“La ripresa riparte dal turismo” – Istituto Europa Asia e AIAGA

Istituto Europa Asia IEA
EUROPASIA
Europe Asia Institute
e
Associazione Amici dei Grandi Alberghi AIAGA

Dichiarazione del presidente di Europasia e Aiaga Achille Colombo Clerici

“La Bit-Borsa internazionale del turismo, è stata l’occasione per richiamare l’attenzione sull’importanza strategica del settore che genera un giro d’affari diretto di 103 miliardi di euro – pari al 6,7% del Prodotto interno lordo dell’Italia – alimentato per il 67% dai flussi turistici nazionali e per il 33% dagli arrivi dall’estero in costante crescita negli ultimi anni. Il comparto dei viaggi e delle vacanze, comprese tutte le attività indotte, genera un volume d’affari di 165 miliardi di euro, pari al 10,7% del Pil. Su cento euro prodotti dal Paese circa 11 sono attribuibili all’ampia filiera dell’industria turistica, che dà lavoro a 2 milioni e 600 mila persone, il 12% della forza lavoro nazionale. E’ la nostra più grande industria “invisibile”.

Pur disponendo del più importante asset turistico mondiale, costituito da bellezze naturali, città d’arte, musei, aree archeologiche, l’Italia ha perso parecchie posizioni nel ranking dei paesi a maggior sviluppo turistico. Siamo scesi in pochi decenni dal primo al quinto posto – dopo Francia, Usa, Spagna e Cina – e siamo insidiati dalla Germania. Nessuna delle nostre stupende città è ai primi posti per visitatori; e nella classifica delle visite ai primi 100 musei gli Uffizi – unico museo italiano, i Musei Vaticani al quinto posto appartengono ad un altro Stato – si collocano in fondo alla classifica.

Questi anni vedono il turismo godere di una congiuntura storica unica: i viaggiatori per diletto sono più di un miliardo e cento milioni: cinesi, indiani, arabi sono in fortissima crescita.

Se vogliamo stare al passo con i Paesi in testa alla classifica mondiale dobbiamo riuscire a conquistare questi nuovi flussi.

Da noi mancano grandi tours operators che lavorino a questo fine in tutti i mercati emergenti; manca una adeguata risposta alle principali richieste del turista – trasporti, rete web, prezzi competitivi – ed una rete di strutture ricettive di medio livello. Il turismo è prevalentemente stagionale ed il meridione non risponde adeguatamente, rappresentando solo il 20%. dell’intero volume economico. La promozione del settore è dispersiva e frammentata, con le Regioni più impegnate a farsi concorrenza che a contribuire a un impegno unitario per valorizzare l’intero Paese.

 

Occorre, lo diciamo da tempo, una vera politica turistica nazionale, senza la quale ci limiteremo, come abbiamo fatto finora, semplicemente ad accogliere chi arriva, e non sempre nel migliore dei modi.”

Foto: Achille Colombo Clerici con il Ministro Dario Franceschini

Excellent 2016 Achille Colombo Clerici con il Ministro Franceschini

 

Explore posts in the same categories: Istituto Europa Asia

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: