Comune Di Monza, Murales e Graffiti selvaggi o vandalici – Assoedilizia

A s s o e d i l i z i a
Property Owners’ Association Italy

 

Colombo Clerici sul bando del Comune di Monza per iniziative giovanili di arredo e decoro urbano

PER I GRAFFITISTI 390.000 EURO; PER I PROPRIETARI DI CASA ZERO

La stampa ha recentemente ripreso la notizia che il Comune di Monza nei mesi scorsi ha emesso un bando con un importo di 390.000 euro per coinvolgere i giovani nella progettazione e negli usi degli spazi pubblici urbani attraverso la street art, network sale studio, arte e musica, creazione di nuovi spazi giovanili, promozione della città in vista di Expo 2015.

Una parte consistente degli stanziamenti va a giovani graffitisti che avranno a disposizione muri pubblici – dai sottopassi stradali a facciate di edifici – per esprimere la loro arte.

Commenta il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici:

“Coinvolgere i giovani per rendere più gradevole e vivibile la propria città è senz’altro cosa lodevole. Ma sono perplesso sull’approccio pro graffiti. Sul campo, Assoedilizia ha probabilmente l’esperienza più antica d’Italia avendo studiato, proposto, attuato una serie di iniziative tese a contenere il fenomeno dell’imbrattamento selvaggio dei muri, che resta il problema più grave in questo settore.

Per citare, a Milano decenni or sono, ai tempi già della giunta Formentini, proponemmo, e ottenemmo, la disponibilità di una cinquantina di muri pubblici per consentire ai graffitisti di dipingere, risparmiando le abitazioni private. E poi una più che decennale collaborazione con le giunte Albertini e Moratti, in iniziative di carattere social-culturale.

I risultati si sono visti.
L’ imbrattamento di Milano si è continuamente aggravato. Il problema non è costituito dagli artisti del “graffito”, che rispettano le norme del vivere civile, ma da chi queste norme le vuole infrangere.
Per questi vandali l’unica azione efficace è impedire che godano delle loro malefatte, cancellando subito gli sgorbi. Azione che dovrebbe essere svolta da strutture pubbliche con i costi a carico della collettività.

Ma questo talvolta non è possibile. L’onere pubblico ricade quindi sui singoli proprietari dei palazzi cittadini.
Bene sarebbe perciò che il Comune di Monza predisponesse anche incentivi economici a favore dei privati per la ripulitura dei muri invasi dai graffiti vandalici,  se vuole davvero che la città si presenti con il volto pulito all’appuntamento di EXPO, di cui la Villa Reale diventerà sede di rappresentanza”.

Foto: Achille Colombo Clerici, con l’allora assessore Vittorio Sgarbi, in un sopralluogo ai “graffiti vandalici” di Milano.

Colombo Clerici con Vittorio Sgarbi 2

 

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: