli (Università degli Studi di Milano).

In occasione della presentazione dell’Osservatorio è stato assegnato al giornalista del Corriere della Sera Giangiacomo Schiavi, il Premio Montale Fuori di Casa  di Milano e il Senso Civico; sezione nata nel 2017 per ricordare le parole con cui nel 1970 Eugenio Montale espresse, dalle pagine del quotidiano di via Solferino, il suo amore per Milano dovuto all’ “innegabile senso civico dei suoi abitanti”.
Introdotto dalla vicepresidente del Premio, Barbara Sussi, Schiavi ha dialogato con l’editore, saggista e poeta Arnaldo Mosca Mondadori. Il premio è stato conferito dalla presidente Adriana Beverini. E’ stato donato agli invitati l’ultimo libro di Schiavi “Meno male” di Sperling & Kupfer; un libro che vuole far riflettere su un fatto importante: l’Italia non è solo quella delle vite sbagliate che tanto spazio trovano su giornali e televisioni. Al contrario è piena di piccoli eroi della normalità, di esempi imitabili, di uomini e donne straordinari che non hanno storia perché nessuno li racconta; i quali trovano nel premio annuale alla Virtù Civica-Panettone d’Oro – di cui Assoedilizia,  presieduta da Achille Colombo Clerici, è co-fondatrice – il giusto riconoscimento.

Foto:
Giangiacomo Schiavi con Achille Colombo Clerici

 

 

 

 

QN IL GIORNO 14-04-2018 I MATTONI PER TORNARE A CRESCERE di Achille Colombo Clerici

Pubblicato aprile 16, 2018 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

QN IL GIORNO  14-04-2018 I MATTONI PER TORNARE A CRESCERE di Achille Colombo Clerici

L’ Italia sta consolidando la ripresa economica – anche se, purtroppo, questa non riguarda tutte le categorie economiche –  ma deve accelerare la crescita, soprattutto per ridurre l’ enorme debito pubblico, il terzo nel mondo. Per raggiungere l’obiettivo di un pareggio Pil-debito l’Italia dovrà crescere di oltre il 2% all’anno, nei prossimi 10 anni. Un sogno?

Mancano, per realizzarlo, la ripresa dell’economia edilizia, oggi incentrata sulle ristrutturazioni e gli stanziamenti per le opere pubbliche: rispetto ai 48 miliardi di prima della recessione siamo a circa 28 miliardi.

Di fronte alle scelte economiche e fiscali che il nostro Paese dovrà assumere l’Europa non starà certo a guardare.

Inoltre, a 14 mesi dalle elezioni per il rinnovo delle  istituzioni comunitarie, l’UE si trova davanti a scelte fondamentali per la sua sopravvivenza, almeno nelle forme fino ad oggi  conosciute.

E’ indispensabile  che l’Europa completi la trasformazione da unione prevalentemente economica (euro) ad unione politica; trasformazione bloccata da vent’anni a causa della sua stessa governance.  Un sistema intergovernativo, per il quale ogni scelta di fondo necessita dell’approvazione di tutti i 27 Paesi.  Bisogna passare ad un sistema politico (che sia o meno Federazione ) nel quale le scelte vengano assunte a maggioranza.

Si tratta, in altri termini di passare da una “associazione” di stati che pratica una politica monetaria comune, ad una forma istituzionale di governo in grado di esercitare una politica estera e di difesa comune e in fondo anche una vera e propria politica economica comune. Insomma una Unione che si doti di una vera politica in senso proprio, e non prenda decisioni in modo occasionale, e “irresponsabile”  come è purtroppo avvenuto nel deplorevole caso della assegnazione dell’Ema all’Olanda.

Non è pensabile, ad esempio, che i Paesi del cosiddetto Patto di Visegrad – Polonia, Cekia, Slovacchia, Ungheria – abbondantemente sovvenzionati dall’UE, siano oggi i principali attentatori all’unità del Continente e ai suoi principi di democrazia liberale.

Infine, ma non certo ultimo per importanza, il problema dei giovani. L’assenza e la precarietà del lavoro condizionano pesantemente il futuro dell’Italia. Un problema gigantesco per la politica che infatti si limita a vaghe promesse senza proporre ricette.

San Patrignano “Sustainable Economy Forum” Convegno con Confindustria 12-13 Aprile 2018 – Cronaca e Conclusioni – Europasia informa

Pubblicato aprile 16, 2018 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

Istituto Europa Asia

EUROPASIA

Europe Asia Institute

Informa

Boccia sulla richiesta dell’Ocse di introdurre una patrimoniale: “Le patrimoniali le paghiamo già”

“Sustainable Economy Forum”: si è conclusa la due giorni sull’economia sostenibile di San Patrignano

Letizia Moratti, cofondatrice della Fondazione San Patrignano e Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria hanno concluso la prima edizione del Sustainable Economy Forum: due giornate di lavoro intenso in cui è stato stilato un programma di lavoro volto a favorire i Paesi in via di sviluppo che  hanno visto oltre 60 relatori confrontarsi su diverse tematiche di fronte ad una selezionata platea di circa 500 invitati, tra i quali il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici.

Assieme hanno lanciato una piattaforma progettuale di collaborazione, identificando tre concetti chiave su cui sviluppare un lavoro comune: partenariato pubblico-privato, formazione e inclusione, e sviluppo di strumenti di finanza sociale.

A margine dei lavori Boccia ha risposto alla richiesta dall’Ocse di introdurre anche in Italia una tassa patrimoniale per ridurre le disuguaglianze sempre più marcate dopo la recente Grande Recessione: “”Noi viviamo – ha detto –  in un Paese in cui le patrimoniali le hanno già messe sui fattori di produzione”, per questo “dobbiamo fare molta attenzione per evitare che, siccome le imprese non votano, qualcuno pensi di mettere altre tasse sulle imprese, così le rendiamo meno competitive e facciamo un capolavoro a favore degli altri”.

In Italia, afferma ancora Boccia, ci sono già “tasse come Irap e Imu che, chi dovrebbe fare impresa, paga sui capannoni industriali”.
Il Forum si è caratterizzato anche per numerose tavole rotonde moderate da Luca Orlando, inviato de Il Sole 24 Ore. Sono intervenuti, oltre ai citati Moratti e Boccia, in ordine di tempo:

Antonio Tinelli Presidente, Comunità San Patrignano; Andrea Gnassi Sindaco, Rimini; Arancha González Direttore Esecutivo, International Trade Centre; 
Vera Songwe Segretario Esecutivo, Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa; Jean-Sébastien Decaux CEO Sud Europa, Belgio, Lussemburgo, Africa e Israele, JCDecaux; Giuseppe Mistretta Direttore per i Paesi dell’Africa Sub-sahariana, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale; Mario Molteni CEO, Fondazione E4Impact; Joseph Nkandu Fondatore e Direttore Esecutivo, Nucafe; Alberto Piatti Executive Vice President: Impresa Responsabile e Sostenibile, Eni; Carlo Clavarino EMEA Executive Chairman, Aon; Oreste Gallo Presidente, Cometa Fund; Victor Massiah CEO, UBI Banca;  Marcella Panucci Direttore Generale, Confindustria; Mario Baccini Presidente, Ente Nazionale Microcredito;  Matteo Casagrande Responsabile Business Development Imprese, Banca dei Territori Intesa Sanpaolo; Mario Deaglio Professore Ordinario di Economia Internazionale, Università di Torino, Editor, Rapporto Annuale Einaudi on Global Economy and Italy; John McKinley Direttore, BlackRock USA; Rael Ruto, consorte del Vice Presidente del Kenya, Fondatore e Patron della Joyful Women Organization; Maria Cristina Bertellini CEO, Euro Mec Service; Patrizia Grieco Presidente, Enel; Sigríður Snævarr Ambasciatore islandese, Ministro degli Esteri e Membro di Exedra; Mina Teicher Vice Presidente, International Women’s Forum; Nicholas Negroponte, Presidente Emerito Massachusetts Institute of Technology’s Media Lab, Fondatore di One Laptop per Child Association; Roberto Cingolani Direttore Scientifico, Istituto Italiano di Tecnologia (IIT);  Robert Madelin Presidente e Direttore, Fipra International; Giulio Pedrollo Vice Presidente per la Politica Industriale, Confindustria; Gianfelice Rocca Presidente, Techint Group; Pietro Negri Responsabile del Servizio Sostenibilità, Ania e Presidente, Forum per la Finanza Sostenibile; Ambrogio Prezioso Presidente dell’Unione Industriali Napoli; Andrea Ruckstuhl Responsabile Italia e Europa Continentale, Lendlease; Sergio Solero Presidente, BMW Italia;

 

Foto:

Letizia Moratti con Achille Colombo Clerici al Forum San Patrignano/Confindustria su “Sustainable Economy”

San Patrignano convegno con Confindustria, ‘Sustainable Economy Forum’- 12 e 13 aprile 2018 – A Milano si insediera’ il piu’ importante hub europeo nel campo della innovazione – Europasia informa

Pubblicato aprile 13, 2018 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

Nel quarantennale della fondazione di  San Patrignano, la prima edizione del Sustainable Economy Forum
SOSTENIBILITA’ E RESPONSABILITA’, EVOLUZIONE DELL’ ECONOMIA

A Milano sbarca il braccio operativo della Tsinghua University di Pechino TusStar, il più grande incubatore al mondo di attività innovative, che con il Campus Bovisa del Politecnico apre la sede del proprio hub europeo per l’innovazione.  L’ obiettivo è  realizzare una piattaforma per l’attrazione di investimenti cinesi in innovazione, sostenendo le attività di trasferimento tecnologico fra le rispettive accademie e il mondo delle imprese.

E’ una delle notizie riferite nel primo dei due giorni   di dibattiti e tavole rotonde sui temi dello sviluppo sostenibile in corso nella comunità di recupero riminese San Patrignano, dove si svolge la prima edizione del ‘Sustainable Economy Forum’, promosso da San Patrignano – che festeggia così il quarantennale della fondazione –  e Confindustria; sostenuto da BMW Italia, Eni, Gruppo 24 Ore, IGPDecaux, Intesa San Paolo, l’Ente Nazionale per il Microcredito, con il patrocinio di Fondazione Cariplo e il contributo di Fondazione CRT.
Oltre 60 relatori nazionali e internazionali si confrontano sul futuro del pianeta e sui temi cruciali dettati dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

Il rafforzamento del partenariato fra privati, fra privato e non profit, e allo stesso tempo lancio dei green bonds sono le prime proposte emerse nella prima giornata.

La due giorni, alla quale Letizia Moratti, co-fondatrice della Fondazione San Patrignano ha invitato il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici, vuole accendere i riflettori su due tematiche essenziali, Sostenibilità e Responsabilità, al fine di offrire un contributo allo sviluppo economico e sociale di una società più prospera e consapevole. Ha detto Moratti:  “È importante per San Patrignano organizzare e ospitare un evento di tale rilevanza teso a promuovere una riflessione seria ed efficace sui due valori da sempre promossi anche dalla nostra Comunità come punti cardine del programma di recupero. Si tratta di un’evoluzione necessaria che, a livello locale e globale, dovrà orientare un cambiamento culturale  attraverso il confronto e lo scambio di esperienze positive che producano  e diffondano conoscenza e consapevolezza”.

Secondo il presidente di Confindustria Francesco Boccia “l’industria e l’Italia aspirano a un nuovo Rinascimento, per cui è necessario immaginare una differente idea di sviluppo  in cui attraverso la sostenibilità e la responsabilità sociale possano essere raggiunti importanti obiettivi: aumentare la produttività,  favorire la crescita, contribuire a rendere la società più aperta, contrastare povertà e disuguaglianze. Una crescita inclusiva può infatti essere la soluzione alla disgregazione della società, oltrechè rappresentare un elemento di equità verso le generazioni future”.

Una giornata di confronto e di lavoro in cui si è parlato di sostegno all’Africa, di nuovi modelli di welfare e finanziari, ma anche di pari opportunità fra i generi, soluzioni per le grandi città e di come la tecnologia possa e debba essere sempre più a sostegno dei cittadini. Proprio in merito a quest’ultimo tema è intervenuto Nicholas Negroponte, fondatore di “One laptop per Child Association”: “La tecnologia è importante, ma prima che insegnare a creare app dobbiamo far sì che i bambini e i giovani apprendano e siano in grado di formulare un pensiero. In questo la tecnologia ci può venire in aiuto. E’ grazie ad essa che abbiamo permesso in sei mesi a un villaggio africano di apprendere l’inglese. E per questo è ancor più importante che la connettività arrivi ovunque e possa esser parte del bagaglio dei diritti umani”.

In quarant’anni la  comunità di recupero San Patrignano ha accolto 26.000 giovani con problemi di tossicodipendenza, attualmente gli ospiti sono 1.300.

Offre loro una casa, assistenza sanitaria e legale, la possibilità di studiare e imparare un mestiere mettendo a disposizione una cinquantina di laboratori ed attività agricole e di allevamento – la comunità si estende su una superficie di circa 300 ettari –  e quindi di rientrare a pieno titolo nella società. Il tutto gratuitamente, senza oneri nè per lo Stato (che risparmia così circa 30 milioni) né per le famiglie. Oltre la metà delle risorse proviene da donazioni, senza le quali San Patrignano non sarebbe diventata una delle più importanti realtà europee in questo campo.

Ricerche universitarie dimostrano che il 72% di chi termina il percorso di recupero non ricade nell’uso della droga. Importante anche l’opera di prevenzione svolta dalla Comunità all’esterno: ogni anni incontra decine di migliaia di studenti e si occupa di sensibilizzarli sul tema della dipendenza.

Il percorso nella comunità dura in media dai 3 ai 4 anni.  San Patrignano è una comunità viva che, con il supporto e il sostegno di chi ha già provato esperienze di vita simili, comprende le difficoltà legate ai disagi e all’emarginazione e riesce a ricostruire l’identità delle persone rafforzandone i valori: l’onestà, l’impegno, il rispetto per se stessi e per gli altri,  la solidarietà e la capacità di relazione.

La comunità di recupero da droghe e dipendenze è anche impegno per una società migliore attraverso diversi progetti di prevenzione: attività specifiche nelle scuole, eventi internazionali di approfondimento, lotta contro le dipendenze.

San Patrignano è diventata negli anni anche un centro di eccellenza nell’organizzazione di eventi, nella formazione e nella comunicazione aziendale.

Foto:

 

– Letizia Moratti con Achille Colombo Clerici