“Focus Legge seminterrati” Regione Lombardia – Seminario organizzato dal Cons. Regionale Fabio Altitonante nella sala Gaber del Palazzo Pirelli della Regione – 24 marzo 2017

A s s o e d i l i z i a
Associazione della Proprietà Edilizia Milano

 

Il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici è intervenuto oggi a Palazzo Pirelli di Milano al focus Legge seminterrati: vantaggi e opportunità, organizzato dal consigliere Regione Lombardia Fabio Altitonante: questa la sintesi della relazione.

Considerazioni sul piano sociale ed economico e valutazioni politiche:

Apprezzo e sostengo questa legge ed al proposito ho parlato di saggezza amministrativa.

Essa mostra un impianto normativo equilibrato e ben bilanciato sulle logiche tanto socio urbanistiche, quanto economiche ed interpreta in modo equilibrato gli interessi della comunità.

Realizza un duplice obbiettivo virtuoso: recupera risorse urbanistiche ed economiche inutilizzate o sottoutilizzate e non comporta consumo di suolo.

Si discosta dai canoni della vetero-urbanistica.

A quei tempi eravamo negli anni del boom economico. Ma soprattutto da allora è cambiato il mondo e figuriamoci se non devono mutare le concezioni, i criteri dell’ urbanistica.

C’erano risorse (economiche, umane e territoriali) e c’erano, oltre che valori di riferimento, ideologie. Oggi mancano le une e gli altri.

Allora in nome delle ideologie e di principi teorici e demagogici si sono consumate, anzi sprecate, le risorse e si sono compromesse le città. Alcuni esempi:

– Cattiva edilizia in nome del principio per cui non bisognava privilegiare la case cosiddette di lusso.

– Consumo di suolo perché le città non dovevano crescere in altezza. Il grattacielo era visto come un simbolo del capitalismo.

– Riuso, all’insegna della conservazione acritica, tanto del vecchio tessuto urbano, quanto del vecchio manufatto edilizio.

Sul piano socio-urbanistico si riscontrava il predominio di concetti quali, ad esempio:

– capacità insediativa teorica valutata a priori nei dieci anni, ma fissata sine die

– standards urbanistici determinati aprioristicamente con lo stesso criterio

– limitazioni quantitative nella commisurazione delle slp (androni – vani scala): i regolamenti edilizi restrittivi. Corollario ne erano la prevenzione verso il recupero dei sottotetti e dei seminterrati

– conservazione dei manufatti edilizi anche civili (di strutture e attrezzature di servizio), senza che presentassero caratteri di storicità o di monumentalità

– diffusione della proprietà condominiale generata dal disfavore verso la locazione privata (1,2milioni condom. – il condominio è il soggetto meno reattivo e meno sensibile alle esigenze di rinnovamento edilizio ed urbano): oggi vero ostacolo alla rigenerazione urbana

Dobbiamo dunque prendere atto che, sul piano economico, occorre in generale tornare alla concezione dello Stato-famiglia.

Le logiche economiche dello Stato non sono dissimili e non devono essere dissimili da quelle della famiglia cioè  dell’ottica del buon padre di famiglia.

——

A tal proposito va fatta qualche considerazione di base sul piano economico:

– Si è ridotta la capacità di nuovi investimenti pubblici: a causa della crisi economica e per la limitata disponibilità di fondi finanziari che non possono più essere “a debito”.

– Si è di molto ridotto il rapporto tra nuovi investimenti e fondi per la manutenzione: tanto che, mentre un tempo abbiamo avute le risorse per costruire il Paese, oggi quasi non ne abbiamo per effettuare le manutenzioni del costruito.

Oggi, con il prevalere dei criteri di economicità (sostenibilità – cioè convenienza – ed autonomia, l’operazione urbanistica deve reggersi da sola ) nella determinazione delle scelte politiche, finalmente si torna gradatamente alla concezione dello stato-famiglia,  finalmente parliamo di rigenerazione urbana: un concetto che implica l’utilizzo funzionale di ogni risorsa.
Nella specie, territoriale, urbana, edilizia.

Corollario: ne discende la logica degli incentivi e non quella delle coercizioni/deterrenti.

Sta affermandosi sempre più (e con ciò mi riferisco al concetto introdotto nelle linee guida che accompagnano il regolamento edilizio tipo licenziato dalla Conferenza Stato-Regioni enti locali) l’obbiettivo della prestazionalità delle operazioni edilizio-urbanistiche.

Ciò significa maggior attenzione alla qualità degli interventi nella logica di una maggior aderenza, da un lato alle continuamente mutevoli esigenze di vita dei cittadini, dall’altro alle offerte della tecnologia in costante evoluzione.
Con una duplice attenzione: al risultato ed agli strumenti.

Oggi nelle scelte amministrative debbono prevalere i criteri della economicità e della prestazionalità (attitudine ad assolvere a pieno alla loro funzione – cioè massimo della funzionalità e dell’efficienza) degli interventi, in ogni campo: da quello economico a quello socio-urbanistico.

Sul piano politico deve imporsi una logica nuova.

Occorre uscire dalle logiche da vecchio Paese in decadenza che cerca di sopravvivere, per entrare nelle logiche di paese moderno e dinamico che cerca di competere.

Advertisements
Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: