Sfratti: la Direttiva Unep della Corte d’ Appello di Milano, Assoedilizia critica – Il Protocollo firmato presso la Prefettura di Milano viola i principi di democraticità

A s s o e d i l i z i a
Associazione della Proprietà Edilizia
Milano

Sfratti: la Direttiva Unep della Corte d’ Appello di Milano, Assoedilizia critica – Il Protocollo firmato presso la Prefettura di Milano viola i principi di democraticità.

In materia di escomi di immobili l’atteggiamento dello Stato è del tutto schizofrenico. Si favorisce l’interesse parapubblico delle banche alla liberazione degli immobili venduti per soddisfare i crediti in sofferenza, mediante una radicale semplificazione della procedura esecutiva, e si penalizzano,  in fase di sfratto, i proprietari privati che vogliono liberare gli immobili dagli inquilini insolventi.

Il decreto legge salva banche n.59/2016  emanato dal Governo in data 3 maggio scorso ha infatti semplificato le procedure di escomio degli immobili venduti coattivamente  dalle banche, a fronte dell’insolvenza dei proprietari. Bastano una notifica ed una perizia e la vendita si compie.

Parallelamente, caso-pilota a Milano che potrebbe estendersi ad altre parti d’ Italia, le massime istituzioni (Prefettura, Questura, Corte d’Appello, Comune, Ordine degli Avvocati, Sindacati inquilini – Assoedilizia che rappresenta la proprietà edilizia non è stata convocata) hanno firmato un protocollo d’intesa in data 27 aprile scorso, in base al quale, come primo atto, l’ Ufficio Esecuzioni UNEP presso la Corte d’Appello ha emanato il 28 aprile, come primo atto, una Direttiva il cui esito è quello di dilazionare tutti gli sfratti, abitativi e commerciali, ivi compresi quelli per morosità.

Si tratta di una sorta di nuova procedura irta di complicazioni con annessa graduatoria degli sfratti, che si sostanzia nell’effetto di dilatare i tempi di esecuzione delle procedure stesse, attraverso un ampliamento dei termini e contestualmente l’introduzione di una serie di attività e di adempimenti di natura defatigatoria che comporteranno tra l’altro anche un aggravio di costi per il proprietario che agisce in giudizio.

La misura è particolarmente gravosa nei casi di morosità dei conduttori commerciali, perché i proprietari continueranno a pagare le tasse anche senza percepire i canoni di locazione, non potranno liberare l’ immobile e non avranno dallo Stato alcuna compensazione del danno.

Manca infatti per questa fattispecie un meccanismo analogo a quello previsto per la morosità incolpevole nell’ipotesi di locazioni abitative.
L’Ordine degli Avvocati, che in prima battuta aveva espresso apprezzamento per i principi della direttiva dell’Ufficio esecuzioni, ora – verificatone l’effettivo contenuto – ne ha chiesto la revoca.

Assoedilizia denuncia, in ogni caso, la grave violazione dei principi di democraticità, intervenuta a seguito della sua mancata preventiva consultazione nella fase propedeutica sfociata nel protocollo d’intesa.

Foto: Achille Colombo Clerici Presidente di Assoedilizia

Presidente

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: