Flash news: L’immobiliare potrebbe correre, ma qualcuno guarda altrove – di Maurizio Cannone, direttore di Monitorimmobiliare

Lunedì 30 gennaio 2017, una giornata apparentemente come tante altre.

Mentre su tutti i media il tema principale è la legge elettorale, qualche notizia interessante vale la pena di essere riportata.

Mentre da noi si discute della legge elettorale, dopo aver parlato per mesi del referendum,  a Londra Pimco, uno dei principali gestori di fondi obbligazionari, lancia Pimco Gis Mortgage Opportunities Fund. Un fondo senza limiti di raccolta che investe in mortgage-backed securities (MBS). Come da Borsa Italiana: “E’ un titolo che deriva i flussi di cassa con i quali fare fronte alla remunerazione del capitale raccolto all’atto dell’emissione sulla base di un portafoglio di prestiti ipotecari sottostanti”. Pimco ha così presentato l’iniziativa: “Considerando il livello storicamente basso dei rendimenti delle obbligazioni core e la correlazione dei titoli corporate con le azioni, un’esposizione mirata agli attivi cartolarizzati può aiutare gli investitori a migliorare la diversificazione complessiva dei loro portafogli, ottimizzando potenzialmente i rendimenti”. Mentre in Italia non sappiamo dove mettere qualsiasi strumento legato ai mutui, in sofferenza o meno, a Londra i grandi del risparmio gestito puntano sui mutui erogati. Stranezze di casa nostra, tanto che, secondo i dati di Assoreti appena pubblicati, la raccolta del risparmio gestito in Italia ha registrato a dicembre 2016 un saldo netto positivo di 5 mld di euro. Quasi tutti i settori corrono: fondi obbligazionari esteri, fondi chiusi mobiliari, fondi bilanciati esteri. Tra i pochi che registrano un calo della raccolta, ancora una volta, i fondi immobiliari.

Ma come, liquidità immensa, i grandi gestori internazionali che scelgono i mutui perché assicurano rendimenti migliori delle obbligazioni, e in Italia la raccolta è ancora una volta negativa? C’è qualcosa che non funziona, dal legislatore in giù, se in Italia continuiamo a girare a vuoto mentre in tutto il resto del mondo il reale estate ha ripreso la sua velocità di crociera.

Forse dovremmo riflettere su talune rappresentanze di categoria ormai autoreferenziali e sulle attività svolte finora, che sono state francamente imbarazzanti. Perché il problema esiste e si riassume, credo, in una valutazione: con una crisi che dura da 10 anni e non accenna a terminare in Italia, annunciare sempre per il prossimo anno la legge risolutiva, gli incentivi fiscali che rilanciano un settore, o per un’azienda il miglioramento dei conti, non serve più. Non c’è la ripresa che beneficia tutti e riporta sotto il tappeto le magagne. Certo che anche le associazioni dovrebbero riflettere davvero, se non vogliono svanire.

Ore 16.00 su Sky News, va in onda un’intervista in studio presenti un esponente, credo di Fratelli d’Italia, e Alessandro Cattaneo. Il tema è il muro di Trump, meglio della nostra legge elettorale, ma comunque non esaltante. Ho visto con piacere Cattaneo in video, pensando alla sua presidenza di Federimmobiliare, che si occupa di promuovere la cultura immobiliare. Ho atteso con impazienza di ascoltare considerazioni sul settore, come fanno in tv Spaziani Testa di Confedilizia, Paolo Righi di Fiaip, Colombo Clerici di Assoedilizia, per citare i più presenti. Tutte persone che difficilmente vengono interpellate su argomenti che non siano l’immobiliare.

Ecco perché ho provato una forte delusione quando il sottopancia di Cattaneo riportava Forza Italia. L’intervento era politico, come rappresentante di un partito, su un tema che con l’immobiliare non aveva niente a che fare. La politica è davvero complessa e servono persone nuove e competenti, e Cattaneo sembra avere tutte le carte in regola. La critica non è nei suoi confronti ma verso chi l’ha eletto presidente di Federimmobliare. Sostituire in questo modo Marzia Morena, docente del Politecnico di Milano, che sempre di immobiliare ha parlato (e lavorato) lascia capire quale forza si vuole dare alla divulgazione. Se queste sono le intenzioni, non stupiamoci se avremo meno iscritti alle associazioni. A breve daremo conto anche delle uscite delle maggiori aziende dai contesti associativi di settore.

A concludere la giornata arriva Anas. Si è passati dal piano di recupero delle case cantoniere, che doveva portare risorse nelle casse pubbliche e generare attività per il real estate, a questa anticipazione del Messaggero: Governo studia pedaggio su strade  statali. Un bollino sul modello svizzero, che consentirà di percorrere le strade statali. I pedaggi sulle autostrade saranno a parte, come oggi. In pratica si starebbe studiando il modello svizzero, integrato con quello italiano. Ovvero si pagherebbe due volte: in autostrada e ora anche sulle statali. Basterebbe poco per lanciare segnali positivi, ma sembra che i decisori siano presi da altri impegni.

(articolo pubblicato su http://www.monitorimmobiliare.it )

Advertisements
Explore posts in the same categories: Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: