Associazione per lo Studio dei Problemi del Credito, Convegno a Milano sul tema “Italia, modello piccolo è bello” – Europasia informa

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

 

Convegno a Milano dell’Associazione per lo Studio dei Problemi del Credito
ITALIA ANCORATA AL MODELLO “PICCOLO E’ BELLO”

“Dal risparmio, alla finanza, alla famiglia, alle imprese: percorso obbligato per un solido processo di crescita” è il titolo del convegno organizzato da ANSPC-Associazione Nazionale per lo Studio dei Problemi del Credito a Milano, Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana. Tra gli operatori economici, invitato il presidente di Assoedilizia e di Europasia Achille Colombo Clerici.

La crescita del PIL e dell’occupazione è sostenuta da adeguati investimenti, pubblici e privati, e da confacenti consumi. Questo processo, imprescindibile in un mercato libero, trova nella tutela del risparmio, nella finanza sostenibile, nell’orientamento delle famiglie e nell’impegno delle imprese, i fattori che ne alimentano i contenuti, partecipando ad una riduzione degli squilibri sociali. Questi i temi toccati nel Convegno, con l’obiettivo di approfondirne i principali aspetti, e di tracciare costruttivi indirizzi.

Nel saluto istituzionale il presidente ANSPC Ercole Pellicanò ha ricordato come in analogo evento svoltosi nel maggio dello scorso anno il quadro economico-finanziario fosse tutto sommato positivo, anche se con forti ombre: oggi il quadro mostra il Pil fermo, il debito pubblico aumentato, lo spread su valori alti, i consumi in calo, la minaccia UE di procedura di infrazione.

Quali i motivi? La risposta è venuta da Giuseppe Sopranzetti, direttore Banca d’Italia Milano. Da decenni ormai, ha detto in sostanza, il modello di sviluppo italiano è lo stesso che ha permesso il “miracolo economico” dal dopoguerra in poi, ignorando i profondi cambiamenti che hanno percorso il mondo, globalizzazione tra tutti. Piccolo non è più bello, ha affermato, sulla stessa linea del Roger Abravanel, saggista ed editorialista del “Corriere della Sera”: tante aziende del “made in Italy” sono state vendute all’estero. Non sarebbe grave se a questo flusso di vendite corrispondesse un eguale flusso di aziende italiane che acquistano aziende all’estero. Purtroppo non avviene e il gap è grande e crescente. Perché è così grave? Perché le aziende italiane non riescono a fare il salto che le porti da “medie” (da 4-500 milioni di fatturato a 3-4 miliardi) a “grandi” (sopra i 15-20 miliardi).

Nella classifica l’Italia – che è ancora la seconda potenza manifatturiera d’Europa – perde terreno da 40-50 anni. Oggi non abbiamo più davanti a noi i soliti Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito ma anche Svizzera, Olanda, Canada, Corea del Sud. I nostri nostalgici del “piccolo è bello” e dei distretti industriali, non sono troppo preoccupati perché oggi si sono innamorati del “medio”, aziende che operano in nicchie e diventano “multinazionali tascabili”. Il problema è che, alla lunga, i colossi globali vincono.

Se al macrofenomeno aggiungiamo pecche tipicamente italiane quali burocrazia, scarsa qualità dei servizi, lentezza della giustizia, evasione fiscale, corruzione e quant’altro, si spiega perché siamo ancora a 4 punti di distanza dal livello precrisi mentre i Paesi competitors hanno abbondantemente superato quel livello.

Sopranzetti, analizzando il risparmio delle famiglie italiane, tra i più alti del mondo – 10.000 miliardi di euro, 6.000 dei quali nel solo comparto immobiliare – ha rilevato come sia comunque in atto da parte delle imprese un positivo abbandono del sistema “bancocentrico” per il proprio finanziamento a favore del mercato (in quattro anni dal 14% al 33%). Ma è l’incertezza il fattore dominante. Per la prima volta dopo quattro anni le famiglie hanno ripreso a risparmiare, le aziende a ridurre gli investimenti, segno evidente del diffuso timore del futuro.

E’ seguita una tavola rotonda coordinata da Paolo Garonna, Segretario Generale FeBAF. Nel panel interventi di Michelangelo Avello, CFO e Consigliere delegato Gruppo Helvetia Italia; Innocenzo Cipolletta, Presidente AIFI e Assonime; Luca Cosentino, Partner EY; Andrea Sianesi, Dean at MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business; Alessandro Spada, Vice Presidente vicario Assolombarda – Consigliere Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi; Alessandro Varallo, Amministratore Delegato Banca Aletti – Gruppo Banco BPM

Foto d’archivio:
Giuseppe Sopranzetti con Achille Colombo Clerici

 

Explore posts in the same categories: Istituto Europa Asia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: