Assicurazione Edifici per calamità naturali – Convegno AIDA – Commento Assoedilizia

Al Convegno AIDA-Associazione Internazionale di Diritto delle Assicurazione riproposta la “Polizza sociale” contro le calamità naturali

Colombo Clerici, Assoedilizia, esprime forti perplessità.
Potrebbe servire allo Stato per meno impegnarsi sull’ambiente.  La casa paga già allo Stato imposte generali ed oltre 167 milioni di euro per soli contributi specifici ambientali

 Benito Sicchiero

Le catastrofi naturali – terremoti, frane, alluvioni, incendi, crolli  – causano ogni anno in Italia molti morti e feriti e molti milioni di danni: indispensabile quindi una maggiore prevenzione. Ma, una volta che il disastro è successo, bisogna almeno ridurre le conseguenze del danno economico che pesa sul superstite e sullo Stato. Come? Con una assicurazione: che deve essere “sociale”, frutto cioè di una collaborazione tra Stato e compagnie di assicurazione. In sintesi: polizza obbligatoria, modulata secondo il rischio più o meno forte nelle diverse aree del  Paese, detraibile dalle imposte, possibilità per le compagnie di competere tra loro per contenerne il costo .Se ne parla da anni ma niente è stato deciso.  A pungolare il governo ci ha pensato il convegno “Forme di collaborazione tra Stato e Compagnie di assicurazione in materia di regolamentazione dei danni conseguenti a calamità naturali” organizzato a Milano da Aida-Associazione internazionale di diritto delle assicurazioni, sezione lombarda. Tre le sessioni: Le esperienze nella regolamentazione dei rischi catastrofali, Aspetti tecnico-assicurativi, Valutazione della regolamentazioni esistenti in tema di rischi catastrofali e proposte di soluzione per il nostro Paese; concluse da una tavola rotonda dal tema “Contraddizioni tra le leggi esistenti e le necessità operative in caso di catastrofi naturali”.

I relatori, italiani e stranieri, sono intervenuti con ricchezza di dati e profondità di conoscenze. Si sono apprese quindi, ad esempio, le tipologie di rischio in Europa e in Italia, la percentuale di assicurati in Italia (contro il terremoto circa l’1%) e nel mondo (10%, per citare, in California); la classifica dei rischi naturali in Italia (al primo posto alluvioni e frane a conferma di un territorio fragile e devastato.

Con una precisazione: ogni euro investito in prevenzione fa risparmiare 4 euro in danni e 3,5 euro in soccorsi). E molto altro.
Il convegno ha inteso dimostrare, inoltre, che le compagnie di assicurazione hanno la competenza, la conoscenza, l’esperienza per offrire allo Stato un valido supporto. Il Presidente di ASSOEDILIZIA avv. Achille Colombo Clerici:  “ C’è un punto pregiudiziale da chiarire. Tutte le nuove proposte, che prevedono oneri a carico degli immobili, con facoltà di rivalersi su altri o sullo Stato, nascono in tal modo, ma, strada facendo,rimangono irrevocabilmente a carico integrale degli immobili e dei loro proprietari. Così successe con l’ICI che, nella originaria previsione, doveva esser accollata per metà agli inquilini, effettivi fruitori dei servizi comunale. Poi, sappiamo com’è andata a finire. Cosi succederebbe con questa polizza obbligatoria il cui costo si prevede, in questa sede teorica, come detraibile. C’è comunque una sostanziale differenza  concettuale e nessuna analogia tra la copertura assicurativa obbligatoria, a carico degli immobili, in caso di catastrofi naturali e l’assicurazione obbligatoria d Lo Stato peraltro percepisce dagli immobili, per questo compito, imposte erariali generali e, in determinate zone, contributi specifici per 167.226.200 euro ( attraverso i consorzi di bonifica).
Imporre dunque una assicurazione obbligatoria in modo generalizzato,   equivarrebbe ad applicare una doppia tassazione, per il medesimo scopo.
Anzi l’introduzione di una assicurazione obbligatoria a carico dei danneggiati potrebbe paradossalmente essere controproducente: perché lo Stato, sollevato dall’obbligo degli indennizzi, potrebbe sottrarsi  di fatto gradualmente al suo compito istituzionale di investire nella sicurezza del territorio.
 E così si chiuderebbe, una volta per tutte, con l’ennesimo errore,  il cerchio della salvaguardia del bel Paese”.

 I lavori, coordinati da Roberto Pontremoli e Giorgio Sacerdoti, hanno visto gli interventi di Luigi Molinari, Fabio Maniori, Diana Cerini, Marco Frigessi di Rattalma, Anselm Smolka, Serge Troeber, Felice Penco, Roberto Manzato, Bernardo de Bernardinis, Adolfo Bertani, Massimo Antonarelli, Mario Polelli, Nicolò Zanon di Valgiurata, Maurizio de Tilla, Giovanni Rolando, Pietro Antonio de Paola.

www.assoedilizia.com
 

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: