Relazione del Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici al Convegno Unione Internazionale Architetti e Politecnico di Milano 5.7.08 Villa Olmo – Como

Un breve excursus sul concetto di città ci permette di meglio comprendere questa realtà, e quali debbano essere i suoi caratteri e le sue funzioni . E conseguentemente di fare qualche riflessione sul concetto di qualità della vita nella città.

Forse nessuna nozione al mondo (tranne quella riguardante l’essere umano) ha avuto tante definizioni.

Ciascuno ne ha delineato una a seconda della sua concezione culturale.

Vediamo alcune di quelle nelle quali mi sono imbattuto nel mio lungo discutere e sentir discutere di città.

 

         La città politica

 

Nel I° secolo a.Ch. lo storico greco Strabone definiva la città lo strumento per governare il maggior numero di uomini con il minor numero di uomini.

Duemila anni dopo, ancora dominava una concezione politica che vedeva nella fabbrica, all’interno delle città, il luogo ideale per il miglior controllo delle masse: nel nostro Paese questa visione ha prodotto, nel secondo dopoguerra del secolo scorso, una violenta accelerazione dell’urbanesimo (l’esodo dalle campagne alla città) e rilevanti processi di migrazione di massa dal Sud al Nord. A Milano, chi non ricorda, negli ultimi anni ’70 le pesanti operazioni urbanistiche in alcuni quartieri popolari, (ad esempio il quartiere

Garibaldi) per il mantenimento dell’elettorato esistente.

 

– Citta’ comunita’ di persone secondo i teologi ed i filosofi.

 

Tanto nel pensiero dell’antica grecia, quanto in quello cristiano dei primi Padri della Chiesa, citta’ non identifica un luogo fisico, quanto piuttosto una comunita’ di persone.

Il pensiero di Agostino di Ippona (De civitate Dei contra paganos) il cui fulcro quadrativo risiede nella dominanza di Dio, secondo Salvatore Settis – Archeologo,direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa – rieccheggia nel quadro di Giorgione “La tempesta”; dove si descriverebbe la cacciata di Adamo e di Eva dal Paradiso e dove sarebbero simboleggiate le due citta’: la Citta’ di Dio(come ordine spirituale) dominata dalla folgore che rappresenta la potenza divina e la citta’ terrena (il Paradiso della cacciata) contornata dalle rovine della morte ed introdotta dai primi piani di Adamo e di Eva nell’atto di allattare Caino,considerato da Agostino come il fondatore della citta’ terrena.

 

– La citta’ stato

 

Nel pensiero filosofico greco la citta’ si identifica con lo stato (polis); l’attenzione dei pensatori si incentra sugli aspetti di organizzazione ( le diverse classi sociali: chi produce, chi governa, chi difende la citta’,chi amministra il culto ) e di governo della societa’ (monarchia, aristocrazia, politia e sulle loro forme degenerate:tirannide,oligarchia,democrazia)  e sul rapporto tra cittadini e stato.

Cosi’ in Platone ed Aristotele si teorizza sulla graduazione dei nuclei aggregativi sociali e sulla loro interfacciabilita’ ( la famiglia, la societa’,lo stato ). E sulla massima istanza che deve caratterizzare il rapporto tra il cittadino e la polis: la partecipazione diretta del cittadino stesso al governo della cosa pubblica.

 

– Città democratica e città gerarchica

Al Farabi, filosofo e scienziato arabo del x sec. d.Ch., concepiva la “città virtuosa” come un complesso istituzionale gerarchico, convinto che la città democratica fosse sì una città felice, perchè ognuno può realizzare ciò cui aspira, ma alla fine generatrice di caos.

– Concezione della città Immaginifica

Molte città recano l’impronta dei governanti che vi trasfondevano il carattere dei regimi politici o ideal-istituzionali, di cui volevano l’affermazione e la celebrazione: abbiamo tutti presenti la magnificenza, la maestosità delle città regali, o l’architettura gotica e opprimente, oscuramente ispirata all’esoterismo, di Albert Speer ai tempi di Hitler, o quella massiccia, squadrata e pervasiva di Piacentini nel periodo fascista, che richiama l’efficientismo della romanità. Pensiamo anche alle valenze simboliche dei grattacieli americani o dei blocchi sovietici.

Giulio II, nella Roma del Cinquecento, andò alla ricerca della monumentalità e della pompa, non fini a se stesse, ma tese ad maiorem Dei gloriam. Una Roma quella di Giulio II, per nulla pianificata; con palazzi monumentali e templi sorgenti in mezzo a radure ed orti. Ottant’anni dopo arriverà Felice Peretti, papa Sisto V, che affiderà all’architetto lombardo/svizzero (Melide – Lugano 1543) Domenico Fontana il compito di redigere un vero e proprio piano regolatore della città, con strade, piazze, fognature, rete idrica: la Roma felix, per il nome e per l’intento del papa. Quanto alla valenza immaginifica dei materiali usati, pensiamo alla luminosità dell’intonaco nel rinascimento ed alla rudezza ed essenzialità della pietra, evocatrice della austerità delle virtù borghesi, nei periodi neoclassico ed eclettico.

 

– La città etica

 

Sullo sfondo aleggiava la concezione del teologo; così bene espressa, dal gesuita Giovanni Botero (nel suo trattato “Cause della grandezza e magnificenza della città” 1589, in piena Controriforma) che considerava la città una radunanza di uomini, riuniti per vivere felicemente.

I Gesuiti, peraltro, (Acta della Congregazione Generale della Compagnia 1558)  furono antesignani nel prefigurare un modello di convivenza ordinata secondo uno schema razionale improntato alla massima funzionalità della struttura edilizia in rapporto alle esigenze abitative di una comunità.

I moduli, infatti, delle case religiose e dei collegi gesuitici costituirono la base per l’impostazione della più moderna cultura della ospitalità, per ciò che riguarda, tanto le   strutture edilizie, quanto le regole delle ricettività; e favorirono il passaggio dalla cultura ospitaliera, prima medioevale dei monasteri e dei conventi, poi rinascimentale delle corti, a quella romantica degli alberghi.

 

– La funzionalità

 

Venendo a visioni più funzionali passiamo dalla concezione del progettista Le Corbusier (che parlava di macchina; per vivere potremmo parafrasare) a quella dell’amministratore pubblico dei nostri giorni (Chiamparino, sindaco di Torino), che definisce la città come il luogo delle contraddizioni.

Una visione che si riconduce alla concezione dell’architetto umanista. Filarete parlava della città ideale, come del luogo in cui si riuniscono e si concentrano il massimo dei vizi ed il massimo della virtù (dal lupanare all’osservatorio astronomico, come dire dalle stalle alle stelle). Una realtà variegata e contradditoria, ardua da comporre e da governare.

Significativa anche la definizione dell’esteta John Ruskin che parla di luogo della accumulazione; in un certo senso evocando il dualismo tra natura allo stato brado e natura costruita, manipolata dall’uomo; nella quale, a seguito dell’azione umana, il paesaggio si fa gradatamente paese e questo, a sua volta, diviene città. Il processo è proprio quello della accumulazione, non solo delle risorse, ma soprattutto delle attività, delle funzioni.

 

– La città fattore di crescita

 

Un passo avanti ed incontriamo la descrizione che ci fa il business-guru Jonas Riddersträle (meeting Ambrosetti Cernobbio 2007) che collega la città all’idea di sogno: la città capace di fare immagine, come fonte di richiamo, dotata di un forte appeal basato sulla competitività (intesa come capacità, non tanto di essere migliori, quanto di essere diversi).

Qui si innesta chiaramente, a mio giudizio, il discorso della qualità della vita. Perchè la vivibilità non può che esser fatta di efficienza, di funzionalità, di equilibrio (socio-economico e territoriale-strutturale).

La competitività è anche qualità dell’offerta di beni e servizi.

E dunque anche organizzazione dei servizi stessi rivolti alle persone ed alle imprese (opportunità di lavoro, di studio, di cultura, di socializzazione).

Da questa visione discende la concezione della sociologa statunitense Saskia Sassen, Professore nella Columbia University e coordinatrice di un progetto quinquennale Unesco su “sustainable human settlement”, che parla di città come di piattaforma che ospita centri di servizi globali, inserita in un circuito globale, soprattutto con riferimento ai

servizi intermedi (workshop Ambrosetti Cernobbio 2008).

 

– La concezione sociologica

 

Possiamo, a questo punto, tentare un approccio sociologico alla nozione di città: essa è incontro di comunità, di ambiente e di cultura:

         comunità che implica i concetti di sussidiarietà, di solidarietà, di sicurezza;

         ambiente, che contiene l’aspetto dell’ecologia, della salute, dell’equilibrio socio-territoriale e struttural-territoriale;

         cultura, che richiama l’appeal, le opportunità in termini di conoscenza, di lavoro, di socializzazione.

Dall’insieme di queste componenti scaturiscono la qualità dell’offerta di vita e la competitività complessiva della città e del territorio.

Oggi, il nostro mondo si proietta nel mondo globalizzato. La globalizzazione (giova sottolinearlo) è fenomeno complesso, non solo economico e finanziario, ma etnico, sociale e culturale.

 

– La competitività e la cultura sul territorio

 

Se la città deve essere competitiva, la sua offerta complessiva non può prescindere dunque dall’immagine culturale: che deve ancorarsi al territorio, attraverso quello che Massimo Cacciari definisce il radicamento terraneo, per poter in qualche modo contrastare l’effetto dei processi socio/economici deterritorializzanti, che oggi attraversano il nostro mondo. In campo socio-economico il processo di ristrutturazione, di innovazione tecnologica, di terziarizzazione, di finanziarizzazione, di internazionalizzazione. In campo territoriale la deindustrializzazione e la delocalizzazione.

Il radicamento della cultura al territorio si realizza quando si percepisce la sensazione di trovarsi al centro dell’essere. Se essere è conoscere, al centro della conoscenza. Se è sentire, al centro dell’emozione. Se è apparire, al centro della visibilità. La periferia culturale è sinonimo, oltre che di marginalità, di decadenza”.

Quando dico che, affinchè l’EXPO 2015 produca i suoi frutti, nel tempo, in altri termini accenda un motore che rimanga in moto anche dopo che l’Esposizione avrà chiuso i battenti (evitando che quell’evento lasci dietro di sè cattedrali nel deserto, come Siviglia ’92) è necessario radicare al territorio una forte immagine culturale, intendo dire che non è solo questione di landmark (legato al passato o al futuro che sia, o alla finalità ecologica che Milano si è proposta). E’ operazione complessa che passa attraverso, non solo i cantieri e le opere sul territorio o le iniziative più o meno durature, ma anche attraverso un impegno ed una partecipazione civile e culturale di tutta la nazione italiana. Un impegno volto a potenziare il territorio come fattore rigeneratore della complessiva competitività della conurbazione urbana. Secondo l’insegnamento di Carlo Cattaneo il quale sosteneva paradossalmente che spesse volte il territorio rigenera la città distrutta.

 

Explore posts in the same categories: Relazioni

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: