Cedolare secca affitti – Sanzione omessa Registrazione Contratti Locazione Abitativa – Colombo Clerici al Governo: sanzione va subordinata alla evasione fiscale sostanziale

La cedolare secca sugli affitti potrebbe passare nei primi mesi del 2011

PRO MEMORIA PROPRIETARI – VERIFICARE LA REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE IN ESSERE.
PROVVEDERE ENTRO IL 31 DICEMBRE  2010

COLOMBO CLERICI AL GOVERNO:  LA SANZIONE ANDREBBE SUBORDINATA ANCHE ALL’EVASIONE FISCALE DELLE IMPOSTE SUL REDDITO OLTRE CHE ALLA OMESSA REGISTRAZIONE DEL CONTRATTO (Non essendoci necessaria corrispondenza tra omessa registrazione ed evasione fiscale)

L’ottavo comma dell’art. 2 dello schema di decreto legislativo in materia di Federalismo fiscale municipale, in fase di approvazione da parte del Governo, prevede gravi sanzioni, per i contratti di locazione abitativi non registrati alla data del 31 dic. 2010.

Tali sanzioni, applicabili anche nel caso in cui i redditi derivanti dai contratti in questione siano stati assoggettati a regolare tassazione (sarebbe comunque auspicabile che la sanzione colpisse solo le violazioni di carattere sostanziale e non anche  quelle, per così dire, esclusivamente “formali”o di registrazione, spesso dipendenti addirittura da azioni di terzi) consistono in un mutamento del regime civilistico del rapporto con il conduttore, che porta ad una pesante penalizzazione dei trasgressori fiscali.

Il Governo sembra intenzionato ad approvare questa normativa, se non entro la fine dell’anno per difficoltà tecniche, anche dopo il primo gennaio 2011: il che sarebbe tecnicamente possibile.

Se dunque il termine del 31 dic. 2010 non verrà “aggiornato” nel testo definitivo del decreto legislativo, accadrà che l’effetto della salvezza dalla disciplina sanzionatoria potrà verificarsi solo per i contratti regolari o regolarizzati ai fini della registrazione entro tale data.

È dunque necessario che i proprietari-locatori verifichino se per qualche disguido non sia stata effettuata qualche registrazione dei contratti di locazione in essere; provvedendo,ove necessario, alla regolarizzazione entro la data del 31 dic. 2010.

Dichiarazione del presidente di Assoedilizia e vice presidente di Confedilizia Achille Colombo Clerici:

 “Chiediamo che il Governo, nel varare il decreto legislativo, subordini l’applicazione delle sanzioni di cui all’ottavo comma dell’articolo 2 del testo schematizzato, non solo all’omessa registrazione del contratto, ma altresì al mancato pagamento delle imposte sui redditi.”

www.assoedilizia.com

 

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa, Comunicati stampa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: