Algoritmi del Catasto – Achille Colombo Clerici Assoedilizia – Il Giorno ediz. 3 gennaio 2015

A s s o e d i l i z i a

IL GIORNO ediz. 3 gennaio 2015

La riforma del Catasto è appesa agli algoritmi.

Circa 150.000 “funzioni statistiche”, applicate su almeno 20.000 zone censuarie, esprimeranno la relazione tra redditi e valori da un lato e localizzazioni e caratteristiche degli immobili dall’altro. Sarà un Catasto sia reddituale, sia patrimoniale in quanto attribuirà ad ogni unità un valore commerciale   e anche una rendita. Infine, il valore catastale sarà espresso, non più in vani, ma in metri quadrati. La riforma sarà messa a punto dalle Commissioni censuarie provinciali (e dalla Commissione censuaria centrale).

Obiettivo principale della riforma eliminare le storture verificatesi negli ultimi decenni: a causa delle quali accade talvolta che un appartamento nel centro della città goda di valutazioni catastali – con le conseguenti imposte – inferiori rispetto ad un appartamento nuovo situato in periferia. Lodevole obiettivo. Ma al momento è impossibile stabilire se si pagherà di più. Intuitivo ritenere che non si pagherà di meno. Per valutare, occorrerebbe sapere quali redditi e quali valori patrimoniali saranno accertati e se tali redditi e valori terranno conto della caduta dei valori di mercato intervenuta in questi ultimi anni.

Il Governo ha assicurato che ci sarà invarianza di gettito, cioè il totale delle tasse sulla casa non subirà, nel complesso, aumenti. Si vedrà.

Intanto bisogna dare atto alle associazioni dei proprietari immobiliari, Confedilizia in testa, di avere ottenuto importanti risultati rispetto alla prima stesura della legge delega: anche i proprietari possono partecipare ai lavori delle Commissioni censuarie;  e l’invarianza del gettito verrà calcolato a livello comunale. Meglio che a livello nazionale, ma sempre difficile da controllare da parte del contribuente che deve tener conto di alcune variabili note solo al comune: incremento automatico delle rendite, nuova produzione edilizia e recupero dell’evasione fiscale.

E comunque va detto, ai fini di una valutazione complessiva, che il sistema dell'”invarianza”, nella sua logica generale, è basato sull’assurdo principio ” intanto pagate, poi verificheremo se è equo”; nel senso che la verifica è attuata a posteriori.

foto presidente 103

Il Giorno 3.1.2015

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: