Fisco Immobili – Perdita di Ricchezza Nazionale – Quale politica per la casa? – Assoedilizia,Confedilizia Achille Colombo Clerici

Dichiarazioni del presidente di Assoedilizia e vice presidente di Confedilizia Achille Colombo Clerici

“Riconosciamo al Governo Monti il merito di tenere in equilibrio la precaria situazione contabile del nostro Paese, avendone rafforzata la credibilità ed il peso internazionale.

Ma non possiamo sottrarci al dovere di osservare che per il settore immobiliare, in particolare, questo ha comportato un costo sproporzionato.

La Repubblica del 19 novembre scorso a pag. 13 titolava: Monti: “E’ il momento di comprare in Italia”.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri, incontrando l’emiro del Kuwait, “rassicura il governo locale sugli sforzi fatti dall’Italia per il risanamento ed invita a venire in Italia, a investire.” 

Conviene, conviene eccome: soprattutto da quando i prezzi dei beni italiani, a cominciare da quelli immobili, a seguito della politica fiscale praticata dal nostro Governo, da un anno a questa parte son ribassati notevolmente.

E poi, non dimentichiamolo, dal Kuwait non vengono qui le famiglie a comprar casa: ma arriva un bel fondo immobiliare, che gode di agevolazioni fiscali finanziate con le tasse pagate dalle famiglie italiane risparmiatrici.

Lo Stato italiano, dunque, non sa nemmeno a quanto ammonti la perdita di ricchezza conseguente al brusco ridimensionamento dei valori intervenuto a livello nazionale nel solo campo degli immobili.

Non lo sa perché non esiste neanche una valutazione ufficiale del valore dello stock degli immobili (terreni e fabbricati, residenziali ed usi diversi, pubblici e privati) nel nostro Paese.

 Non dico, una valutazione analitico-deduttiva: ma nemmeno una valutazione sintetica che indichi un ordine di grandezza complessivo (c ‘è soltanto una stima dell’Agenzia del Territorio – rapporto 2011 – per il solo settore residenziale che parla di un totale di 6335 miliardi, di cui 5721 appartenente alle persone fisiche, e 614 alle persone non fisiche).

E non esiste, perché non si è mai sentita la necessità di assumere questo dato tra gli indicatori dell’andamento economico.

Sicché vien spontaneo chiedersi come si possa in queste condizioni, fare ora una qualsivoglia politica economica, non dico generale, ma neppure settoriale.

In tanti anni di lavoro sui temi del territorio e della proprietà immobiliare mi son purtroppo reso conto che il difetto discende da una visione degli economisti che sembrano considerare il settore immobiliare una variabile indipendente del sistema economico, che può subire qualunque tassazione, senza tema che si producano conseguenze negative sulla economia nazionale.
Concetto questo che poteva reggere fin tanto che l’economia aveva rilevanza prevalentemente nazionale.
Ora che è globalizzata non regge più; e quanto è avvenuto in proposito in Italia ce lo sta dimostrando. 

Non trascuriamo di dire che  andrebbe affrontata, parallelamente tutta la problematica nascente dalla finanziarizzazione della economia: ma aprire questo capitolo ci porterebbe lontani dal ragionamento che stiamo seguendo.

A seguito dell’innalzamento del carico fiscale gli immobili, come beni da investimento, hanno perso attrattività; il calo della pressione della domanda sul flottante di mercato, che e’ assai esiguo rappresentando attualmente solo l’1% dell’intero stock delle abitazioni, ha prodotto una brusca discesa dei valori del restante 99%  degli immobili (osserviamo per inciso che il mercato immobiliare presenta un dinamismo di 250 volte inferiore rispetto a quello della Borsa Valori).

Tale ridimensionamento porta come conseguenza una riduzione della capienza delle garanzie bancarie per la concessione dei mutui, il cui numero, anche per tale ragione si contrae ulteriormente; mentre parallelamente si riduce l’attività produttiva immobiliare, in una sorta di circolo vizioso.

Oggi a talune banche, per finanziare un investimento immobiliare, non basta più “vedere” il patrimonio immobiliare posseduto dall’operatore.
Vogliono avere contezza del suo “respiro finanziario”; vogliono vedere insomma quanta disponibilità liquida possiede.

La perdita di valore degli immobili ad oggi, nel nostro Paese, si può  stimare, in termini di ordine di grandezza, attorno ai mille miliardi.

Tutto questo, si badi bene, in una situazione che vede una relativa tenuta dei valori immobiliari, perché i proprietari evitano ancora di svendere gli immobili: preferiscono pagare le tasse sopravvenute con altri redditi diversi da quelli immobiliari che presentano una più ridotta capienza, o con il risparmio disponibile, piuttosto che dismettere.

Ma fino a quando?

In caso contrario, immaginiamo le conseguenze.

Comunque sia, il fatto è che, come qualcuno mi ha osservato,  già da ora, senza aspettare il peggio, lo Stato ha un minor introito fiscale e per ciò stesso minori disponibilità finanziarie per la politica del welfare che dovrebbe realizzare.”

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: