Amici Della Scala: Premio TOGETHER FOR CULTURE, per discipline musicologiche – Istituto Europa Asia

Prima edizione del “Premio per la Ricerca in Discipline musicologiche”

LIANA PUSCHEL VINCE IL TOGETHER FOR CULTURE-AMICI DELLA SCALA

Colombo Clerici: Magnifico esempio di milanesità a sostegno della negletta e, fra qualche tempo, misconosciuta cultura nazionale

Benito Sicchiero

Mala tempora currunt, è vero; ma a fronte di vitali esigenze quali, ad esempio, il welfare, la casa, il lavoro, non si può dimenticare il pilastro della cultura.

Migliaia di giovani ogni anno si laureano nelle “inutili” facoltà di lettere, i dottorati sono di alto livello internazionale, ma i giovani che li conseguono vengono “abbandonati”.

Come avviene nella nicchia dell’editoria musicologica, oggi “snobbata” dal pubblico, ma anche dal privato dopo i fasti degli anni ’80, una vera marginalizzazione sociale.

Gli Amici della Scala hanno dato vita a “Together for culture”, un portale in italiano e in inglese, per aprire uno spazio di conoscenza, comunicazione e collaborazione tra istituzioni culturali, artistiche e scientifiche in Italia e nel mondo, con particolare attenzione alle nuove generazioni.

Nell’ambito di questo progetto è nato nel 2012 il Premio per la Ricerca in Discipline Musicologiche.

Spiega la presidente e anima dell’associazione Anna Crespi Morbio: “Per difendere la cultura e in special modo la conoscenza della musica considerata troppo spesso un semplice svago”.

Mentre il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici ha definito il Premio “magnifico esempio di milanesità a sostegno della negletta e, fra qualche tempo, misconosciuta cultura nazionale”.  

Il Premio è rivolto a giovani studiosi che abbiano conseguito il dottorato di ricerca presso una Università italiana, e viene assegnato ad un lavoro di particolare valore selezionato da una commissione di autorevoli studiosi della materia, per questa edizione composta dai professori Dinko Fabris, Philip Gossett e Antonio Rostagno.

Al vincitore viene offerta la pubblicazione della tesi dottorale presso l’editore Giangiacomo Feltrinelli, in versione e-book, e in volume cartaceo, a cura degli Amici della Scala.

Alla prima edizione del concorso, cui hanno aderito 27 Università, hanno partecipato  – presentati da 43 docenti e 21 coordinatori di dottorato – giovani che nei due anni accademici 2009/2010 e 2010/2011 hanno discusso una dissertazione di ambito musicologico.

La vincitrice della prima edizione è Liana Püschel dell’Università degli Studi di Torino.
Dalla sua tesi è nata la pubblicazione: Russi, caffè e avanguardie-Aspetti della Parigi musicale all’epoca delle Histoires Naturelles di Ravel, prefazione di Antonio Rostagno.

La semplice cerimonia si è svolta nella suntuosa cornice del Ridotto dei palchi “A. Toscanini” del Teatro alla Scala di Milano e si è conclusa con un concerto del tenore Piero Pretti accompagnato al pianoforte dal M° James Vaughan.

Sono state eseguite arie da Il Trovatore e Lucia di Lammermoor.

Foto: Da sin. Livia Pomodoro, Giovanna Colombo Clerici, Achille Colombo Clerici, Anna Crespi Morbio.
Excellent 2013 Da sin. Livia Pomodoro, Giovanna Colombo Clerici, Achille Colombo Clerici, Anna Crespi Morbio

 

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa, Istituto Europa Asia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: