Fine del Blocco degli Sfratti e Fondi sostegno-casa – Sen. Franco Mirabelli

A s s o e d i l i z i a
Informa

Intervento del Sen. Franco Mirabelli

SULLA QUESTIONE DELLA MANCATA PROROGA AL BLOCCO DEGLI SFRATTI

Dopo l’approvazione definitiva del decreto milleproroghe credo sia utile fare il punto su ciò che ha prodotto la nostra iniziativa politica dopo la scelta di non prolungare ulteriormente il blocco degli sfratti.

Intanto va ricordato che il blocco degli sfratti che si rinnovava dal 2007 e riguardava ormai alcune migliaia di famiglie sfrattate per finita locazione e in condizioni di indigenza, con bassi redditi e o anziani o con familiari affetti da disabilità.

La scelta di non prorogare, l’abbiamo detto da subito, può essere una scelta non solo accettabile, ma addirittura giusta a due condizioni: che si ponga fine ad una fase lunga in cui né i proprietari, né gli inquilini non hanno certezze sul proprio futuro e che, riconoscendo le ragioni che negli ultimi anni avevano motivato le diverse proroghe degli sfratti, garantisca il passaggio da casa a casa delle famiglie interessate, evitando che ci siano persone che vengano messe in mezzo a una strada.

Su questo abbiamo lavorato in queste settimane, a partire dalla convocazione del Ministro Lupi alla Commissione Ambiente e Territorio del Senato, fino alla presentazione di alcuni emendamenti al decreto milleproroghe alla Camera dei Deputati.

Oggi, a cose fatte, possiamo dire che il risultato è stato raggiunto e che nessuna di quelle famiglie verrà sfrattata senza avere un’alternativa.

Per garantire ciò il Governo ha subito anticipato 25 milioni di euro a Regioni e Comuni per poter dare, nelle forme che riterranno più opportune (sistemando alloggi pubblici inutilizzati, facendo convenzioni con cooperative di abitazione o cooperative sociali, alimentando un fondo che garantisca chi affitta rispetto al pagamento del canone) una abitazione stabile a quelle famiglie.

Oltre a ciò, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dato la chiara indicazione ai Prefetti di non consentire l’esecuzione degli sfratti per quelle famiglie e, grazie ad un emendamento approvato alla Camera dei Deputati, si dà la possibilità ai giudici di sospendere gli sfratti esplicitamente per consentire il passaggio da casa a casa.

Con questi provvedimenti abbiamo realizzato le due condizioni necessarie che ci eravamo dati come obbiettivo per poter far sì che la mancata proroga del blocco degli sfratti non si trasformasse in una penalizzazione per famiglie già in difficoltà né in una nuova emergenza sociale.

Restano aperte due questioni da verificare nel prossimo futuro. La prima riguarda la necessità di consentire a queste famiglie di chiedere al giudice la sospensione dello sfratto fino al passaggio da casa a casa senza dover sostenere le spese legali ordinarie. Su questo punto, l’Ordine del Giorno presentato in Senato con questa finalità non si è potuto votare perché la scelta di mettere la fiducia sul decreto ne ha impedito la discussione; si tratterà ora di chiedere un rapido provvedimento governativo in tal senso.
La seconda questione riguarda la necessità di monitorare l’evoluzione della situazione per garantire il rispetto del principio del passaggio da casa a casa ma anche che ciò avvenga in tempi rapidi e su questo sarà il Parlamento a dover vigilare.

CASA: PER DARE SOSTEGNO ABBIAMO ISTITUITO DUE FONDI

Per fronteggiare il problema dell’emergenza abitativa e dare risposte a chi non le ha, abbiamo istituito due fondi che non c’erano più, uno sul sostegno affitti e uno sulla morosità incolpevole e a ognuno abbiamo assegnato fondi per 200 milioni. Oggi c’è un problema rispetto agli sfratti per finta locazione, serve rapidamente mettere questi soldi a disposizione dei Comuni. Stiamo facendo una battaglia anche con il Governo perché questi soldi vengano dati alle aree metropolitane senza passare dalle Regioni e per velocizzare. Così come per quei 400 milioni che per la prima volta si sono messi a disposizione degli enti proprietari di edilizia residenziale pubblica per garantire la risistemazione degli alloggi in tempi rapidi, facendo manutenzioni che non vengono fatte per via delle condizioni critiche, vedi il buco di 500 milioni di euro di Aler e Regione Lombardia come scritto nella locandina dell’iniziativa “La casa alle persone oneste” promossa dal PD Milano. Adesso serve che la Regione faccia il suo, occorre che la Regione destini soldi anche per affrontare questa situazione di emergenza.

Achille Colombo Clerici con Franco Mirabelli e Marilisa D'Amico

Annunci
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: