Archivio per marzo 2012

Convegno Tavola rotonda “La disciplina dei ‘costi da reato’ tra diritto tributario e diritto penale”

marzo 20, 2012

 

Convegno La disciplina dei costi da reato

 

 

Invito: Incontro “Donna oggetto, donna soggetto”

marzo 19, 2012

Incontro Donna oggetto, donna soggetto

Lista incontri L’Europa è per le donne

 

Convegno: “Le convenzioni urbanistiche ed edilizie per lo sviluppo e la valorizzazione di terreni e fabbricati

marzo 19, 2012

Per scaricare l’invito:

Paradigma convegno Urbanistica 2012

 

 

Fisco Immobili – Convegno Assoedilizia – Colombo Clerici: “Pagare le tasse, ma senza iniquità”

marzo 16, 2012

Convegno

LA CASA PAGA IL COSTO DELLA CRISI ECONOMICA
Imu, addizionali e misure energetiche

 Mercoledì 28 marzo 2012
Ore 9,30

 Sede del convegno:

 ASSOEDILIZIA
Milano  – Via Meravigli, 3
 (1° piano – scala principale)

 

Saluto introduttivo 

Avv. Achille Colombo Clerici
Presidente di Assoedilizia

Relatori 

Rag.Sergio Brembati
Notaio Angelo Busani
Prof. Marilisa D’Amico
Avv. Bruna Gabardi Vanoli
Geom. Franco Guazzone
Ing. Camillo Paveri Fontana
Dott. Antonio Piccolo
Avv. Cesare Rosselli
Avv. Luca Stendardi

Moderatore:
Dott. Saverio Fossati
Giornalista de “Il Sole 24 Ore”

Alcuni fra i temi che saranno trattati:
La nuova IMU sperimentale ed anticipata
I caratteri che differenziano l’IMU dall’ICI
Profili di costituzionalità dell’IMU
L’Imu e le Dimore Storiche
La riforma catastale
I provvedimenti regionali sulla termoregolazione e la contabilizzazione del calore.

Segreteria Organizzativa:
Assoedilizia, Via Meravigli 3, 20123 Milano
Tel. 02.885591 – fax 02.8900711 – email: info@assoedilizia.mi.it

 

 

Fisco Immobili – Convegno Confedilizia Perugia – 29 marzo 2012 – Colombo Clerici: “Pagare le tasse, ma senza iniquità”

marzo 16, 2012

Confederazione Nazionale della Proprietà Edilizia

GIOVEDI’ 29 MARZO ORE 16.00
Perugia HOTEL PLAZA – Via Palermo n. 88

CONVEGNO

IMU e riforma del Catasto “La casa paga il costo della crisi economica: realtà e prospettive”

Introduzione: Ing. Armando FRONDUTI
Presidente Confedilizia Umbria

Saluti: Vladimiro BOCCALI, Sindaco di Perugia; Dr. Giorgio MENCARONI, Presidente Camera di Commercio di Perugia

Interventi: Avv. Achille COLOMBO CLERICI, Vice-Presidente Nazionale Confedilizia e Presidente Assoedilizia

Dr. Stefano VINTI, Assessore Regionale alle Politiche Abitative

Avv. Prof. Marilisa D’AMICO, Ordinario di Diritto costituzionale nell’Università di Milano e Pres. Comm. affari istituz. Comune Milano

Dibattito aperto a tutti i cittadini

Nel corso dei lavori verrà distribuito materiale informativo. Domande per i  rimborsi IVA sulla TIA – Calcolo dell’IMU nei vari Comuni Umbri. Consulenze e servizi per Colf e Badanti


L’Ing. Armando Fronduti

Graffiti selvaggi, imbrattamenti di muri – Comune di Milano e AMSA dovere di pulitura – al Corriere della Sera, Colombo Clerici

marzo 15, 2012

Ribadito da Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia, in una intervista al Corriere della Sera

GRAFFITI SELVAGGI: COMPETE AD AMSA RIPULIRE I MURI IMBRATTATI

Graffiti selvaggi.  Intervistato dal Corriere della Sera sull’annoso problema che fa di Milano la città più imbrattata d’Italia e la meta prediletta  dei graffitisti di mezza Europa, il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici ha ribadito come una possibile soluzione possa venire soltanto da un deciso intervento di Amsa, l’unica struttura in grado – per disponibilità di uomini e di mezzi – di operare capillarmente sul territorio.

Ad esempio, ha portato quando avviene a New York (a suo tempo Assoedilizia ha avuto contatti diretti con Sanitation Department, omologa di Amsa) dove l’ente pubblico ripulisce in un giorno, e senza oneri per i proprietari, 25.000 mq di muri, cioè la superficie che a Milano, al massimo del suo impegno, ripulì in tre mesi.

Inoltre, ha concluso Colombo Clerici, un deterrente importante sarebbe il divieto di vendere bombolette spray ai minori di 18 anni. Questo importante provvedimento non passò quando venne approvata la legge di inasprimento delle pene contro gli autori di tags, concordata con Assoedilizia. E’ il caso di riproporlo. Come andrebbe anche introdotto legislativamente il divieto di detenzione di bombolette spray e di materiale atto ad imbrattare, in occasione e durante le manifestazioni pubbliche ed i cortei.

 

Contabilizzatori di calore – Articolo dell’Ing. Ezio Rendina

marzo 13, 2012

La Delibera di Giunta regionale del 30 novembre 2011 (n. 2601) prevede l’obbligatorietà dell’installazione dei contabilizzatori individuali delle calorie consumate in ciascuna unità immobiliare, sia per il riscaldamento che per l’acqua calda sanitaria. Tale obbligo scatta dal 1/8/2012 tranne che per i piccoli impianti (di piccoli condomini) per i quali è posticipato al 1/8/13, con lo scopo di addebitare una quota non inferiore alla metà dei consumi totali del generatore termico condominiale in ragione dei consumi individuali effettivamente contabilizzati. Ma tra la teoria e la pratica, spesso, si creano dei problemi di difficile soluzione. I sistemi di contabilizzazione del calore per gli impianti termici a servizio di più unità immobiliari previsti  appaiono di dubbia capacità di misurazione dell’effettivo consumo, poiché rilevano solo la quantità e la temperatura dell’acqua calda in ingresso nell’appartamento e non anche la temperatura dell’acqua meno calda in uscita; pertanto ci si chiede come sia possibile quantificare in modo corretto le calorie effettivamente scambiate se non si conosce la differenza di temperatura tra l’acqua in ingresso e quella in uscita. Lasciare ad ogni condomino la possibilità di regolare, financo a chiudere, l’assorbimento energetico per riscaldare il proprio appartamento lascia la possibilità ad un uso “estremo”: si pensi ad un appartamento disabitato per diversi giorni e quindi non riscaldato. Ciò porta ad una eccesiva dispersione di calore degli appartamenti confinanti che quindi, con i loro consumi, pagano il risparmio del vicino. Tale condizione potrebbe essere ovviata imponendo,  attraverso il regolamento condominiale, una temperatura minima in ogni appartamento. Ma ci si chiede: come è possibile verificare che tale temperatura sia effettivamente mantenuta?

Vi è poi un problema tecnico che cerchiamo di spiegare con un esempio (realistico): immaginate che in un appartamento sia installato un contabilizzatore di calorie sulla colonna montante (ovvero sull’uscita diretta ai radiatori dell’appartamento). Ipotizziamo che tale appartamento abbia 10 radiatori nei quali entrano in tutto 10 litri/min di acqua calda poniamo a 70 °C; tale acqua, dopo aver attraversato i caloriferi, torna alla centrale a 40°, quindi con una differenza di temperatura di 30° che poi, moltiplicata per 10 litri al minuto, è la quantità di calore “consumata” dall’appartamento. Se il proprietario chiudesse uno dei dieci radiatori la portata non scenderà da 10 a 9 litri/min, ma bensì a 9,5 litri/min circa per ragioni legate a concetti di idraulica qui difficili da spiegare in modo chiaro e sintetico. In compenso la temperatura di uscita dell’acqua anziché essere di 40°C sarà di 43°C circa. Ovvero anziché ridurre la contabilizzazione energetica del 10%, come avviene in realtà, la si riduce del 5% perché non si considera che l’acqua è tornata alla centrale termica un po’ più calda. Quindi il sistema è poco preciso e penalizza il proprietario di casa che vuole risparmiare stando maggiormente al freddo.

Infine, come scritto nelle righe iniziali, solo una parte delle spese del carburante della caldaia (gas o gasolio) rientrerebbe nei conteggi dei consumi individuali, ciò perché ci sono delle dispersioni lungo i tubi che portano l’acqua agli appartamenti. Infine si ricorda che deve essere l’assemblea condominiale, con una modifica al regolamento di condominio, che deve accettare la contabilizzazione delle spese in ragione dei consumi e non è detto che ciò avvenga. Potrebbe quindi accadere che spesi circa €1.500 per ogni famiglia per installare i contabilizzatori e per apportare una serie di modifiche all’impianto centralizzato necessarie, le spese di riscaldamento restino contabilizzate in ragione dei millesimi di proprietà. Ci si chiede, quindi, a chi conviene questa operazione imposta dalla Regione? Forse se la Regione volesse davvero favorire il risparmio energetico sarebbe meglio prevedere un cambio delle caldaie con altre più efficienti (il tutto con qualche incentivo) poiché l’impegno economico della installazione dei contabilizzatori di calore non sarà certamente compensato dai risparmi energetici.

Ing. Ezio Rendina

 

Europa Progetto Comune – Cina Africa – Istituto Italo Cinese, dichiarazione del pres. Colombo Clerici a Class CNBC

marzo 12, 2012

C’è un progetto comune europeo a livello mondiale che riguardi il nostro futuro?

Quali le strategie sull’Africa e sulla Cina?

Dichiarazione del Presidente Achille Colombo Clerici a Class CNBC: talk show del 10 marzo 2012 ripreso nei giorni 11,12 e 13 marzo.

“C’è da chiedersi se esista un progetto globale europeo, non solo sulla carta ma nei fatti, che riguardi il nostro futuro ed i rapporti con i diversi continenti e Paesi strategici, quali l’Africa e la Cina ad esempio.

Assistiamo quotidianamente a continue querelles sui temi della quadratura dei conti finanziari ed economici, e ciò distrae da un disegno e da una conseguente azione comune globale; da una politica unitaria, nell’interesse effettivo di tutti e di ciascuno, sui temi di fondo del nostro futuro.

L’Europa deve servire affinché i singoli Paesi appartenenti concorrano nell’attuazione di un progetto comune che li renda più forti e competitivi a livello globale; non certo perché ciascuno si senta più debole, nella propria autonomia, avendo rinunciato ad un pezzo della sua identità.”



 

CLASS CNBC 507 Sky, – Talk Show finanza ed economia; Colombo Clerici partecipa venerdì 9 marzo 2012 dalle ore 21 alle ore 22

marzo 9, 2012

Il Presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Italo Cinese Achille Colombo Clerici questa sera alle ore 21 su Class Tv CNBC

Nuova stangata sui proprietari di casa. La Regione Lombardia impone la termoregolamentazione e la contabilizzazione del calore in tutti i condomini

“Nuova stangata sui proprietari di casa. Oltre a Imu, aggiornamenti catastali e quant’altro imposti dal governo conla legge Salva Italia, ci si mette anche la Regione Lombardia a ficcare le mani nelle tasche dei cittadini con la ciliegina della termoregolazione negli ambienti e di contabilizzazione autonoma del calore nei condomini di tutto il territorio regionale.

A partire dal primo agosto infatti le famiglie lombarde dovranno sostenere una spesa media di 1.500 euro per eseguire tali lavori che non porteranno praticamente risparmi nel consumo energetico e certamente innesteranno tensioni rovinose nei rapporti sociali  tra i condomini”.

Lo afferma a Class Cnbc, la televisione del Gruppo Class questa sera alle ore 21, il Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici.

Colombo Clerici viene intervistato inoltre sui risultati ottenuti dal governo Monti  sulla stabilizzazione dei conti pubblici e sulle prospettive politiche del governo stesso.

E, nel suo ruolo di presidente dell’Istituto Italo Cinese, Colombo Clerici si sofferma sulla opportunità di attirare un maggior numero di turisti cinesi in Italia.

Dei 54 milioni di cittadini del Paese asiatico che l’anno scorso hanno visitato l’Occidente, meno di un milione ha brevemente soggiornato in Italia.

Camillo De Milato Generale Comandante Esercito – Cerimonia di commiato, Palazzo Cusani Milano – Achille Colombo Clerici, Assoedilizia ed Assoc. Amici di Milano

marzo 9, 2012

IL GEN. DE MILATO LASCIA IL COMANDO DELL’ESERCITO LOMBARDIA 

ll saluto del presidente di Assoedilizia e della Associazione Amici di Milano Achille Colombo Clerici

Il Generale di Brigata Camillo De Milato lascia dopo sei anni la guida del comando Reclutamento e forze di completamento regionale Lombardia che aveva assunto il 10 novembre 2006.

Alla cerimonia di commiato presenzia il presidente di Assoedilizia e della Associazione Amici di Milano Achille Colombo Clerici con il Segretario Generale della Associazione Giuseppina Bruti Liberati.

Il Comandante De Milato, Uomo di grande capacità intellettuale e organizzativa, si è inserito rapidamente nel mondo sociale della città.

Con un gruppo di civili e militari fa parte dell’Associazione “Amici di Palazzo Cusani”, e di altre Associazioni culturali e di solidarietà.  

“Penso che il mondo civile di Milano e della Lombardia – sostiene de Milato – sia intessuto sia di cultura, sia di solidarietà. Senza una loro collaborazione non avrei avuto modo di inserirmi appieno nella società lombarda”.  

Per questo motivo De Milato “civile” intende ampliare la sua attività nel settore del volontariato e del no-profit : “Una scelta che conferma la sua cultura a la sua grande sensibilità umana” ha detto  Achille Colombo Clerici, facendosi interprete anche del pensiero del Segretario Generale Giuseppina Bruti Liberati : “Perciò l’Associazione Amici di Milano, gli esprime stima e sentimenti di vicinanza”.

Il Presidente Achille Colombo Clerici