Archivio per gennaio 2014

“Casa Città Società” Rubrica di ASSOEDILIZIA Achille Colombo Clerici – “Tassa e raddoppia” Pubblicato su Il Giorno del 25 gennaio 2014

gennaio 27, 2014

A s s o e d i l i z i a
Property Owners’ Association Milan Italy

D. Ho due appartamenti ed un magazzino dati in affitto.
Con le tasse che ci sono non mi rimangono in tasca che pochi euro e mi resta da pagare il commercialista e la assicurazione: senza contare gli enormi costi che in tutti questi anni ho dovuto affrontare per mettere a posto gli impianti elettrici, l’ impianto di riscaldamento, la sicurezza gas, le termovalvole sui radiatori, e per fare le manutenzioni.
Sento dire che in Italia le tasse sulla casa sono basse rispetto ad altri Paesi europei. Come è possibile ?

 R. “Infatti non è possibile.
I dati statistici ufficiali, stilati dagli enti  internazionali (Ocse, Eurostat), ai quali si fa riferimento,  non ‘fotografano’ il grado di incidenza del carico fiscale sull’immobile, bensì rappresentano solo il rapporto tra il gettito fiscale del settore ed il PIL.

E tale gettito in Italia era già in linea con la media europea quando alla fine del 2011 fu varata la stretta fiscale, che portò la tassazione sugli immobili dagli allora 23,8 MLD agli attuali 44 MLD.
Se poi si tien conto anche delle imposte derivanti dall’occupazione e dall’utilizzo delle case, come avviene all’estero, tale cifra sale a ben 51 miliardi.

Figuriamoci dunque a quale livello è giunta ora in Italia  la pressione fiscale sugli immobili rimasti a pagare le tasse, che son meno della metà: una percentuale ampiamente al di sotto della media europea.

Per le case ‘a reddito’ come le sue, la tassazione da noi è il doppio della media europea.

Poiché il fisco per tanti anni ha penalizzato l’investimento a reddito negli immobili, questi son passati gradualmente dal regime della tassazione a quello della esenzione (il 73% delle famiglie abita in casa di proprietà che è esente). 

Il carico fiscale esorbitante ha prodotto e produce enormi effetti depressivi sull’intera economia del settore immobiliare: dal dimezzamento del numero di compravendite e  mutui, negli ultimi cinque anni, al grave calo di valore dei beni immobili, che colpisce tutti, anche i possessori della prima casa esente dall’Imu,  alla riduzione al lumicino della locazione privata, che presenta conseguenze ulteriormente involutive: ci saranno ancor meno locazioni e molti immobili passeranno ancora dall’ area della tassazione a quella della esenzione fiscale.” 

foto presidente 103

Riccardo Riccardi “Gli Spilli del Banchiere” – La commedia umana del banchiere” Libro Ed. Egea Milano – Presentazione di Antonio Quaglio Sole 24 Ore – IEA Istituto Europa Asia

gennaio 24, 2014

Istituto Europa Asia
IEA
Europe Asia Institute

 

Presentazione del libro di Riccardo Riccardi “Gli Spilli del Banchiere”

– La commedia umana del banchiere.
di Antonio Quaglio
Sole 24 Ore

“Una volta presidenti e direttori generali di una banca venivano nominati dalle segreterie di partito. Ora dal fato e talvolta anche dalle capacità”. Non è facile capire se un presidente di banca in carica come Riccardo Riccardi, nel 2013, sia davvero malinconicamente distaccato dal lavoro che gli ha sicuramente fatto incontrare più “imitatori e falsari” che “artisti della banca”, come desiderava Luigi Einaudi.

Di certo Riccardi – mezzo secolo passato fra Milano e Roma, fra sportelli tradizionali e finanza innovativa – ha nostalgia di un mondo in cui “per diventare banchieri bisognava prima essere bancari” e la manualità sviluppata fra carte carbone e calcolatrici meccaniche “era direttamente collegata al cervello”. Si sente che gli mancano sia i “banchieri che sapevano di latino” sia il “direttore di filiale arrivato al vertice”.

Di sé, il presidente della banca della Nuova Terra, conclude – con un pizzico di auto-ironia – di essere stato un “banchiere nel sogno”. Formula sottilmente utile a descrivere il pacifico disincanto di chi ha sognato di fare il banchiere, così come si coltiva il sogno di fare il medico o il calciatore; ma anche la disillusione più amarognola di chi – non unico e più da vicino – ha constatato che la finanza ultra-virtuale non è affatto sinonimo di “bel sogno”.

Comunque sia andata, Riccardi non s’è affatto annoiato nelle stanze dei bottoni “dov’è uso bisbigliare come in confessione”. La sua raccolta di “spilli” è anzi una sfida aperta a chi riduce – più o meno intenzionalmente – la finanza un gigantesco algoritmo. E forse il gigantesco pasticcio nel quale la finanza si è cacciata – e ha cacciato tutti noi – da qualche anno è legato proprio al fatto che i “bankers” hanno perso interesse e intuito per la vita reale che circonda banche e Borse. Hanno smesso di ridere dei banchieri inglesi che in Italia e “pranzano con spaghetti per primo, lasagne per secondo, cappuccino per dessert”. Hanno dimenticato in fretta tutte le lezioni lasciate dallo “zio comunista”, così simile al Migliore del Pci del dopoguerra: che forse non si sarebbe sorpreso o scandalizzato della caduta del Muro di Berlino, ma avrebbe detto che si era sollevata era “polvere di stelle”. La finanza odierna ha perso il gusto delle vedove ricche e dei tassisti saggi, della democrazia rituale delle assemblee, di accademici che, da che mondo è mondo, in banca si chiamano “tromboni”; di cavalieri del lavoro che sembrano macchiette come “travet” di Stato ma incarnano come tutti un ruolo preciso, ineliminabile. È una “commedia umana” che non perde mai sostanza drammatica: e Riccardi – si sente – ha vissuto gli anni di Mani Pulite. È l’unica “tranche de vie” che chiama per nome e cognome, mentre – da vero banchiere – lascia ai suoi lettori decrittare l’imperdibile storia di “sirenetto” che si nasconde nei panni di un giornalista scrittore “tra i più brillanti e colti”.

Di una sola cosa, alla fine, il banchiere “balzachiano” si mostra “deciso”: “Scelgo e sono cattolico. Dà il senso alla nostra civiltà occidentale”.

Riccardo Riccardi, Gli spilli del banchiere, Egea, Milano, pagg. 130, 

Foto: Achille Colombo Clerici presidente di IEA Europe Asia Institute con Riccardo Riccardi presidente Banca della Nuova Terra.

Achille Colombo Clerici con Riccardo Riccardi presidente Banca della Nuova Terra

Marignano Battaglia – Comitato Svizzero Celebrazioni Cinquecentenario – EXPO 2015

gennaio 23, 2014

ASSOEDILIZIA – Property Owners’ Association MilanItaly 

ISTITUTO EUROPA ASIA
IEA
EUROPE ASIA INSTITUTE

 

La Svizzera si prepara a celebrare il cinquecentenario dell’evento di Marignano (oggi Melegnano), svolta della sua storia

DALLA SCONFITTA LA SALVEZZA: LA BATTAGLIA DEI GIGANTI

Il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici nel comitato svizzero promotore delle celebrazioni

La grande fortuna della Svizzera, la neutralità,  nacque da una sconfitta militare, la battaglia di Marignano (Melegnano), nota in Italia come la “Battaglia dei Giganti”.

 Si svolse il 13 e 14 settembre 1515 a sudest di Milano, sul territorio di San Giuliano Milanese e  di Melegnano.

 Questo conflitto vedeva contrapposte le truppe elvetiche alleate dei  milanesi (allora dominati dagli Sforza) e quelle francesi appoggiate dai veneziani.

La sconfitta e la ritirata degli Svizzeri a Milano segnarono la fine delle pretese espansionistiche della Svizzera e impressero una svolta nella politica estera; sfociata successivamente  nell’inizio della neutralità della Confederazione.

I 500 anni dalla guerra perduta verranno celebrati solennemente nei due Paesi (altra singolarità della piccola confederazione esempio nel mondo: d’altronde sul monumento ai caduti della battaglia è inscritto “ex clade salus”, dalla sconfitta la salvezza), e già sono in cantiere eventi preparatori coordinati dal comitato di patronato composto da personalità della politica,  della cultura e dell’economia di cui fa parte il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici.

 Tra le iniziative celebrative: ristrutturazione dell’Ossario di Santa Maria della Neve tra S. Giuliano Milanese e Melegnano e dei luoghi adiacenti; il libro “Marignano 1525-2015, 500 anni di neutralità Svizzera”; simposio ticinese a Bellinzona il 29 marzo 2014;   congresso storico internazionale al Centro Svizzero di Milano il 13 settembre prossimo.

La cerimonia commemorativa principale, avverrà durante l’ esposizione mondiale Expo 2015, domenica 13 settembre 2015 sull’area della battaglia a Zivido di San Giuliano Milanese.  

Foto: Colombo Clerici Leonardo da Vinci Biblioteca Ambrosiana

 Colombo Clerici Ambrosiana 3

 

“Più incentivi, meno burocrazia. Ecco la ricetta di Assoedilizia” – Articolo pubblicato su Il Giorno del 17.1.2014

gennaio 23, 2014

 

Il Giorno

Leonardo da Vinci – Testimonial italiano più “gettonato” nel mondo. – Milano città di Leonardo – Expo 2015: Il Cenacolo con l’affresco “Ultima Cena” riprodotto nel sito

gennaio 23, 2014

ISTITUTO EUROPA ASIA
                 IEA
 EUROPE ASIA INSTITUTE

SCARSA L’IMMAGINE DELL’ITALIA DEL MONDO? RILANCIAMOLA CON LEONARDO DA VINCI

Proposta choc per consentire ai turisti di Expo 2015 di ammirare L’Ultima Cena: una riproduzione fedele del Cenacolo all’interno dell’ area espositiva.

Nel mondo l’Italia desta un relativamente basso interesse, come dimostra la ricerca 2014 effettuata da IEA Istituto Europa Asia- Europe Asia Institute (già diffusa dai mezzi di comunicazione) che vede l’Italia collocata in maniera poco brillante al 34° posto sui 55 Paesi primi in classifica.

Comunque, l’immagine più nota nel mondo del nostro Paese è Leonardo da Vinci, figlio di Ser Pietro, seguita a distanza da Julius Caesar: il  genio batte il condottiero.

“E’ su questa straordinaria figura – afferma il presidente di IEA Istituto Europa Asia-Europe Asia Institute Achille Colombo Clerici – che dovrà essere imperniato il rilancio dell’immagine dell’Italia, soprattutto nella prossima “vetrina” mondiale di Expo.  

Con positive ricadute sia per quanto riguarda i nostri prodotti nel mondo, sia per quanto riguarda l’appeal turistico.

Leonardo pittore, ingegnere, scienziato, architetto, scultore, disegnatore, trattatista, scenografo, anatomista, musicista, è l’Uomo Universale perché in lui si integrano mistero e fascino dell’inventore e del progettista, la fantasia dell’artista, elevati a vette sublimi, uniche nella storia dell’umanità.

Se la Francia è al quarto posto nella predetta classifica, lo deve anche al fatto di avere abilmente utilizzato in modo indiretto il nome del genio.

“Mona Lisa” –  alias “La  Gioconda”  per italiani e francesi – è il quadro largamente più noto al mondo, diventato simbolo  dell’arte universale: ed è uno degli assi portanti della attrattività della Francia a livello mondiale.

Nella promozione dell’Italia attraverso Leonardo, Milano è la città che può fare di più, perché è la città di Leonardo, dove il Genio dell’umanità ha vissuto e operato per ben 18 anni; molto più del luogo di nascita, di Firenze, della stessa Francia dove è morto.

L’ennesimo riconoscimento viene dalla copia del  Cavallo in bronzo, la più grande statua equestre del mondo, donata dallo statunitense Charles Dent proprio a Milano.

E  Cenacolo, Navigli, Biblioteca Ambrosiana, Orti Leonardeschi, Castello Sforzesco, Museo della Scienza, sono i luoghi e i simboli leonardeschi per eccellenza, un concentrato che nessuna città al mondo può proporre.

Quindi proprio a Milano dovrebbe sorgere un centro per mettere in rete e promuovere tutte le iniziative che riguardano il tema Leonardo; una delle più interessanti è la mostra in corso a San Marino.

A questo auspicabile centro di coordinamento dovrebbero anche essere affidate le soluzioni di alcune questioni “leonardesche”.

Ne citiamo una: come consentire ai milioni di turisti di Expo 2015 di visitare il Cenacolo e di ammirare l’Ultima Cena?  

L’Istituto Europa Asia un’idea ce l’ha: una riproduzione fedele all’originale, anche nelle dimensioni, del refettorio con l’affresco realizzata all’interno dell’area espositiva. 

Può sembrare a prima vista un’ idea orrida, tuttavia è il modo più efficace di intercettare le logiche con le quali si muove il turismo di massa dei nostri giorni.”

Esemplificativamente,  riportiamo alcuni indici di attrattività, relativi alle voci che sono coinvolte nella nostra riflessione:

– France                            11
– Leonardo da Vinci       9
– Julius Caesar              5,6
– Spain                              5,5
– Switzerland                 5,5
– Napoleon                     4,7
– Italy                               4,6
– Mona Lisa                    4,5

Foto: La Biblioteca Ambrosiana a Milano

Colombo Clerici Ambrosiana 3

 

Claudio Abbado – Cordoglio di Assoedilizia e dell’ Associazione Amici di Milano

gennaio 21, 2014

ASSOEDILIZIA – Property Owners’ Association MilanItaly
e
AMICI DI MILANO

 

LA SCOMPARSA DI CLAUDIO ABBADO. CORDOGLIO DI ASSOEDILIZIA E DI “AMICI DI MILANO”

Il presidente di Assoedilizia Property Owners’ Association Milan Italy e dell’ Associazione Amici di Milano Achille Colombo Clerici esprime – anche a nome delle associazioni rappresentate – il più profondo cordoglio per la scomparsa del direttore d’orchestra e senatore a vita Claudio Abbado.

“Un grande milanese – ha detto Colombo Clerici – che ha acquisito meriti artistici alla guida delle più importanti orchestre del mondo.

Ma è nei suoi 18 anni quale direttore stabile della Scala che Abbado ha dato il meglio di sé per mantenere ed ampliare il nome, il prestigio e la tradizione del massimo teatro lirico del mondo.
Tutti i milanesi e gli italiani gli debbono gratitudine”. 

Tra gli innumerevoli riconoscimenti, il più prestigioso, la nomina a senatore a vita da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Foto:
– da sin. Livia Pomodoro, Giovanna e Achille Colombo Clerici, Anna Crespi Morbio presidente di Amici della Scala
– Colombo Clerici con Giuseppe Faina presidente della Fondazione “Milano per la Scala”
– Colombo Clerici con Fernanda Giulini e James Galway il “Flauto d’oro ”

Excellent 2013 Da sin. Livia Pomodoro, Giovanna Colombo Clerici, Achille Colombo Clerici, Anna Crespi Morbio

con Beppe Faina

Colombo Clerici con Fernanda Giulini e James Galway

“L’incostituzionalità delle leggi elettorali” Convegno Università Statale Milano – Gennaio 2014 – IEA

gennaio 20, 2014

Istituto Europa Asia
IEA
Europe Asia Institute

 

Convegno dal titolo, “L’incostituzionalità delle leggi elettorali”, che si terrà lunedì, 27 gennaio 2014, alle ore 15:00, presso la Sala Napoleonica dell’Università degli Studi di Milano, via Sant’Antonio, n. 12, Milano.

Ne discutono: 

Marilisa D’Amico, Ordinario di Diritto costituzionale, componente del Consiglio di Presidenza della Giustizia amministrativa

Giovanni Guzzetta,  Ordinario di Diritto costituzionale, componente del Consiglio di Presidenza della Giustizia amministrativa

Nicolò Zanon, Ordinario di Diritto costituzionale, componente del Consiglio superiore della magistratura

Marco Bignami, Magistrato presso il TAR Lazio

Felice Besostri, Avvocato del Foro di Milano

Francesca Biondi,  Ricercatrice di Diritto costituzionale e docente di Diritto parlamentare

Stefano Catalano,  Ricercatore di Diritto costituzionale  

Foto: da sin. Achille Colombo Clerici Pres. Istituto Europa Asia IEA Europa Asia Institute, Luciano Violante, Marilisa D’Amico

 con Luciano Violante e Marilisa D'Amico 

Gourmet Festival Sankt Moritz 20^ Ed. Gennaio 2014 – IEA Istituto Europa Asia

gennaio 20, 2014

ISTITUTO EUROPA ASIA
IEA
EUROPE ASIA INSTITUTE

Per cinque giorni l’Engadina capitale mondiale dell’alta cucina
AL SANKT  MORITZ GOURMET FESTIVAL
GRANDI CHEF E PERSONALITA’

Partecipa il presidente dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici

Compie 20 anni il Sankt  Moritz Gourmet Festival, nel corso del quale i più grandi chef internazionali trasformano l´Engadina in una mecca della scena gourmet internazionale.

Per cinque giorni – dal 27 al 31 gennaio – si susseguono senza sosta top eventi gastronomici, ciascuno un evento a sé.

Personalità di numerosi Paesi – tra cui il presidente dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici – sono state invitate all’evento.

Inaugurato nel 1994,  il  Gourmet Festival si presenta ogni anno con manifestazioni diverse, pur rispettando il motivo ispiratore:  non la competizione, ma uno scambio creativo e collegiale tra grandi maestri dell’arte culinaria e giovani talenti provenienti da tutto il mondo.

Questi i prestigiosi chef internazionali, coronati di ben 17 stelle Michelin, ospiti: Andree Köthe, Tim Raue e Christian Scharrer arrivano dalla Germania, Mauro Colagreco e Yoann Conte dalla Francia, Yoshihiro Takahashi arriva dal Giappone, Moshik Roth dai Paesi Bassi e Wolfgang Puck dagli USA.

Le elevate valutazioni del St. Moritz Gourmet Festival sono dimostrate dal fatto che questi grandi chef di fama mondiale chiudono i propri locali nei loro paesi d’origine per seguire la chiamata dell’Engadina.

La manifestazione si svolge nei più grandi alberghi della valle: dal Suvretta al Carlton, dal Kulm al Palace.

Esulta Reto Mathis, il presidente dell’organizzazione degli eventi del festival. 

Insieme con gli chef altamente decorati degli hotel partner, delizieranno gli ospiti alle manifestazioni  ufficiali, nonché individualmente ai diversi eventi speciali.

Sankt Moritz

Condominio – Convegno nazionale – ASSOEDILIZIA ANAI Milano – Gennaio 2014

gennaio 17, 2014

ASSOEDILIZIA Property Owners’ Association MilanItaly

Mercoledì 22 gennaio ore 14,30 nella sede dei proprietari immobiliari

ASSOEDILIZIA E ANAI SPIEGANO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO 

L’incontro è gratuito e aperto a tutti ma è obbligatoria l’iscrizione

ASSOEDILIZIA-Associazione Proprietà Edilizia e ANAI – Associazione Nazionale Avvocati Italiani, propongono un incontro tra gli operatori del settore immobiliare, proprietari di immobili, avvocati e amministratori immobiliari per approfondire e dibattere sugli argomenti non ancora compiutamente risolti dalla recente Legge di Riforma del condominio (11.12.2012 n.220)

il giorno 22 gennaio 2014, alle ore 14,30, presso le sale di Via Meravigli n.3 in Milano, primo piano

Moderatore: Dott. Giacomo Rota, Giudice del Tribunale di Milano, Sezione XIII.

Relazioni:

Innovazioni e modificazioni d’uso – Avv. Maurizio De Tilla, Presidente Nazionale Anai

Oneri e responsabilità amministratore – Avv. Cesare Rosselli, Coordinatore corsi di aggiornamento professionale amministratori

Supercondominio, condominio parziale e minimo – Avv. Augusto Cirla, Avvocato del Foro di Milano

Morosità e solidarietà passiva – Avv. Paola Di Patrizio, Avvocato consulente Assoedilizia

Assemblea condominiale e impugnativa – Avv. Marco Marchiani,  Avvocato consulente Assoedilizia

All’apertura dei lavori porteranno il loro saluto ai presenti l’Avv. Achille Colombo Clerici, Presidente Assoedilizia e l’ Avv. Renato Laviani per Anai.

E’ altresì prevista la partecipazione dell’Avv. Paolo Giuggioli, Presidente dell’Ordine Avvocati di Milano.

Durante l’incontro i relatori risponderanno a quesiti sugli argomenti oggetto dell’incontro stesso che i partecipanti dovranno sottoporre al momento dell’iscrizione. Si invitano quindi i partecipanti a far pervenire i quesiti tramite invio all’indirizzo di posta elettronica info@assoedilizia.mi.it.

La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria l’iscrizione.

L’incontro darà diritto a crediti formativi per gli avvocati ed a certificazione di partecipazione quale aggiornamento professionale per gli amministratori.

foto presidente 87 

 

 

ENRICO CANTONI – La scomparsa, il cordoglio di FEDERLOMBARDA EDILIZIA

gennaio 16, 2014

E’ mancato l ‘avvocato Enrico Cantoni, figura storica del mondo della Proprietà Edilizia, fedele ai suoi ideali, strenuo propugnatore e difensore dei principi e dei valori ad essa connaturati.

Presidente per lunghi anni della Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Como, presidente d’onore della Federazione Lombarda, componente il Consiglio Direttivo della Confedilizia a Roma, avvocato illustre.  

Il Presidente Achille Colombo Clerici, i vicepresidenti Ivo Amendolagine, Claudio Bocchietti, Roberto Margiotta, il Segretario Generale Italo Pallaroni i Presidenti delle Associazioni Provinciali Lombarde con i membri dei Consigli Direttivi ed i Soci della Federazione Lombarda della Proprietà Edilizia partecipano con profondo cordoglio al lutto per la sua scomparsa ricordandone le preclari doti di umanità, di saggezza, di integrità morale, di alto senso di  professionalità.

Milano – Como – Roma 16 gennaio 2014

Partecipano al lutto:

Avv. Achille Colombo Clerici
Dott. Ivo Amendolagine
Sig.ra Erminia Basilico
Dott. Ugo Bassani
Avv. Claudio Bocchietti
Avv. Vincenzo Brianza
Dott. Roberto Canesi
Dott. Mario D’Angelo
Avv. Matteo De Stasio
Avv. Filippo Germinetti
Ing. Massimo Lardera
Dott. Roberto Margiotta
Avv. Alfonso Nociti
Rag. Italo Pallaroni
Dott. Antonio Palmisano
Dott. Vittorio Quadrio
Avv. Cesare Salvalaggio
Dott. Giovanni Strano  

Arch. Barbara Bianchi Bonomi
Avv. Gianfranco Del Monte
Avv. Enrico Dell’Oca
Sig.ra Wilma Gandolfi
Avv. Lidia Grigioni
Avv. Bruno Guizzetti
Ing. Carlo Angelo Menni di Vignale
Dott. Daniela Quadrozzi
Arch. Matteo Sbalchiero
Ing. Alberto Tenti 

Rag. Augusto Caruso di Spaccaforno
Geom. Armando Castiglioni
Geom. Paolo Galimberti
Geom. Massimo Mocchetti
Geom. Marco Moretti
Geom. Dino Salati
Geom. Sinibaldo Scalise
Ing. Flavio Tresoldi
Geom. Armando Zanichelli

Foto: da sin. Enrico Cantoni, Giuseppe Barbiano di Belgiojoso, il premier Mario Monti, Achille Colombo Clerici, Alfredo Campanini Bonomi, Roberto Rezzani, Alessandro Panza di Biumo.

 Photo09_28A