Fisco immobili – Libero Quotidiano 30 ottobre 2014 – Detassare per vent’anni gli affitti di nuovi immobili è a costo zero per lo Stato – Achille Colombo Clerici

A s s o e d i l i z i a

 

Libero Quotidiano 30 ottobre 2014

“Detassare per vent’anni gli affitti di nuovi immobili è a costo zero per lo Stato”

Achille Colombo Clerici*

La ripresa dell’economia italiana parte dalla ripresa del mercato immobiliare.
Certezza nella tenuta dei valori immobiliari significa sicurezza nel mantenimento del risparmio: significa incentivo ai consumi, significa crescita economica.

La crescita economica dipende dunque, in virtù del sillogismo aristotelico, dalla ripresa del mercato immobiliare.

Come può infatti il risparmiatore italiano spendere a cuor leggero nei consumi, quando vede il proprio risparmio investito nel mattone svanirgli nelle mani?
E come possono gli imprenditori usare la riserva del risparmio immobiliare per sopperire alle necessità indotte dalla crisi, e continuare a mantenere con ciò i posti di lavoro, quando tale risparmio diviene sempre più difficilmente liquidabile?

Risulta dunque di giorno in giorno sempre più necessaria un’azione a sostegno del mercato immobiliare, per evitare il progressivo crollo dei prezzi degli immobili, attraverso un’adeguata incentivazione degli investimenti.

C’è da chiedersi a questo punto cosa faccia il Governo a tal proposito.

Gli investimenti pubblici in edilizia riguardano quasi esclusivamente grandi infrastrutture e grandi appalti, verso cui si rivolgono le imprese costruttrici di maggiori dimensioni. Nessun effetto sul mercato.
I costruttori, per parte loro, sviluppano una sempre maggiore attività all’estero facendo registrare un fatturato di 9,5 miliardi nel 2013: con incremento di attività rispetto all’anno precedente dell’8,6% e sostanzialmente triplicando il volume in nove anni. Una quota, quella estera, che passa dal 30% al 60% del volume d’affari complessivo del settore.

In Italia, sul versante privato non si fa nulla. Esiste una società “parapubblica”, facente capo alla cassa Depositi e Prestiti ed alla Banca d’Italia, che è preposta agli investimenti strategici.
Essa si occupa di tutti i settori produttivi, tranne che di investimenti edilizi.

Il Governo, da parte sua, pensa di risolvere il problema favorendo fiscalmente gli investimenti di alcuni soggetti, che purtroppo intervengono nel mercato a livello di nicchia.

Parliamo dei fondi immobiliari e delle SIIQ, la cui quota di mercato è complessivamente rappresentata da circa una cinquantina di miliardi di investimenti a fronte di un valore complessivo immobiliare da “presidiare” che, tenuto conto degli immobili abitativi e di quelli commerciali, ascendeva, prima della crisi, a quasi 10 mila miliardi e che ora varrebbe comunque “teoricamente” attorno agli 8 mila miliardi.
Parliamo anche dell’incentivazione della locazione abitativa a canoni concordati, che non ha alcuna sostanziale valenza ai fini dell’incremento degli investimenti edilizi.

Per il sostegno del mercato immobiliare occorrerebbero invece misure fiscali volte a produrre risposte di sistema. Che siano in grado cioè di mobilitare gli investimenti di milioni e milioni di risparmiatori e non solo quelli dei 170 operatori privilegiati che dicevamo.

Una misura fiscale di tal genere potrebbe essere l’esenzione ventennale per le imposte sui redditi relativi alle locazioni di immobili nuovi o integralmente rinnovati.

Si tratterebbe di una misura a costo zero per l’erario, in quanto non implica problemi di “copertura finanziaria”, non comportando un taglio di imposte esistenti. Essa potrebbe produrre viceversa un nuovo gettito fiscale (IUC alias Imu, tasi, tari).
E permetterebbe anzitutto di smaltire l’enorme stock, in mano ai costruttori, di immobili invenduti che oggi per legge non pagano la tari e che rischiano di finire a non pagare neppure l’Imu per ragioni di insolvenza.
L’ immissione di alloggi nel mercato della locazione produrrebbe senz’ altro anche un benefico effetto equilibratore.

 

* Presidente Assoedilizia

foto presidente 103

Libero

 

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: