Comunicato stampa Assoedilizia: “Italiani in vacanza come al solito”

ASSOEDILIZIA
Cescat-Centro Studi Casa Ambiente e Territorio

  COMUNICATO STAMPA 

ITALIANI IN VACANZA COME AL SOLITO.
55 per cento della popolazione in Villeggiatura.
Nei giorni dal 30 luglio al 4 agosto 10 milioni di autoveicoli in viaggio.

 

Vacanze in movimento  (auto-motoveicoli, treni,  aerei, navi) per oltre 34 milioni di villeggianti; ma la durata del soggiorno principale è  ridotta a meno di due settimane, mentre la spesa pro-capite scende di oltre 100 euro – 

 Dove vanno i milanesi e i lombardi Milano

  – Alle vacanze gli italiani non rinunciano anche nell’anno della recessione.

 Con un elemento in più: maggiore oculatezza, o maturità, nelle scelte delle località di villeggiatura, nella durata, nelle spese.

E’ quanto emerge da una ricerca del CESCAT-Centro Studi Casa Ambiente e Territorio di Assoedilizia sulla base di proprie rilevazioni e incrociando i dati di Anas, Fs, aeroporti, operatori turistici e organizzazioni di consumatori.

 Non ci sono grandi variazioni rispetto al 2008.

Si sono messi o si metteranno in viaggio oltre 34 milioni di persone: il 15% circa si è mosso dopo la chiusura delle scuole – dal 6 al 16 giugno (Lombardia) – mentre nel mese clou delle vacanze, dal 30 luglio al 26 agosto, sarà in vacanza il 55% del totale.

 La durata media del soggiorno principale si riduce da 14 a 13 giorni, la settimana si trasforma in week-end lungo (quattro giorni) se non in ripetuti spostamenti con permanenze ancora più brevi sui luoghi di villeggiatura. Ciò significa maggior traffico (dal 31 luglio al 2 agosto 10 milioni di autoveicoli, oltre 2 milioni di viaggiatori in treno, un milione in aereo di cui 400.000 in transito negli aeroporti milanesi).

 Ricordiamo che due altri grandi esodi in uscita si verificheranno dal 7 al 9 agosto e nei giorni immediatamente precedenti Ferragosto;  mentre i giorni del rientro sono previsti per il 22-23, 24-30 agosto, 5-6 settembre.

 Come al solito, preferito il mare da circa il 50%, comunque in calo rispetto al 2008.

 Tra le mete preferite, le città d’arte e cultura che si contendono, con il 16-18%, il secondo posto con la campagna. Due trend in continua ascesa mentre la preferenza per la montagna/collina è in caduta, tornando ai livelli del 2005.  Anche la spesa pro capite sarà più contenuta: circa 100 euro in meno rispetto ai 1.015 del 2008. Perdono clienti gli alberghi (in Italia 33.800 con quasi 2.100.000 posti letto) a favore di pensioni, dell’affitto della casa-vacanze (18%),  della casa di proprietà (15%), di bed&breakfast, agriturismo(16.000 centri), campeggio (14%); il resto in casa di parenti ed amici.

 Italiani all’estero

 Un quarto dei vacanzieri italiani preferisce l’estero. La  quota più consistente conferma la preferenza per Spagna, Grecia, Mar Rosso, Tunisia, Turchia, le città di Londra, Parigi, Barcellona e – rafforzando il successo del 2008 – Berlino.

Notevole l’incremento percentuale di turisti italiani in Croazia, in frenata la meta Usa (troppo defatiganti i controlli di sicurezza? O tasso di cambio sconveniente?)

Crociere. In forte espansione rispetto al 2008. Se si calcolano anche le mini-crociere traghetto (con auto al seguito) si raggiungeranno 8.500.000 unità a bordo di 148 navi di 64 compagnie.

Stranieri in Italia.

I tedeschi fanno, come al solito, la parte del leone con quasi il 30% di presenze, seguiti a distanza dai turisti del Regno Unito (7%) e a scalare con percentuali comprese tra un punto e mezzo punto, americani, francesi, olandesi, austriaci, svizzeri, spagnoli, russi, giapponesi.

I lombardi

Mare. Costa adriatica e ligure si contendono i primi posti nelle preferenze dei lombardi, milanesi in testa, anche se le tipologie dei fruitori sono ben diverse: netta prevalenza di turisti di “seconda casa” in Liguria, pensioncine e campeggi accolgono in maggioranza i lombardi sul nord Adriatico.
 Seguono le spiagge toscane, la Sardegna, il Sud (Puglia, Calabria, Sicilia); ma pure le isole minori (in particolare l’ Elba).

  Monti.  Dominano le Prealpi, seguite da Valtellina, Valchiavenna, Valle d’Aosta e Vallese, Trentino Alto Adige, Engadina.

Percentuali minori anche se consistenti scelgono i laghi, l’Oltrepò, l’Umbria, la Toscana. Una curiosità. Nell’intero anno Milano registrerà oltre la metà di turisti dell’intera Lombardia (oltre 5 milioni e mezzo. Ma c’entra il turismo d’affari).  

Sito www.assoedilizia.com 

ASSOEDILIZIA, la borghesia storica di Milano e della Lombardia

Explore posts in the same categories: Comunicati stampa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: