Turismo. Intervista ad Achille Colombo Clerici – Genius-Online.it

 

 Intervista ad Achille Colombo Clerici

 

clerici

 

9

 

0

 

0

Google +

0

 

cerchio decorativo

Achille Colombo Clerici, avvocato,  è nato a Milano nel 1941.  E’ sposato, due figlie. E’ impegnato nella vita associativa ricoprendo, tra altre, le cariche di Presidente di Assoedilizia- Property Owners Association-Associazione della proprietà edilizia,  Presidente della Federazione lombarda della proprietà edilizia, Vicepresidente di Confedilizia, membro del Consiglio Direttivo dell’ Ucid-Unione cristiana imprenditori e dirigenti di Milano, membro del Direttivo nazionale della Federazione della Proprietà Fondiaria; è presidente dell’Istituto Europa Asia e fondatore e membro di giunta della Fondazione Carlo Cattaneo di Lugano, vice presidente della Fondazione culturale Vittorino Colombo, presidente dell’associazione Amici di Milano. Molti gli incarichi ricoperti in precedenza, tra cui quello di  componente del Commissariato del Governo per il Controllo della Regione Lombardia e di consigliere della Diocesi di Milano, della Regione Lombardia e del Comune di Milano.

Di recente si è svolto a Trieste il Vertice intergovernativo Italia-Russia 2013 presieduto dal Presidente del Consiglio italiano, Enrico Letta, e dal Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin.

– Trieste è la città che tradizionalmente guarda all’Europa orientale e possiede tutti i titoli per essere “La porta dell’Oriente proiettata nel Mediterraneo”.- Dall’incontro l’Italia trae il beneficio di 28 accordi commerciali e sette intergovernativi.

Al Vertice ha partecipato, tra gli altri,  anche il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Massimo Bray.

D.1) –  Può dirci come si pone Trieste , capoluogo della Regione Friuli Venezia Giulia e Porta dell’Oriente nel Mediterraneo?

R.1) – Trieste, Porta dell’Oriente proiettata sul Mediterraneo mi sembra una definizione quanto mai appropriata.
Storicamente è stata questa la sua funzione. Fin dai secoli scorsi crogiuolo delle popolazioni slave, tedesche, italiane.

In particolare, è stato scritto, le  relazioni tra l’Italia e la Russia vantano una storia plurisecolare, fondata sulla base di una solida amicizia, della reciproca comprensione, della vicinanza spirituale e culturale dei popoli di entrambi i Paesi.

A coronamento di tale amicizia, fu designato il 2011 “Anno della cultura e della lingua italiana in Russia e della cultura e della lingua russa in Italia”.
Decisione resa esecutiva con il Protocollo siglato nel Vertice bilaterale il 3 dicembre 2009 a Roma dal ministro della Cultura russo e il ministro dei Beni e delle attività culturali italiano, per lo svolgimento delle iniziative e il piano degli eventi sulla base del principio di reciprocità.

D.2) – Come qualificato conoscitore del Progetto Milano  EXPO 2015 che benefici potrà trarre TRIESTE – come RADIALE verso l’Oriente? e verso il Mediterraneo?

R.2) –E’ stata siglata un’alleanza tra il Salone europeo dell’innovazione e della ricerca scientifica Trieste Next, che ha scelto il tema del cibo per la sua prima edizione e l’Expo 2015, che ha il suo tema chiave proprio nell’alimentazione, come recita lo slogan “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

L’obiettivo dell’accordo è collegare l’Esposizione universale con il Nordest. L’argomento è stato al centro di un incontro fra il sindaco di Milano e commissario straordinario di Expo 2015, Giuliano Pisapia, e il sindaco di Trieste, Roberto Cosolini, che hanno «posto le basi per una concreta collaborazione».

Da un punto di vista infrastrutturale, la parte terminale del  Corridoio 5, arteria a rete multimodale, uno dei grandi assi ferroviari ed autostradali che l’Unione Europea si è impegnata a realizzare e che collegherà Lisbona a Kiev  – il tratto finale Trieste-Kiev è lungo 1500 km – risponde adeguatamente ad una delle necessità dell’area russa di occidente; quella cioè di avere un facile accesso al mare Adriatico e quindi al Mediterraneo.

Accesso che nei secoli scorsi l’impero zarista aveva cercato con le armi, oggi, per fortuna, con il Corridoio 5.

D.3) – Come Presidente emerito dell’Istituto Italo cinese e Presidente dell’Istituto Europa Asia ritiene che si possa positivamente sperare un ritorno turistico considerevole?

R.3) – Dei dieci primi mercati turistici 2013 è la Federazione Russa che ha registrato il più forte tasso di crescita. Le spese dei viaggiatori all’estero sono aumentate del 29% rispetto all’anno precedente, proseguendo un vigoroso trend di crescita di questi ultimi anni che ha permesso alla Russia di passare, nella classifica dei più importanti mercati del turismo straniero, dal 12° posto che occupava nel 2000 al 5° posto del 2012 (43 miliardi di dollari).

Per quanto riguarda la Cina, si prevede che nel 2015 muoverà all’estero circa 100 milioni di turisti. E’ pur vero che la maggior parte si dirige nei Paesi vicini (Corea, Singapore, meno il Giappone per i noti attriti tra i due Paesi); ma 30 milioni sono in giro per il resto del mondo. Grazie ad Expo l’Italia dovrebbe intercettarne almeno un milione.

D.4) –  Di recente ha rilasciato una intervista a Radio Vaticana, ci può riferire ?

R.4) – Il tema riguardava l’andamento del turismo nel nostro Paese. E’ in crisi il turismo domestico ( che rappresenta il 60 % del bilancio del settore: un rapporto del 40 %  quello del turismo straniero assolutamente carente, che dovrebbe esser invertito ) e trascina al ribasso l’intero comparto economico.

Ciò e’ dovuto, non solo alla riduzione della liquidità in circolazione presso le famiglie italiane, ma al clima di sfiducia e di scoramento che si e’ generato nell’animo della maggior parte dei nostri connazionali, per il modo con cui la crisi economica si presenta ai loro occhi.
Non spendono neppure coloro che potrebbero farlo.
Registriamo un calo generale complessivo del giro d’affari turistico del 2 % tendente al 3 %  rispetto all’anno scorso.
Questo dato tiene conto di tutte le componenti che concorrono a formare il bilancio economico del turismo.

Ad esempio :
-presenze alberghiere
-presenze nelle case ( in locazione o in proprietà; ospiti presso amici )
-presenze B&B ed agriturismi
-spese in negozi ( alimentari, generi vari)
-spese in bar, ristoranti e locali di intrattenimento.
-spese per trasporti e viaggi, crociere
-spese per uso di impianti sportivi
-acquisto e locazione mezzi e natanti da diporto
-porti, spiagge.
Ecc.

Si riducono le presenze turistiche degli italiani. Secondo nostri dati , che sono indicativi di una tendenza, le presenze nelle citta’ nel mese di agosto sono aumentate del 50 % in cinque anni: ciò significa che, rispetto al 2007, il 15 % in più della popolazione passa l’agosto in città
Tenendo presente il fenomeno della tendenza allo scaglionamento ed alla terziarizzazione delle ferie agostane, significa che le vacanze, più gente  in parte le ha già fatte ed in parte non le fa.

 

 
 
 
 
 
Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa, Istituto Europa Asia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: