In morte di Giovanni Gastel di Achille Colombo Clerici – Il titolo del libro “Giovanissima e immensa…”

In morte di Giovanni Gastel         

Per lui ero il compagno di classe del fratello maggiore, Marco. Quello che ti precede nella vita e, fin da ragazzo, guardi con ammirazione perché fa le cose che tu non puoi fare.

Qualche anno fa, una sera nella sua casa, circondati da quelle opere che ne hanno fatto un celebre maestro della fotografia, cantavamo in compagnia le più belle canzoni francesi.

Fu allora che mi regalò un librino, accompagnandolo di slancio, come è nel carattere di tutti i fratelli Gastel, con una affettuosa dedica. “50Poesie” scritte, a partire dal 1985, con un attaccamento forte alle persone, ai fatti, ai luoghi della sua vita.

Per me, che ora “non son più, cipressetti, un birichino”, un tuffo emozionante nella luce della mia giovinezza.

La poesia, Giovanni, l’aveva nel sangue: ereditata dalla madre Nane. Era nato poeta ed era diventato fotografo.

Nel verso di una di quelle 50Poesie, scritta a Rannalhi nel 2002 e dedicata al padre Giuseppe, elegante e maestoso signore di una Milano d’altri tempi, ho trovato, rappresentata poeticamente, l’immagine di Milano che ho scelto per il titolo del mio libro sulla nostra città. “Giovanissima e immensa”. 
Colta al volo. 
Avrei tanto voluto non doverle mai scrivere queste parole di triste rimpianto.
Ciao, Giovanni, genio dell’immagine, raccontata nella fotografia e nella poesia, cuore grande e generoso.

Explore posts in the same categories: Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: