Carico Fiscale secco del 70-80 % per i redditi da locazione. Investimento in perdita. – Colombo Clerici: dichiarazioni riprese da Italia Oggi in articolo pubblicato il 25 luglio 2012

In relazione al dato commentato da Confcommercio riguardante la pressione fiscale del 55%  in Italia, osserviamo che questo dato è la risultante del rapporto fra l’ammontare complessivo del prelievo tributario (imposte dirette ed indirette) e dei contributi sociali con il Pil del Paese.

Pressione fiscale ufficiale: in rapporto al Pil virtuale aumentato della quota di “economia sommersa”.
Pressione fiscale reale: in rapporto al Pil al netto di tale quota.

Siamo dunque al paradosso che più è alta l’evasione fiscale e minore è la pressione fiscale. 

Aggiunge il presidente Achille Colombo Clerici:

“Quel dato, peraltro, dice poco con riferimento alle posizioni tributarie delle singole categorie o parti economiche ed ancor meno a quelle dei singoli contribuenti.

E’  un po’ come la media trilussiana, ognuno contribuisce a modo suo: c’è chi paga con l’aliquota Irpef sui redditi del 20 o del 23%  e chi con quella del 43%; chi paga solo sugli acquisti-spese e chi sui trasferimenti; chi beneficia delle agevolazioni fiscali.
Le imprese, come media pro capite, pagano una quota di imposte assai scarsa, mentre concorrono in modo più rilevante alle contribuzioni per gli oneri sociali.

Ma ciò che conta alla fine per il contribuente è solo il CARICO FISCALE e contributivo che gli grava sulle spalle.
Non la pressione fiscale, come dato economico; anche se questa è senza dubbio indicativa dell’ andamento generale della fiscalità e dell’incidenza fiscale, in particolare.

Per arrivare alla media denunciata del 55% immaginiamo un po’ cosa deve pagare chi, come il locatore di una casa, paga le imposte sul reddito lordo (cioè comprensivo del costo afferente la produzione dello stesso reddito. Così, più o meno, vuole la legge: la deduzione per costi è ridotta al 5%).”

Il Centro Studi Cittadino e Fisco di Assoedilizia ha calcolato che, per un locatore (investitore del risparmio) soggetto alla aliquota marginale del 43%, il prelievo fiscale diretto sul reddito lordo (tra Irpef, Imu anticipata, addizionali regionale e comunale, tasse di scopo) si aggira ormai attorno al 60% .

Per i contribuenti che applicano la cedolare secca il risultato sta in un sensibile peggioramento del trattamento tributario precedente l’introduzione delle ultime misure varate dal Governo.

Il resto del reddito (decurtato di quel 60% di prelievo secco) serve  per pagare le spese manutentive straordinarie, le opere di adeguamento tecnologico ed energetico (sia pure agevolate), le spese di assicurazione e di amministrazione-gestione dell’immobile (se ci sono dei dipendenti ovviamente i contributi): il tutto caricato di relative imposte ed oneri sociali.

Carico fiscale reale, dunque, per il locatore persona fisica tra il 70 e l’80% ed oltre del reddito.

Se poi dobbiamo considerare, come è naturale che sia, l’ammortamento dello sfitto e degli insoluti, allora la remuneratività dell’investimento va direttamente sotto zero.

 

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: