QN Il Giorno pag. 24 – 12.01.2019 “Un’Europa da riassettare” (Achille Colombo Clerici)

Pubblicato gennaio 14, 2019 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

Nell’ U.E non c’è solidarietà. Nei rapporti fra gli stati membri la “competitività” sembra intesa – più che a sostenersi a vicenda per una politica economica che sviluppi le rispettive e reciproche potenzialità per imporsi all’esterno – a mantenere separati e conflittuali gli interessi degli operatori economici dei vari Paesi, per “mangiarsi”  a vicenda i migliori pezzi dell’economia. Alla fine si finisce per essere mangiati dagli operatori dei “paesi esterni”.

A fronte di vincoli sanzionati se ne chiede inflessibilmente il rispetto da parte degli stati, anche se ciò può comportare sacrifici per i più deboli.

Mentre, al di fuori dell’area della sanzionabilità, si è sordi a qualsiasi richiamo a porre in atto politiche virtuose di comune interesse e di reciproco aiuto. Non possono essere infatti considerate tali, i sia pur numerosi programmi di sostegno alle regioni europee più povere che non risolvono il problema di fondo della disuguaglianza crescente tra Paesi e all’interno dei Paesi stessi.

Consideriamo il mancato reinvestimento del surplus commerciale da parte dei Paesi ricchi (Germania e Olanda in testa) pur stabilito dai trattati; e il mai sufficientemente lodato quantitative easing che, pur avendo salvato l’Europa dalle conseguenze più nefaste della grande recessione, ha finito per favorire i soliti Paesi ricchi, aumentando le disuguaglianze. La Bce ha infatti acquistato titoli di stato in proporzione al Pil dei singoli Paesi e, ovviamente, la Germania ha fatto la parte del leone ulteriormente arricchendosi.

Che dire, poi, dello sconcertante scaricabarile fra i vari Stati sulla questione dei migranti?

Ma, senza farci trascinare troppo lontano, limitiamoci a ricordare il trinceramento dei singoli governi, dietro la disfunzione di un sistema male impostato nell’assegnazione di sedi ed agenzie dell’Unione; per cui al momento buono a spartirsi l’utilità sono sempre gli stessi stati.

Tutto questo gioco all’insegna del “chi ha avuto ha avuto”, è miopia politica

Si indicano alcune soluzioni: un piano straordinario di investimenti per dare impulso alle infrastrutture economiche e sociali; un’assicurazione/ammortizzatore pan-europeo contro la disoccupazione; un bilancio e un ministro delle Finanze per l’Eurozona; l’acquisto da parte della BCE di titoli di stato dei Paesi con le spread più alto, ma con una bilancia commerciale in attivo, come nel caso dell’Italia, che bloccherebbe manovre speculative sullo spread.

Infine, ma certo non ultima per importanza, l’adozione di una politica economica europea verso il terzo mondo, in primis l’Africa, con gli immaginabili vantaggi che ne deriverebbero, a cominciare da una riduzione dell’emigrazione senza regole.

Annunci

“La mentalità e il progresso dei popoli” di Achille Colombo Clerici 7 gennaio 2019

Pubblicato gennaio 7, 2019 di instat
Categorie: Articoli, Assoedilizia informa

La nostra è una cultura classica, ma non una cultura chiusa; sorda cioè alle istanze di rinnovamento improntato agli schemi di vita più moderni.

Una cultura che affonda le sue radici in epoche lontane, nelle quali il possesso della terra era il solo fattore di potere.

Chi possedeva la terra vi ancorava la sua vita e quella della famiglia, la sua attività.
Il possesso della ricchezza mobile era funzionale al mantenimento della terra.
Quando, con il processo di industrializzazione, si verifica il massiccio fenomeno dell’inurbamento delle popolazioni rurali, nella mentalità dominante, alla terra si sostituisce l’immobile urbano.

Il sistema delle famiglie è, in questo contesto, il vero fulcro della vita sociale ed economica dello Stato. E, nella famiglia, il fulcro della vita economica è rappresentato dall’immobile urbano.
Fino a qualche tempo fa era possibile mantenere in patrimonio l’immobile prescindendo dalla sua immediata redditività (parliamo degli immobili dalla scarsa funzionalità) perché lo stesso era in grado di conservare il suo valore nel tempo: tanto che si parlava dell’immobile come del salvadanaio, per antonomasia, del risparmio privato. Ora ciò non è più possibile, tanto è gravoso il carico fiscale e gestionale del patrimonio immobiliare.

Con l’adesione dell’Italia alla U.E. siamo entrati in un sistema di regole che prescindono dalle nostre scelte.
Ebbene, le istituzioni economiche internazionali, quali l’Ocse, il FMI, la Commissione Europea, la Bce, coltivano la convinzione che l’ammodernamento del nostro Paese passi attraverso una decisa e rapida trasformazione culturale, un cambio di mentalità.
Ci si deve spostare, dalla gestione individuale del risparmio direttamente esercitata dalla famiglia, ad una gestione collettiva, attraverso intermediari finanziari.
Ci sono dunque imposte virtuose, in grado di produrre crescita economica: sono quelle che, dissuadendo le famiglie dall’investimento diretto, possono indurle a spostare nel senso anzidetto i propri risparmi.
Ecco dunque la ragione dei ripetuti moniti provenienti a turno dai diversi soggetti internazionali affinché l’Italia sposti l’imposizione fiscale dalle persone alle cose, dal lavoro ai beni, dall’economia statica a quella dinamica o reale, che sarebbe poi, nella loro concezione, quella finanziaria.

Figlia di questa idea è la politica fiscale seguita dal Governo dei tecnici tra il 2011 ed il 2013.

Abbiamo assistito ad un pesantissimo inasprimento del carico fiscale su tutte le categorie di immobili; ma, come se non bastasse, si è varata una riforma catastale che, per esplicito riconoscimento del legislatore stesso, avrebbe potuto comportare gravi distorsioni, eliminabili attraverso “correttivi”, per altro macchinosi e di dubbia efficacia, di là da venire.

L’effetto psicologico sulle famiglie risparmiatrici è stato rovinoso: timori, perdita di fiducia. I valori immobiliari scesi vertiginosamente, il mercato bloccato. Un senso di impoverimento generale ha cominciato a diffondersi presso i risparmiatori immobiliari e non; i cittadini hanno ridotto drasticamente i consumi, e la crisi, da finanziaria che era, si è trasformata in crisi economica. Altro che imposte salutari ai fini della crescita: si è innescato un grave processo di recessione economica, i cui effetti di circolo vizioso stiamo ancora scontando.

Ma il danno non si è limitato ad una ingente perdita di ricchezza nazionale, derivante dal calo dei valori di tutto il patrimonio immobiliare italiano.

Ha avuto due altri gravi effetti collegati.
La crisi del mercato immobiliare ha generato una crisi del settore delle costruzioni con conseguente default di molte imprese.

Questo fattore, unito alla diminuzione dei valori immobiliari che si è ripercossa sul sistema delle garanzie reali in sede di finanziamenti bancari, ha dato luogo ad un abbassamento del rating degli Npl (non performing loans), creando serissime difficoltà alle banche. Altra perdita ingente di ricchezza per il Paese.

Non solo, ma il sistema bancocentrico di finanziamento del nostro apparato industriale/commerciale non ha potuto che risentirne.
Terzo effetto perverso.

Quindi, una mossa sbagliata, tre scacchi subiti.
Come strategia non c’è male.

Morale: il miglior risultato non si ottiene coartando le culture, sostituendo le mappe mentali, terrorizzando i cittadini, sradicando cioè le mentalità; ma assecondandole migliorandole con gradualità, in modo tale che nel proprio alveo esse dispieghino i migliori effetti.

 

QN Il Giorno pag. 25 – 05.01.2019 “Pensioni da ripensare” di Achille Colombo Clerici

Pubblicato gennaio 7, 2019 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

La storia della finanza mondiale ci ricorda che lo “schema Ponzi” non ha mai avuto esiti felici.

Se applicato dagli stati – pagando le spese con l’indebitamento pubblico – ha sempre portato a soluzioni nefaste. In antico a guerre. Negli anni Venti del Novecento al disastroso signoraggio praticato dalla Repubblica di Weimar.

Nella finanza privata, ha dato luogo a buchi spaventosi, con conseguenti tracolli a effetto domino.

A parte il caso del suo ideatore, divenuto proverbiale, pensiamo alla più recente vicenda Madoff.
Pagava gli interessi agli investitori, non con il reddito dei capitali accantonati, bensì con i versamenti dei nuovi sottoscrittori.
Il sistema, al redde rationem, è saltato.

La storia finanziaria è costellata di casi Madoff; oggi si rischia persino di perderne la memoria. Chi ricorda più il primo “banchiere di Dio” degli inizi degli anni ’50?

Oggi, in casa nostra, ne abbiamo nel pubblico un colossale esempio. E’ il sistema pensionistico. All’inizio, venne impostato secondo i sani criteri del sistema assicurativo, ispirati inizialmente alle società di mutuo soccorso e poi alle compagnie di assicurazione; basati sul principio di capitalizzazione, anche in immobili a reddito.
Poi una costante erosione degli accantonamenti, per fronteggiare le spese correnti. Ed ora un delicato equilibrio tra queste ultime e le contribuzioni.

Taluni chiedono che si proceda ad una ristrutturazione dell’istituto, abbandonando il vigente sistema di ripartizione basato sull’ equivoco per cui i lavoratori dovrebbero credere di versare i contributi sociali per la loro pensione, mentre in realtà le somme versate sono utilizzate per pagare le pensioni di quelli che già ne usufruiscono.

Consideriamo che, dopo aver praticato la politica della cicala in tempi prosperi, non è facile ora, in tempi di conti risicati, scorporare parte delle contribuzioni per permettere una capitalizzazione ovvero una garanzia alternativa o suppletiva che sia. Per cui sarebbe già una bella cosa riuscire – forti del fatto che non è possibile qui chiedere il rimborso anticipato del capitale – a mantenere in piedi lo “schema Ponzi” senza ulteriori aggravi.

Ma certamente la consapevolezza di questa situazione deve indurci a riflettere seriamente sulla esigenza di riordinare e razionalizzare il sistema pensionistico, eliminando sperequazioni e incongruenze, soprattutto non dilatando ulteriormente il welfare sociale.

 

 

Tigullio, il vero disastro che non si vede – Il danneggiamento del patrimonio naturale – Instat, Istituto Nazionale di Studi per la tutela dell’ ambiente e del territorio – informa

Pubblicato gennaio 3, 2019 di instat
Categorie: Uncategorized

I N S T A T
Istituto Nazionale di Studi per la tutela dell’ Ambiente e del Territorio
Informa

 

TIGULLIO, IL VERO DISASTRO CHE NON SI VEDE

Il compositore Dino Betti van der Noot dopo la burrasca dello scorso 29 ottobre

Da Portofino

Dal pomeriggio, fino alla notte del 29 ottobre 2018, una tempesta di immane forza si è abbattuta sulla costa ligure di Levante, con venti di 150 chilometri orari e onde alte 8 metri. Devastato, in particolare, il Golfo del Tigullio: “Mai si era visto, a memoria storica, un fenomeno simile, ben peggiore della mareggiata di una ventina di anni fa”  ricorda ancora emozionato  Dino Betti van der Noot, jazzista, compositore e direttore noto in Italia e all’estero.

A Rapallo, dove è nato, tiene la barca, ma risiede a Portofino, sul Monte, e conosce ogni metro di costa, ogni scoglio, ogni abitazione, ogni segreto di quei luoghi.

Era qui quella notte?

“No, ero bloccato a Milano, ma ho seguito minuto per minuto, al telefono con amici e consoci del Circolo Nautico Rapallo, quanto stava succedendo: ed era una vera diretta, perché la sede del circolo era anche centro di soccorso per chi era rimasto bloccato dalla buriana. Appena ho potuto, mi sono precipitato a Rapallo.  Barche da diporto, piccole e grandi, fino a maxi yacht, spiaggiate sulla passeggiata a mare o affondate nella rada e nei bacini portuali; relitti parzialmente affioranti; la diga foranea spazzata via dalla violenza del mare. Il porto sembrava uscito da un bombardamento aereo. La litoranea verso Portofino crollata alla Cervara, seppellendo la spiaggia sottostante di macigni e di asfalto. Il faro di Portofino praticamente esploso, il fanale di Santa Margherita piegato a elle, quello di Rapallo scomparso in mare. Locali famosi come il Covo quasi distrutti, danneggiate costruzioni che per secoli mai erano state toccate dalle mareggiate”.

Ma, in definitiva, si tratta di opere umane che sarà possibile ripristinare.

“Certamente, e l’indomito spirito ligure si è subito palesato nell’attività di ricostruzione, dove è risultata evidente la solidarietà insita nella gente che ha a che fare col mare. Ma sono i danni subiti dalla natura che sono quasi irreparabili: quelli visibili e soprattutto quelli che non si vedono. Anche se la natura ha risorse che sono superiori a quanto non si creda”.

Ce li descrive?

“Il profilo della costa, innanzitutto, dalle spiagge divorate dai flutti agli scogli rasi al mare. Tra questi, quelli simbolo: la ‘carega du vescuvu’ sotto la Cervara, prima di Paraggi, che ha perso mezza spalliera; l’alto scoglio della Punta del Diavolo in località Pozzetto di Rapallo, ridotto a una piattaforma appena sopra il livello dell’acqua; altri scogli prima ben visibili ridotti a pelo d’acqua, con l’ovvia necessità di mettere mano anche a carte nautiche e portolani”.

E la parte che non si vede, il fondo marino?

“È quella che ha subito i danni più gravi. L’intero ecosistema è stato sconvolto. Spazzate via le praterie di posidonia, habitat di pesci e crostacei e delle famose conchiglie nere fotografate dai sub. Si suppone che il fondale si sia modificato, in maniera marcata, con possibili diminuzioni notevoli della profondità che, come dicevo, dovranno essere scandagliate e riportate su nuove carte nautiche”.

La componente umana ha influito in qualche maniera?

“Enormemente, anche se involontariamente. Centinaia di barche di ogni dimensione, compresi motopescherecci, sono state colpite: alcune, meno danneggiate, sono state trasportate nei cantieri per le riparazioni, altre si sono letteralmente disintegrate. Realizzate in vetroresina, schegge e minuscoli pezzi si sono sparsi sulla costa e sulle spiagge, visibili perciò asportabili. Ma questi frammenti si sono anche in gran parte depositati sul fondale, dove sarà difficilissimo operare una pulizia, o si sono incuneati fra le rocce delle scogliere. In mare si è poi riversato certamente del carburante, ma probabilmente in misura inferiore a quanto si potesse temere”.

Le operazioni di primo intervento sono state efficienti?

“Ho visto un lavoro ordinato e, mi sembra, ben coordinato, nonostante le estreme difficoltà del momento e la necessità di fare in fretta.”

Lei ha testimoniato tutto questo in una recente trasmissione Rai. Ma non era possibile prevedere quanto accaduto e realizzare opere in grado di prevenirlo?

“Difficile affermarlo. Dopo la mareggiata di venti anni fa, è stata rinforzata la diga foranea a protezione del porto di Rapallo: ma evidentemente i cambiamenti climatici sono più rapidi e intensi di quanto fosse previsto. Ha resistito invece molto bene il vecchio molo Langano, anche perché la furia del mare gli arrivava addosso in parte attenuata dalle infrastrutture del Porto Riva. Devo aggiungere che, solitamente, le mareggiate sono causate da venti che provengono da Sud-Est o da Sud-Ovest: questa volta però il vento – eccezionale, ricordiamolo – veniva esattamente da Sud, con le onde che riempivano la baia come fosse una tazza, alzando notevolmente il livello dell’acqua”.

Quale conclusione trae da quanto è avvenuto?

“Prepararci purtroppo a convivere con la follia del cambiamento climatico che alcuni, a cominciare dal presidente Trump, continuano a negare. E tentare preventivamente, adottando le tecnologie che pure abbiamo a disposizione, di limitarne le conseguenze. È una questione di sensibilità della gente, di educazione da parte delle famiglie e della scuola, e naturalmente di volontà politica”.

Intervista raccolta per INSTAT da Benito Sicchiero

Dino Betti van der Noot
Anche Portofino ha le sue stelle, come Dino Betti van der Noot, jazzista, compositore e direttore d’orchestra, autore di ben tredici dischi, e sei volte vincitore del referendum del mensile Musica Jazz, quale miglior compositore dell’anno. Ottantadue anni portati con grande leggerezza e ottimismo, è un interessante misto come la sua musica, ricca di sfumature sempre diverse e inattese: ligure perché nato a Rapallo, ma per metà lussemburghese, vive fra Milano e Portofino, dopo aver passato una vita lavorativa a Milano come pubblicitario di successo (ha creato, tra le molte campagne, anche il famoso Ba-Ba-Bauli). Sportivo, e precisamente velista, studi in economia, anche se è difficile immaginarlo come un uomo di numeri. E anche la sua testimonianza è quella di un cronista provetto.

Foto:
La “Punta del Diavolo” in località Pozzetto di Rapallo, prima e dopo la burrasca

 

 

 

QN Il Giorno pag. 31 – 29.12.2018 Orgoglio e cultura (Achille Colombo Clerici)

Pubblicato gennaio 3, 2019 di instat
Categorie: Assoedilizia informa

Siamo spesso accusati dagli stranieri di un certo compiacimento nell’autocritica: si tratti di vita politica, sociale od economica, non fa differenza.

Di dipingerci, in altre parole, come infelici residenti in un Paese nel quale poco o nulla funziona, e dal quale, se appena potessimo, ce ne andremmo volentieri. Una forma di autolesionismo questa che è motivo di stupore per gli stranieri, la maggior parte dei quali viceversa ci invidia la qualità di vita. Tanto che l’Italia è ai primissimi posti al mondo quanto a luoghi nei quali si amerebbe vivere: per le bellezze paesaggistiche, la cultura, le tradizioni popolari, i monumenti, il welfare, l’enogastronomia, e tanto altro.

Ebbene, almeno secondo una ricerca del Pew Research Centre – think tank di Washington che fornisce informazioni su problemi sociali, opinione pubblica, andamenti demografici mondiali – perlomeno sotto un aspetto non ci autodenigriamo: quando valutiamo la nostra cultura rispetto a quella di altri Paesi.

La domanda posta agli intervistati era: “Il nostro Paese non è perfetto, ma la nostra cultura è superiore a quella degli altri?”. Il 47% degli italiani la ritiene superiore: due punti più della Germania, uno più della Gran Bretagna, addirittura 11 punti più della Francia; mentre fanalino di coda, tra i maggiori Paesi dell’Unione, è la Spagna, al 20% di autovalutazione positiva.

Ma la ricerca rivela anche dati sconcertanti: il 58% dei norvegesi si ritiene, sempre culturalmente, superiore agli altri. E, inspiegabilmente, sono convinti di ciò i greci (89%), i bulgari (69%), i bosniaci (68%), i romeni (66%).

Non è facile interpretare questi dati (e infatti la ricerca si guarda bene dal farlo). In parte, come nel caso della Norvegia, si può giustificare con l’alto livello sociale, oltreché economico.

Ma negli altri casi?
Una spiegazione possibile è l’orgoglio nazionale: giustificabile nel caso greco, un piccolo Paese che ha plasmato il mondo occidentale; ma per millenni è stato dominato da stranieri – romani,  franchi, turchi, ad esempio – e fino all’entrata nell’Unione Europea, circondato da nazioni ostili. Sentimento presente anche negli altri Paesi citati, di recente e recentissima indipendenza.

Consola la – più che giustificata – buona posizione in classifica di noi italiani. Cominciamo a renderci conto che l’erba del vicino non sempre è più verde.

 

The European House Ambrosetti, Ricerca sul contributo del Gruppo Iren a Genova e in Liguria per la creazione di valore sul territorio – Presentazione a Genova – Europasia informa

Pubblicato gennaio 3, 2019 di instat
Categorie: Istituto Europa Asia

Informa

 

Ricerca di The European House – Ambrosetti sul contributo del Gruppo Iren a Genova e in Liguria per la creazione di valore sul territorio

INVESTITI 293 MILIONI, 3000 POSTI DI LAVORO

In Liguria Iren negli ultimi 5 anni ha investito 293 milioni di euro e nel solo 2017 nel servizio idrico integrato sono stati circa 55,8 i milioni di euro investiti, creando un contributo occupazionale di oltre 3 mila posti di lavoro tra effetto diretto, indiretto e indotto.
Sono solo alcuni dei principali dati territoriali emersi dalla ricerca “Il contributo di Iren alla creazione di valore per i territori e nelle città” realizzata da The European House – Ambrosetti che, in collaborazione con Iren, ha organizzato l’incontro, a Villa del Principe in Genova, “Orientati al futuro. Strategie di sviluppo e valorizzazione dei territori” cui hanno partecipato, tra gli altri,
il Sindaco di Genova Marco Bucci,
Valerio De Molli Managing Partner e CEO di The European House – Ambrosetti,
Paolo Peveraro e Massimiliano Bianco, rispettivamente Presidente e AD del Gruppo Iren.

Iren rappresenta una realtà industriale di primaria importanza a livello nazionale, posizionandosi – con un fatturato 2017 di 3.7 miliardi di euro – 25esima tra tutte le aziende del comparto industriale italiano, 6a nel proprio settore di riferimento e 3a tra i comparable, con un tasso di crescita dei ricavi del 9,3% tra il 2015 e il 2017 rispetto a una media dell’industria italiana dell’1,5%.

Valerio De Molli, Managing Partner & CEO, The European House – Ambrosetti, ha dichiarato “Siamo in un momento di grande trasformazione per i territori, che si ritrovano ad affrontare nuove sfide in diversi settori. In questo contesto, le multiutility possono rappresentare un attore chiave per il loro sviluppo, fungendo da catalizzatori per un cambiamento positivo. Il caso di Iren ci dimostra come questo sia possibile, coniugando un elevato contributo economico e sociale con un’attenzione per la sostenibilità ambientale e un sostegno al sistema dell’innovazione di grande rilevanza.”

Tra gli invitati il presidente di Assoedilizia e di Europasia Achille Colombo Clerici.

 

 

Premio Excellent 2019 – Le decisioni della Giuria riunita al Principe di Savoia Milano – Europasia informa

Pubblicato gennaio 3, 2019 di instat
Categorie: Istituto Europa Asia

Informa

 

“Il turismo alberghiero strategico per il Paese. Milano città accogliente e vitale”

PREMIO EXCELLENT 2019, LE SCELTE DELLA GIURIA

Sì è riunita a Milano, sotto la presidenza dell’onorevole Ombretta Fumagalli Carulli, la giuria incaricata di designare le personalità alle quali sarà assegnato il Premio Excellent 2019. Il riconoscimento, giunto alla XXIV edizione, è riservato a imprenditori e manager del turismo e dell’ospitalità, vero asset strategico dell’economia italiana, ma anche a personalità del mondo della politica, dell’economia, della cultura, dello sport e della solidarietà che si distinguono per il loro contributo alla valorizzazione e alla promozione del brand Italia nel mondo. La cerimonia di consegna avrà luogo a Milano, all’Hotel Principe di Savoia, lunedì 11 febbraio 2019.

“Il turismo alberghiero è strategico per il Paese – ha sottolineato la Presidente del Premio, Ombretta Fumagalli Carulli – per questo, ogni anno vogliamo dare un riconoscimento a personalità che operano nel turismo e nella società distinguendosi per il valore e l’eccellenza del proprio operato. Anche in questa edizione non mancheranno nomi illustri della politica e della società. Il premio andrà a tre personalità dal grande profilo umano e professionale, oltre che ai migliori operatori del turismo alberghiero”. Per ora c’è massimo riserbo sui nomi dei premiati, che verranno annunciati a fine gennaio. La giuria ha scelto personalità all’interno delle istituzioni parlamentari, del governo e del corpo consolare. Milano avrà un ruolo di primo piano nel Premio. “Milano è una città – ha concluso Fumagalli Carulli – a cui tutto il mondo guarda, per la vivacità, per la capacità di essere accogliente e di rinnovarsi. Milano ha, per esempio, il maggior numero di rappresentanti consolari in Italia, a testimonianza della sua vocazione al dialogo e alle relazioni internazionale”.

Per Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia “quello del turismo è l’unico settore che può progredire anche in tempi in cui crolla la produttività, perché il suo sviluppo non è in alcun modo legato ai limiti di capacità di assorbimento da parte del mercato, come avviene per i beni durevoli. Sicché il turismo sta dimostrando di rappresentare una fondamentale via di uscita per controbilanciare la stasi di altri settori. Una importante risorsa per il Paese che meriterebbe maggiore attenzione da parte di governanti ed operatori privati.”

Un premio speciale verrà assegnato ad esponenti della grande ristorazione alberghiera e non solo. Nella scorsa edizione il riconoscimento è andato, tra gli altri, a Lorenzo Giannuzzi, amministratore delegato e direttore del Forte Village, Sofia Vedani, amministratore delegato di Planetaria Hotels, Giovanni Legnini, vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky Italia, Carlo Bonomi, Presidente Assolombarda, Sandro Neri, Direttore de il Giorno, Heinz Beck, Executive Chef del ristorante la Pergola di Roma.

La Commissione del Premio Excellent presieduta da Ombretta Fumagalli Carulli è composta da personalità  quali  Francesco Saverio Borrelli, magistrato emerito e raffinato musicologo; Mario Mancini, presidente Communication Agency; Claudia Buccellati CB marketing&consulting; Federico Falck, presidente Gruppo Falck; Clemente Mimun, direttore TG5; Pasquale Spinelli, primario emerito Istituto dei Tumori di Milano; Paolo Casella, ordinario di Diritto Commerciale, Università di Milano; Magda Antonioli Corigliano, direttrice del MET, Master in Economia del Turismo dell’Università Bocconi di Milano; Guglielmo Guidobono Cavalchini, delegato granpriorale per la Lombardia Sovrano Militare Ordine di Malta; Maria Pia d’Angella, Gruppo Crédit Agricole. Completano il panel gli hôtelier Paolo Biscioni e Jean Marc Droulers; Stefano Bonini, partner Trademark Italia. Della Giuria fa parte inoltre Ezio Indiani, General Manager dell’Hotel Principe di Savoia di Milano che ospita la serata di gala per la consegna dei Premi Excellent.

Foto:
Da sin. Pasquale Spinelli, Claudia Buccellati, Guglielmo Guidobono Cavalchini, Achille Colombo Clerici, Mario Mancini, Ombretta Fumagalli Carulli, Madga Antonioli Corigliano, Stefano Bonini, Ezio Indiani