Interrogazione su Fondo Investimenti per l’Abitare – Da Sen. Franco Mirabelli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE IN COMMISSIONE

Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Premesso che:

L’articolo 11, comma 3, di cui al Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112 recante “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione  della finanza pubblica e la perequazione tributaria” convertito con Legge 6 agosto 2008, n. 133, dispone che: “Il piano nazionale di edilizia abitativa ha ad oggetto la costruzione di nuove abitazioni e la realizzazione di misure di recupero del patrimonio abitativo esistente ed è articolato, sulla base di criteri oggettivi che tengano conto dell’effettivo bisogno  abitativo presente nelle diverse realtà territoriali”: la successiva lettera a) prevede la “costituzione di fondi immobiliari destinati alla valorizzazione e all’incremento dell’offerta abitativa, ovvero alla promozione di strumenti finanziari immobiliari innovativi e con la partecipazione di altri soggetti pubblici o privati, articolati anche in un sistema integrato nazionale e locale, per l’acquisizione e la realizzazione di immobili per l’edilizia residenziale”;

a seguito delle disposizioni predette, nel 2009 per iniziativa di Cassa Depositi e Prestiti Spa, ACRI Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio S.p.A. e ABI Associazione Bancaria Italiana è stata costituita CDP Investimenti Sgr cui é stata demandata la gestione del Fondo Investimenti per l’Abitare, la cui principale finalità è l’incremento sul territorio italiano dell’offerta di alloggi sociali per la locazione a canoni calmierati e per la vendita a prezzi convenzionati.

Considerato inoltre che:

sempre più spesso accade che operatori privati sottopongano al predetto Fondo Investimenti per l’Abitare, proposte inerenti progetti di alloggi sociali destinatari di contributi pubblici dati in locazione a canoni calmierati ed ottenuti tramite la partecipazione a procedure di evidenza pubblica. Ciò, stante la difficoltà di portare a compimento investimenti che richiedono immobilizzi nel lungo periodo come nel caso di alloggi in locazione, a fronte dell’insufficienza di finanziamenti bancari riscontrabile oggi sui mercati del credito;

ad oggi la trasferibilità a terzi degli immobili realizzati con il finanziamento pubblico, a condizione che ciò avvenga in blocco e vengano mantenuti i vincoli di destinazione, non sempre è prevista in maniera chiara e univoca.

Si chiede di sapere se:

il Ministro in indirizzo non ritenga che, nell’attuale fase emergenziale debba essere garantita un’offerta di alloggi sociali, nonché di investimenti in edilizia utili al sostegno dell’occupazione;

conseguentemente non valuti necessario assicurare la piena compatibilità tra investimenti del Fondo Investimenti per l’Abitare e finanziamenti pubblici, garantendone la  priorità in quanto rappresentativi di un qualificato interesse sociale in questa.

MIRABELLI

 

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: