Il Giorno QN pag. 26 21.02.2015 Quel valore da difendere (A.Colombo Clerici)

di Achille Colombo Clerici*

QUEL VALORE DA DIFENDERE

La crisi immobiliare colpisce non solo i valori della casa (circa 2.000 miliardi di diminuzione di valore dell’intero patrimonio immobiliare italiano), le compravendite, ridotte alla metà in pochi anni, le nuove costruzioni, ormai al lumicino, ma anche il vasto settore dell’indotto della più importante attività economica del Paese.

Delle 94.000 imprese artigiane che hanno chiuso i battenti dal 2009 al 2014 passando da 1.446.000 a 1.375.5000 unità (dati del centro studi Cgia di Mestre) oltre il 54 per cento riguarda attività legate al comparto immobiliare: edili, lattonieri, posatori, elettricisti, idraulici, manutentori caldaie, falegnami, mobilieri, stuccatori, marmisti.

La Lombardia sta pagando il prezzo più alto: quasi 12.000 imprese in meno, seguita da Emilia Romagna e Veneto (circa 10.000). Calcolando una media di 2-3 addetti per impresa, sono centinaia di migliaia le famiglie in gravi difficoltà. Ma c’è anche una perdita che non è possibile tradurre in cifre.

È interesse generale opporsi a un sistema normativo-burocratico miope e controproducente che penalizza le piccole imprese e non favorisce l’attività artigianal-commerciale legata alla logica dell’economia della famiglia.

Miriadi di permessi necessari per aprire un’attività, innumerevoli norme e scadenze da rispettare, interventi assurdamente penalizzanti del sistema tributario del quale diventa difficile capire le logiche.

E assolutamente prioritario intraprendere un’azione di riduzione del carico burocratico e fiscale sulle piccole imprese, utilizzando una frazione rilevante delle risorse derivanti tanto dalla lotta all’evasione quanto dalla riduzione dei costi e degli sprechi nell’amministrazione pubblica.

E avviare con l’intervento dello Stato un’attività di sostegno forte delle attività artigianali esistenti.
Non basta l’intervento di promozione e di incentivazione delle startup.
È regola aurea non disperdere la ricchezza esistente e crearne di nuova.

In un mondo globalizzato che mette in vendita gli stessi prodotti da Hong Kong a New York, l’opera «fatta a mano» godrà di un favore sempre maggiore: difendiamola.

*Presidente Assoeditizia

foto presidente 115

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: