Conservatorio di Musica Milano – Premio Rancati 2016 – Vincitori Scilla e Giuliani – IEA informa

Istituto Europa Asia IEA
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

 

Il conferimento e il concerto al Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano

GIULIANI E SCILLA I VINCITORI DEL PREMIO RANCATI

Sono Ruben Giuliani (violino) e Fabrizio Scilla (violoncello), brillanti diplomati del Conservatorio di Musica “G.Verdi” di Milano i vincitori del Premio Rancati 2016.

Come ha spiegato la presidente Maria Grazia Mazzochi presentando i vincitori assieme alla vicedirettrice Cristina Frosini, il Premio è reso possibile dal generoso lascito “Rancati” recuperato e messo a disposizione dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Arnaldo Rancati che, con il patrocinio del Comune di Milano, indice l’evento di durata biennale.  Hanno partecipato alla selezione studenti italiani, dimoranti e domiciliati nell’area metropolitana di Milano, che hanno conseguito il Diploma accademico di I Livello o il Diploma accademico di II Livello o il Diploma vecchio ordinamento e siano risultati più meritevoli sulla base del voto finale (almeno 110/110 e lode per il Diploma accademico di I e di II Livello e 10/10 e lode per il Diploma vecchio ordinamento). La giuria era composta dal direttore del Conservatorio e da quattro docenti.

I giovani si sono esibiti davanti ad un pubblico selezionato nel concerto finale. Giuliani ha eseguito Tzigane (Maurice Ravel) accompagnato al pianoforte da Boris Iliev; Scilla la Sonata per violoncello e pianoforte (Claude Debussy) con Roberta Sala.  Prolungati e meritati gli applausi.

Il Premio Rancati è una delle pregevoli iniziative del Conservatorio di Milano, che conta circa 1500 allievi provenienti da ogni parte del mondo, il più grande Istituto di formazione musicale in Italia. Fa parte del sistema dell’Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM), parallelo a quello universitario. La sua didattica   si articola su tre livelli: Corsi Pre-accademici, Corsi di Diploma Accademico di Primo e di Secondo Livello.

Il Conservatorio è sede, oltre che dei corsi istituzionali, di una ricca gamma di iniziative culturali (masterclass, seminari, orchestre, concerti in sede e fuori).

Da molto tempo il Conservatorio di Milano, per una sua “antica” vocazione alla sperimentazione e all’innovazione, tiene un rapporto stretto con la ricerca. La Biblioteca conserva oltre 500.000 unità bibliografiche, di cui circa 50.000 manoscritti e 30.000 volumi di argomento musicale, nonché circa 400 testate di periodici musicali.

Foto: Achille Colombo Clerici pres. IEA con Francesco Saverio Borrelli già presidente del Conservatorio di Milano

Presidente con Saverio Borrelli

Explore posts in the same categories: Istituto Europa Asia

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: