Risparmio energetico – Azione UE ed Italiana prevalentemente sugli immobili – Jeremy Rifkin Forum Ambrosetti Taormina – Assoedilizia Colombo Clerici

Intervenendo oggi ad un dibattito di Federlombarda il presidente di Assoedilizia, di Federlombarda e vicepresidente di Confedilizia Achille Colombo Clerici ha dichiarato:

“Settimana scorsa, nella sua relazione al Forum Ambrosetti di Taormina sul tema dello sviluppo sostenibile, Jeremy Rifkin, presidente della Foundation on Economic Trends USA, ha illustrato i “cinque pilastri” per un’azione efficace sul piano del risparmio energetico, nonché del contenimento dell’inquinamento e delle emissioni di gas serra nell’atmosfera.

Il campo della industria, quello dei trasporti, quelli ancora dell’allevamento del bestiame/agricoltura, degli immobili e quello delle fonti energetiche rinnovabili. 

Per ottenere qualche apprezzabile risultato è necessario intervenire con un’azione complessa e complessiva che coinvolga tutti e cinque i settori.

Non solo, ma anche sul piano mondiale tutti i paesi si debbono impegnare ad eguale livello, e non in modo disomogeneo ed asimmetrico.

Diversamente si va incontro ad una dispersione di energie e di risorse.

Queste considerazioni ci inducono a qualche riflessione.

A livello globale, purtroppo assistiamo alla latitanza dall’impegno “energetico” , non solo degli stati emergenti del BRIC (Brasile, India, Cina), ma addirittura di paesi come gli USA che non possono perdere il passo della competitività con quegli stati che presentano un alto tasso di crescita economica.

L’Italia, sotto la pressione dell’ U.E. la cui linea politica è ispirata da una burocrazia superattiva che teorizza spesso e volentieri, esente com’è dalla responsabilità politica che ricade viceversa sulle spalle dei Governi nazionali, sta conducendo una azione alquanto disordinata ed affannosa.

Preme in quei campi in cui è più facile imporsi  (come quello immobiliare) rallentando o sospendendo l’azione dove maggiori sono le resistenze (campo industriale): ne risulta una forte asimmetria di interventi.

Il nostro Paese ad esempio  finanzia con enormi costi sociali ed individuali  pannelli fotovoltaici domestici, doppi vetri ed infissi, portoni d’ingresso e quant’altro, coibentazioni, sostituzioni di impianti perfettamente funzionanti, ed una serie di interventi qualitativamente polverizzati  e poi taglia i fondi alla ricerca.

Una riflessione generale.

C’è una responsabilità etica alla base di queste scelte europee.

I sacrifici ed i costi imposti sono proporzionati ai risultati che ci si prefigge di raggiungere o si tratta di una fatica di Sisifo?

Ma è legittima anche un’altra domanda. 

Questa “politica degli ideali” implica anche dei limiti alla crescita: essa viene praticata prevalentemente dall’ Europa, mentre non lo è da parte dei paese emergenti e da molti paesi leaders economici a livello mondiale.
Ed allora, non c’è il rischio che si accentuino gli squilibri e le sperequazioni e, se ci sarà un livellamento, questo avverrà per l’Europa verso il basso?”

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: