Banca d’Italia di Milano – Ricerche sull’Economia, Lombardia e Nord Ovest – Pavia Collegio Ghisleri – 30 Novembre 2015

Istituto Europa Asia IEA
Europe Asia Institute

Illustrate al Collegio Ghislieri di Pavia due ricerche sull’economia lombarda e del Nord Ovest realizzate dalla Banca d’Italia di Milano

PER LA RIPRESA C’E’ BISOGNO DI FIDUCIA, BENE LA LOMBARDIA

Benito Sicchiero

Ci voleva l’illustrazione del rapporto  “Questioni di Economia e di Finanza. Deindustrializzazione e terziarizzazione nelle regioni del Nord Ovest” presentato al Collegio Ghislieri  dalla Banca d’Italia di Milano assieme all’aggiornamento  “L’economia della Lombardia: Andamento congiunturale e mutamenti strutturali“  perché avesse risposta logica la domanda dalle cento pistole sulle reali cause della pluridecennale perdita di competitività dell’Italia nei confronti dei Paesi europei più avanzati: perché il nostro tessuto imprenditoriale è composto prevalentemente da industrie troppo piccole che non sono in grado di competere non potendo, dopo l’Unione Europea, utilizzare l’unico strumento che avevano, la svalutazione. Quindi: costo più alto del lavoro (infatti più grande è l’azienda meno incide il costo del personale), scarsa ricerca e innovazione e pure una cultura d’impresa più arretrata. Se ci aggiungiamo i nostri primati continentali di illegalità e corruzione, la rassegna è completa. Ed è stata accolta con attenzione dagli imprenditori, tra i quali il presidente di Assoedilizia e di Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici.

A queste conclusioni si arriva interpretando la ricca messe di dati e grafici a disposizione. Mettendo a paragone i cluster (insieme di imprese, fornitori e istituzioni strettamente interconnesse) di 12 Paesi europei con il cluster Nord Ovest, dal 2000 al 2011 – ultimo dato a disposizione – si è visto salire di poco la media dell’Europa industrializzata ma scendere il Nord Ovest, che rimane la punta produttiva del Paese, di ben 7 punti percentuali. Con ricadute sul pil, sull’occupazione, sull’economia delle famiglie e quant’altro.

In un panorama non roseo – nella guerra dei sette anni il Paese ha perso il 25% della capacità produttiva e il 10% del pil –  la Lombardia se la cava.

Si conferma, e si rafforza, la ripresa in termini di produzione, di export, di attività turistica, di occupazione e pure di consumi.

E’ anche merito dell’Esposizione internazionale Expo 2015, partita sotto i peggiori auspici, e diventata ormai il simbolo di quanto può fare lo “scatto di reni” dell’orgoglio lombardo e italiano.

Ma una rondine non fa primavera. Gli italiani – dagli imprenditori alle famiglie – non sono ancora sicuri dell’inversione di rotta, e lo confermano i depositi bancari in aumento: meglio tenere i soldi al sicuro invece di fare investimenti.

C’è bisogno di fiducia; è indispensabile perciò che la politica economica dia segnali chiari.

Emblematica a questo proposito la vicenda della tassazione sulla casa. Essa rappresenta i ¾ della ricchezza degli italiani (6.000 miliardi di euro su 8.000). Non considerando le case in cui si abita, ma le cosiddette “seconde case” date in locazione che producono reddito, l’ipertassazione ha azzerato i profitti. Con il risultato che nessuno più investe, l’industria edilizia è in crisi ed ha trascinato con sé l’indotto, dai mobilieri agli idraulici, dai mediatori ai promotori immobiliari…

Quindi disoccupazione e crollo dei consumi. Lo Stato, per racimolare qualche miliardo, ha contribuito in maniera considerevole a ridurre di mille miliardi i risparmi degli italiani.

Andrea Belvedere, Rettore del Collegio Ghislieri, ha aperto i lavori con Emilio Girino, Presidente dell’Associazione Alunni. Le ricerche sono state presentate da Giuseppe Sopranzetti, Direttore della sede di Milano della Banca d’Italia, Davide Arnaudo e Diego Scalise dello stesso Istituto. E’ intervenuto Riccardo Puglisi, Professore associato nell’Università degli Studi di Pavia.

Foto d’Archivio: da sin. Giuseppe Sopranzetti, Achille Colombo Clerici, Alfio Noto

Achille Colombo Clerici tra il direttore della Banca d'Italia Milano Giuseppe Sopranzetti a sin. ed Alfio Noto, già Direttore della stessa sede Bankitalia

Explore posts in the same categories: Istituto Europa Asia

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: