Incertezza fiscale e investimenti – Rubrica su “Il Giorno” Assoedilizia – “Zero Investimenti. Mattone in picchiata” – Pubblicato il 23 agosto 2014

A s s o e d i l i z i a
Property Owners’ Association Milan Italy

 

Gli italiani non si fidano degli immobili del mercato italiano.
Ogni anno comperano all’estero una città come Pisa.

«Ha piena ragione Draghi:  “l’incertezza scoraggia gli investimenti”.

E nell’assoluta incertezza ci sta precipitando la, tanto caldeggiata dall’Europa, revisione catastale in atto nel nostro Paese, che per anni terrà in sospeso ogni certezza sul carico fiscale che alla fine graverà sugli immobili.

Nei primi sei mesi del 2014 l’investimento dei privati nell’immobile d’impresa si è ridotto a zero.

A confermare le allarmate previsioni di Assoedilizia una fonte autorevole e al di sopra delle parti, Bnp Paribas Real Estate, nella sua recente ricerca sull’Italia, ricerca che pure registra il ritorno degli investitori stranieri, ma non sul residenziale.

Questo il trend dal 2009, quando era già in atto la crisi del settore: 2009, sul totale degli investimenti, 16% dei privati; 11% nel 2010; 14% nel 2011; 16% nel 2012; 6% nel 2013 e, appunto, il clamoroso 0% nel primo semestre di quest’anno.

Questa la percentuale degli investimenti, fatto 100 il totale, da parte di altri operatori: fondi immobiliari italiani, dal 26% del 2009 al 25% del 2014; fondi aperti stranieri dal 17% al 36%; società immobiliari quotate e reits dal 13% al 6%; società assicurative e fondi pensione inalterata (14%); corporate dall’1% al 17%; banche, settore pubblico, fondi sovrani dal 13% al 2%.

 *     *     *

 Anche l’immobiliare residenziale, come è ampiamente noto, va male: rispetto al 2006 le compravendite si sono più che dimezzate (da 877.000 compravendite nel 2006 a 407.000 nel 2013) e attorno al 60% di calo denunciano i settori commerciale e terziario.

Alcuni segni di ripresa nel 2014 (più 4% nel residenziale delle grandi città), pur benvenuti perché potrebbero testimoniare un sintomo di miglioramento della recessione, non certamente la ripresa, sono comunque totalmente insufficienti a giustificare una positiva valutazione in termini di inversione di tendenza.

Al proposito non possiamo non rilevare che il dato relativo alle compravendite della prima casa, che non corrispondono ad acquisti per investimento, bensì rappresentano semplici acquisti per il consumo-utilizzo diretto, non è un indicatore significativo.

Maggior peso avrebbe, come indicatore, l’acquisto delle seconde case.

E qui in Italia si riscontra il totale blocco del mercato. Mentre gli italiani ormai comperano annualmente 45.000 seconde case all’estero: l’equivalente di una città come Pisa.
Ciò significa che gli italiani non si fidano del nostro mercato: delle prospettive fiscali e della possibile incidenza del fisco sulla tenuta dei valori immobiliari.»

Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia

foto presidente Venezia 7

 

 

 

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: