Assoedilizia informa: Dialetti e lingue regionali. Simboli di identità e di integrazione. Natale 2009. “Taccoin per l’ann 2010″

LE CENTO LINGUE DIVERSE CHE FANNO L’ITALIA UNICA

Il “Taccòin per l’ann 2010”, agenda bilingue di Rizzoni e Marelli, giunto alla ventesima edizione, accompagna i milanesi di nascita e diadozione alla riscoperta di tanti valori meneghini.
 Assoedilizia presenta l’iniziativa editoriale.
 Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia: “Il dialetto, come la lingua regionale, simbolo di identità e di integrazione al tempo stesso.”

 Benito Sicchiero

Sono divise in 7 gruppi le lingue regionali e i dialetti italiani: Gallo-italico, Linguistico veneto, Variante dialetti toscani, Dialetti  centrali, Dialetti meridionali intermedi, Siciliano, Linguistico  corso; cui si aggiungono 11 minoranze linguistiche riconosciute dalla  legge: albanese, catalana, greca (Salento e Calabria), slovena, croata  (che si parla anche in Molise), francese, francoprovenzale, occitana, tedesca e affini, sarda, retoromanza (lingue ladina e friulana).

Un bel “rebelot” (dialetto milanese) che se da un lato rende evidente l’opportunità di preservare e tutelare tale ricchezza culturale, d’altro lato mostra l’impossibilità di far coincidere i confini linguistici con i confini amministrativi. Nella sola Lombardia, ad esempio, si parlano il lombardo occidentale e il lombardo orientale. 

Se poi si intendesse identificare un denominatore comune per la cosiddetta Padania, la terra a nord del Po,  di lingue (cioè di  culture, usi, tradizioni) diverse ne troveremmo almeno 9:  provenzale,  francoprovenzale, gli anzidetti lombardo occidentale e orientale, tedesco, ladino, friulano, sloveno, veneto.

Achille Colombo Clerici commenta: “Il dialetto, come la lingua regionale, resta un valore, simbolo di  identità e di integrazione, come sa non solo chi è nato in una certa terra, ma chi ci arriva e si sforza subito di apprenderlo, almeno in parte.”

E Così li aiuta il “Taccòin per l’ann 2010”, agenda letteraria in lingua  milanese frutto dell’impegno Gianni Rizzoni e di Roberto Marelli.

Due persone e due “filosofie”: Rizzoni, editore e scrittore, creatore dell’Agenda Letteraria giunta alla ventesima edizione; e Marelli, attore, poeta e cultore della lingua e delle tradizioni meneghine,  alle quali ha dedicato spettacoli teatrali, libri e trasmissioni radiofoniche e televisive.

Il Taccòin per tutto l’anno a venire è una vecchia tradizione di Milano: alla Bertarelli sono conservati centinaia di esemplari dal  Settecento ai giorni nostri, alcuni storici, come El lava piatt del meneghin ch’è mort, compilato da Carlo Porta. Quei libriccini raccontano la vita e i costumi dei milanesi di un tempo forse meglio  di tanti libri di storia.

Il moderno Taccòin vuole riprendere quella tradizione e accompagnare i milanesi di nascita e di adozione alla riscoperta di tanti valori  meneghini. Non solo la lingua – e non dialetto – con la sua dignità e la sua ricchissima letteratura, ma anche eventi e monumenti visti attraverso testi storici e poesie in milanese.

I giorni, indicati secondo il Calendario Ambrosiano, sono arricchiti dai detti popolari più sinceri e legati alla tradizione. Nella miscellanea ha cercato di raccogliere tutte le informazioni sulla  “milanesità”: istituzioni, associazioni, biblioteche, pubblicazioni, locali storici e ristoranti.

Come si presenta? 160 pagine, con molte illustrazioni – aprono le  immagini della Madonnina e una poesia ad essa dedicata – e  citazioni tratte da archivi, libri e giornali d’epoca, cataloghi e antologie  moderne custodite nel Gotha della milanesità: Biblioteca Braidense, Hoepli, Diapress, Libri Scheiviller e Metamorfosi, Archivi Marelli,  Raccolta Bertarelli, Archivio Chierichetti, Famiglia Meneghina, Ex Martinitt, Don Gnocchi, Raccolta Milani, Museo della Scala, Fiera  Milano, Pinacoteca di Brera, Associazione Brambilla, Archivi Peck, Savini, Boeucc, Campari.

L’agenda è bilingue, milanese e italiano. 

www.assoedilizia.com

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: