Riforma Catasto – Allarme Assoedilizia – Intervista su “Il Sole 24 Ore” del 5 febbraio 2014 del presidente Achille Colombo Clerici

A s s o e d i l i z i a
Property Owners’ Association

Intervista al presidente Achille Colombo Clerici in “Il Sole 24 Ore” del 5 febbraio 2014 pag. 4

Le vie della ripresa
LA DELEGA FISCALE

Il monitoraggio
Ogni sei mesi le entrate verranno verificate
sino al livello comunale

Lotta all’evasione
Sotto tiro le operazioni con lo scopo
prevalente di un risparmio indebito

Nuovo catasto, rischio aumenti

Prevista l`invarianza di gettito ma la clausola non sarà facile da governare

Saverio Fossati

Il mondo immobiliare guarda con attenzione, per non dire con apprensione, alla riforma del catasto. Perché l’attribuzione di valori di mercato, sia di compravendita che locativi, definirà una base imponibile enormemente più ampia. E su questa base imponibile si applicheranno le miriadi di imposte che oggi fruttano agli erari statale e locali una cinquantina di miliardi.
Se raddoppiasse, senza ritarare le imposte, questa raddoppierebbero quasi automaticamente.
Il problema del controllo sull’applicazione futura dei tributi sta diventando quindi il nodo centrale della questione.
Del resto basta dare un’occhiata alla tabella qui a destra per rendersi conto del terremoto in vista. È vero che non si tratterà di un semplice passaggio dai valori oggi in vigore (rilevati a fine anni Ottanta) a quelli “veri”, perché entrerà in scena un algoritmo in cui questi saranno corretti da una nutrita serie di coefficienti relativi alle specifiche condizioni dell`immobile, in modo da evitare che si tratti di un “catasto dei borsini”. Ma il dato di partenza è quello. Il problema dell’invarianza di gettito, davanti a questa prospettiva, è quindi cruciale e dovrà trovare una formulazione migliore nei decreti legislativi rispetto a quella, onesta ma necessariamente incompleta, del testo della delega. Nell’articolo 2, comma 3, lettera 1) della delega (votata oggi in Senato, passerà alla Camera per il sì definitivo) si parla di “garantire l’invarianza del gettito delle singole imposte il cui presupposto e la cui base imponibile sono influenzati dalle stime di valori patrimoniali e rendite”, prevedendo “la modifica delle relative aliquote impositive, delle eventuali deduzioni, detrazioni o franchigie” (in particolare l’Imu, dice la delega). Alla successiva lettera m), poi, questa garanzia verrebbe rafforzata da un “meccanismo di monitoraggio, attraverso una relazione del Governo da
trasmettere alle Camere entro sei mesi dall`attribuzione dei nuovi valori catastali, nonché attraverso successive relazioni, in merito agli effetti, articolati a livello comunale, del processo di revisione di cui al presente articolo, al fine di verificare l`invarianza del gettito e la necessaria gradualità, anche mediante successivi interventi correttivi”.
La formula scelta, però, nonostante l’evidente buona volontà del legislatore, non sembra possa tener conto della complessità del meccanismo impositivo immobiliare. “In tutti i rilievi internazionali – spiega Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia – non si evidenzia mai
il dato di imposizione fiscale sugli immobili ma il rapporto tra gettito del settore e Pil. Da qui nasce l’equivoco sulla pressione fiscale: non si ragiona mai su quanto e come le varie categorie di contribuenti concorrono a formare quel gettito. Si genera così una distorsione sull`osservazione del fenomeno, che si ripercuote poi nella norma”.
L`intervento generalizzato sulle basi imponibili, quindi, potrebbe essere governato con qualche difficoltà. Alla lettera m) dello stesso comma, infatti, si prevede un meccanismo di monitoraggio per verificare l’invarianza del gettito, stabilita con la lettera 1), a livello comunale. Questa relazione consente sì al governo di verificare l`invarianza, però a livello generale, previo monitoraggio a livello comunale. Il meccanismo, quindi, stando alla lettera della norma, rischia di provocare una colossale revisione ogni semestre; oltretutto non sembra esserci un nesso diretto tra il monitoraggio delle variazioni a livello comunale e il ripristino dell`invarianza di gettito allo stesso livello di municipio.
Non solo: nella norma si parla di priorità rispetto alla questione dell`invarianza, mettendo l’Imu al primo posto, ma nel frattempo è saltata fuori la Tasi che è praticamente la stessa cosa.
“Un cambiamento contemporaneo di tutti i valori non sembra opportuno. Forse sarebbe meglio procedere gradualmente prosegue Colombo Clerici senza continuando, comune per comune, con le operazioni di revisione a livello di microzona, come già fatto a Milano e Roma, su tutto il territorio nazionale, in base all’articolo 1, comma 335 della legge 3n/2005”.

IL QUADRO

Sono troppe le variabili di cui tenere conto e i comuni difficilmente accetteranno di essere legati a un divieto di incassare più tasse

Le differenze

La differenza tra il valore catastale attuale e il valore di mercato, che sarà la base di partenza per la riforma

IL BILOCALE ABITAZIONE PRINCIPALE

Città                      Valore catastale          Valore di mercato      Differenza %

Roma                          112.794                      422.500                              +274
Milano                         110.842                      390.000                            +252
Torino                         62.471                        214.500                             +243
Firenze                        74.618                        221.000                             +196
Bari                              71.364                         156.000                             +118

UN TRILOCALE IN PROVINCIA

Città                            Valore catastale           Valore di mercato    Differenza %

Termini                          70. 496                       95.000                               + 35
Innerese (Pa)               78.956                        114.000                             +44
Ercolano (Na)              101.515                      166.250                             + 64
Magenta (Mi)              115.614                       147.250                              + 27
Alessandria                  188.930                     209.000                             +10
Tivoli (Rm)

LA CASA PER LE VACANZE

Città                            Valore catastale           Valore di mercato    Differenza %

Madonna di
Campiglio (Tn)             87.199                        510.000                           +484
Arbatax (Og)                32.537                        102.000                            +213
Albenga (Sv)                 61.169                        163.200                             +167
Roccaraso (Aq)           74.184                        178.500                             +140
Termoli (Cb)                 52.059                        81.600                                +57

MONOLOCALE DA AFFITTARE A STUDENTI

Città                            Valore catastale           Valore di mercato    Differenza %

Roma                              75.485                        252.000                              +234
Milano                            34.489                        136.800                              +297
Palermo                        10.932                         57.600                                +427
Perugia                          18.871                         72.000                               +281
Bologna                         46.853                        108.000                             +130

foto presidente 103

 

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa, Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: