“Tra Usa e Cina l’Italia di mezzo” QN Il Giorno, Il Resto del Carlino, La Nazione Ed. 21 Novembre 2015 – Achille Colombo Clerici

“Tra Usa e Cina L’Italia di mezzo” QN Il Giorno, Il Resto del Carlino, La Nazione Ed. 21 Novembre 2015 – Achille Colombo Clerici

Expo, ponte tra l’Italia e il mondo, ha posto in adeguato rilievo la potenza dell’Asia e il fascino di quel continente. E’ entrato nella leggenda della rassegna internazionale il padiglione del Giappone che ha battuto tutti i record, mandando in tilt il decumano con le sue file (fino a 9 ore) da tutto esaurito. Un successo tale da portare gli organizzatori a chiudere i tornelli di accesso alle attrazioni nipponiche prima del previsto. Ma anche la Corea, con il gemellaggio nel nome delle buone politiche legate all’alimentazione, ha legato Milano e la città coreana di Daegu, tra le metropoli più attive nella messa a punto dei contenuti dell’Urban Food Policy Pact, il patto tra sindaci delle grandi città del mondo per le politiche alimentari.

Una considerazione particolare merita però la Cina.  Mentre Corea del Sud e Giappone possono essere considerati affini al mondo occidentale i cui valori vedono negli Usa la bandiera, la Cina contende ormai all’America la leadership dell’economia mondiale. Anche se hanno proprio nell’economia il più forte elemento di convergenza – la Cina detiene buona parte dell’enorme debito pubblico degli Usa e questi assorbono buona parte dell’export cinese – proprio la supremazia economica è anche il più forte elemento di contrasto. Perché supremazia economica vuol dire supremazia politica. E, considerato che entrambi i Paesi si ritengono Regno di Mezzo (“la nostra terra è al centro di tutto”) è oltremodo difficile immaginare come i rapporti sino-americani evolveranno nel medio-lungo periodo.

Per evitare contrasti geopolitici potenzialmente pericolosi per la stabilità mondiale, sono indispensabili grandi mediazioni che solo la cultura, abbinata alla politica più lungimirante, può attuare. L’ Europa, e l’Italia in primis, eredi al pari della Cina di grandi culture, rimangono la chiave più importante per lo sviluppo di rapporti pacifici. Come insegnò, in tempi recenti, Vittorino Colombo, statista di grande visione.

Pur non nascondendo le diversità profonde ideologiche, culturali e sociali fra Italia e Cina, Vittorino Colombo introdusse due elementi che sarebbe bene diventassero un patrimonio comune a tutti anche oggi, nelle nostre relazioni nazionali, come in quelle internazionali.

L’ amicizia è il primo di essi: considerare il proprio interlocutore, portatore di civiltà di pace, un valore prezioso, con cui vale sempre la pena di dialogare, e con cui si può sempre trovare un campo non solo di accordo, ma di vicinanza umana; il secondo è la cultura, un potente antidoto al grande peccato di questo scorcio di XXI secolo: l’avidità.

Foto: da sin. Don Zhang Cappellano Comunità Cattolica Cinese Milano, Gilberto Perego Autore, Pres. Istituto Europasia Achille Colombo Clerici, sen. Ambrogio Colombo, Gianpiero Cassio alla presentazione del libro “Pionieri Italiani in Cina”

Don Zhang Gilberto Perego Achille Colombo Clerici Ambrogio Colombo Gianpiero Cassio

Il Giorno

 

Advertisements
Explore posts in the same categories: Istituto Europa Asia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: