Comunicato stampa Assoedilizia: Ferragosto: secondo due monitoraggi 700/750.000 i milanesi presenti

Secondo due monitoraggi effettuati lunedì 10 e venerdì 14 agosto
Milanesi presenti alla vigilia di Ferragosto: 700-750.000 (di cui 260.000 anziani e copresi 60.000/70.000 “clandestini”). Più 8-9% rispetto al 2008. Nel ponte del 14-16 scendono a 550.000 (210.000 anziani)
Più 30% Ii negozi e gli esercizi aperti.
Il contributo degli immigrati alla vita della città

Milano, 14 agosto 2009 – Anche alla vigilia di Ferragosto Milano è viva. Probabilmente i negozi e gli esercizi pubblici aperti non sono la metà in più rispetto allo scorso anno come anticipato da fonti comunali: ma un buon 30% sì, anche grazie agli incentivi predisposti dal Comune stesso che ha fatto proprio il suggerimento avanzato da Assoedilizia lo scorso anno. Si conferma così un trend in corso da tempo, che vede Milano allinearsi rapidamente alle consuetudini agostane delle altre grandi città europee.
Risulta da due monitoraggi lungo le vie dello shopping e del turismo effettuati dal Cescat-Centro Studi Casa Ambiente e Territorio di Assoedilizia lunedì 10 agosto ed oggi venerdì 14 agosto. Questi i risultati.
Per quanto riguarda il numero dei milanesi in città, la settimana si divide in due: fino a giovedì 13 sono state calcolate 700-750.000 presenze, circa il 50% della popolazione, compresi 60-70.000 “clandestini” (più 8-9% rispetto al 2008). Venerdì, sabato – giorno di Ferragosto – e domenica, più di 550.000 (sono 800.000 durante l’intero mese di agosto e 1.300.000 i residenti iscritti all’anagrafe): i milanesi oltre i 60 anni presenti in città sono, sempre con riferimento ai due monitoraggi, rispettivamente 260.000 e 210.000. Sempre secondo l’elaborazione del CESCAT-Assoedilizia, si calcola inoltre una presenza di alcune decine di migliaia di turisti, italiani e stranieri, nei giorni presi in considerazione. In tutto agosto i turisti dovrebbero raggiungere le 300.000 unità, circa la metà di quelle registrate mediamente in altri mesi dell’anno che comprendono però il turismo d’affari.
Quale accoglienza la città sta offrendo ad abitanti ed ospiti nei giorni del “Natale laico estivo”?
I risultati sono positivi, confermando una tendenza quasi costante in questi ultimi anni: una Milano agostana sempre più viva e attiva: almeno in centro e lungo i grandi assi commerciali.
Assoedilizia ha effettuato i monitoraggi lungo le vie dello shopping e del turismo – Loreto, corso Buenos Aires, corso Venezia, Quadrilatero della Moda, San Babila, corso Vittorio Emanuele, Duomo, via Torino, via Orefici, piazza Cordusio, via Dante, Castello – aggiungendo via Padova.
Il flusso veicolare e pedonale, l’utilizzo dei mezzi pubblici, l’occupazione dei parcheggi, il numero di esercizi e negozi aperti, la presenza di bancarelle e chioschi nonché di mendicanti e ciclisti sui marciapiedi, rende la vita in centro molto simile a quella di ogni altro giorno estivo. Il fenomeno, sempre rispetto al 2008, diventa macroscopico per via Dante, piazza Cordusio, piazza Duomo, corso Vittorio Emanuele che vede quasi tutti i negozi e gli esercizi aperti (nel 2008 era chiuso uno su tre). Il quadrilatero della Moda vede la maggior parte delle saracinesche alzate, un discreto movimento di stranieri e lavori di ammodernamento nei negozi di alcune grandi firme, il che fa bene sperare nella ripresa. Gli esercizi delle Corti di Baires (lo scorso anno un solo negozio e un solo bar in attività) risultavano quasi tutti aperti. Lo stesso per Matteotti-piazza Meda. Profluvio di cartelli che annunciano saldi dal 30 all’80% di sconto. Forze dell’ordine in evidenza.
Da sottolineare. Tra l’inizio della settimana di Ferragosto e il “ponte” presenze e aperture si sono ridotte di un accettabile 15-20%.
Via Padova rappresenta un caso a sé. “Conquistata” dalla comunità cinese, 4 esercizi su 5 aperti sono gestiti da cittadini extracomunitari (la grande maggioranza cinesi, appunto) che offrono agli abitanti ogni tipo di servizio: dagli alimentari al parrucchiere, al ristorante, al bar, alla riparazione di elettrodomestici. L’attività dei commercianti extracomunitari si estende d’altronde in tutta la città.
Anche se non strettamente connesso alle finalità del monitoraggio, Assoedilizia registra comunque lunghe file di saracinesche chiuse nella semiperiferia e in periferia (laddove sono meno presenti gli extracomunitari): ma nota pure una più consistente apertura di bar e trattorie, proprio per meglio rispondere alle esigenze dell’aumento della popolazione di Ferragosto. I supermercati, tutti aperti, sembrano rispondere a sufficienza ai bisogni primari dei cittadini delle periferie.
In conclusione, le abitudini dei milanesi sono mutate. Progressivamente il periodo di vacanze si stempera nelle altre settimane e negli altri mesi dell’anno (come testimoniano le abbronzature in circolazione) e a Ferragosto Milano diventa sempre più abitata, lo confermano diversi indicatori legati alla vita quotidiana della città.
Peraltro, come abbiamo ricordato, occorre considerare la presenza (non risultante nelle statistiche) degli irregolari, in continua crescita in questi anni e certamente non inclini ad andare in vacanza. Bisognerebbe ragionare allora con riferimento ad una popolazione ufficiosa di circa 1.400.000 abitanti.
Non ci si dimentichi però che la maggiore presenza in città è dovuta, oltreché al cambiamento dei costumi, anche all’impossibilità di uscirne per motivi economici: troppe tasche non contengono risorse per svaghi e vacanze.

www.assoedilizia.com
Explore posts in the same categories: Comunicati stampa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: