ICI Immobili Chiesa – Sole 24 Ore Roma; Intervista a Colombo Clerici pubblicata il 14 settembre 2011

“Gli immobili commerciali già pagano l`imposta”

“La legislazione italiana è chiara. Le attività commerciali messe a reddito dalla Chiesa sono già soggette all`Ici. Quando si invoca la fine dell`esenzione Ici per i beni ecclesiastici, si vuole far pagare l`imposta nei luoghi dove si esercita il culto, nelle chiese”. Ci tiene a fare “chiarezza”Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia (l` Associazione milanese della proprietà edilizia).
Quando esercitava la professione di avvocato, Clerici è stato consulente della Curia milanese, occupandosi della legislazione che riguarda gli immobili ecclesiastici. Da presidente di Assoedilizia, inoltre, ci tiene a smentire quelle stime che attribuiscono allaChiesa il 20%  del patrimonio edilizio nazionale. 

Lei stima in un  3% gli immobili riconducibili alla Chiesa nella capitale. Non è poco?
La maggior parte del patrimonio edilizio di Roma risale al secondo dopoguerra e si trova soprattutto in periferia. Qui la presenza degli immobili riconducibili alla Chiesa è molto ridotta. E’ di immediata percezione che neanche a Roma possiamo arrivare a una quota del 20%, figuriamoci a livello nazionale. In tutta Italia non arriviamo neanche all`1%.

Sulla scia dei sacrifici chiesti agli italiani per far fronte alla crisi, è tornata la richiesta di cancellare l`esenzione Ici per i beni ecclesiastici su cui si svolge un`attività anche solo parzialmente commerciale. Non le sembra giusto?
L’esenzione Ici è prevista per una serie di immobili riconducibili o a enti non profit o agli enti religiosi (ricadono in questa disciplina tutte le confessioni che hanno una convenzione con lo Stato) A due condizioni però: la natura non commerciale del proprietario e la funzione di interesse collettivo relativo all`attività svolta. Gli immobili commerciali della Chiesa sono già esclusi dall`esenzione.

Una casa per ferie gestita da un ente ecclesiastico dovrebbe pagare secondo lei l`Ici?
La valutazione caso per caso non possiamo farla noi, ma spetta ai singoli Comuni. Ma quando parliamo a livello politico, ci occupiamo degli aspetti legislativi, non di come opera il singolo ente locale. E su questa materia il Parlamento si è espresso chiaramente.

La palla quindi passa ai Comuni?
Se ci sono errori interpretativi è a loro che bisogna rivolgersi. Allora gli istituti religiosi potranno replicare per spiegare se la loro attività serve per assolvere i propri fini istituzionali. È chiaro però che lo Stato non sindaca su come la Chiesa ritiene di adempiere alle proprie finalità istituzionali.

An. Mari.

 

Explore posts in the same categories: Articoli, Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: