Dopo decenni di paralisi si opera nel cuore della città, dalle Cinque Vie a San Vittore – Webinar di Milano-Vapore

Dal webinar dell’Associazione Milano Vapore molte critiche, ma anche apprezzamenti

COLOMBO CLERICI: DOPO DECENNI DI PARALISI SI OPERA NEL CUORE DELLA CITTA’, DALLE CINQUE VIE A SAN VITTORE
Benito Sicchiero

“Certo, sono utili critiche e suggerimenti, ma la cosa importante è che dopo oltre mezzo secolo di immobilismo si stia operando per riqualificare il quadrante più antico della città che risale al villaggio celtico preromano Medhelan: con il Cordusio, la via Torino e le Cinque Vie che si incrociano a stella in un’area ricchissima di monumenti, fra vestigia dell’Impero Romano (tra le quali il Foro) di cui Milano fu capitale, palazzi patrizi, scavi archeologici, musei, chiese, piazze”. Lo ha detto Achille Colombo Clerici, presidente, tra l’altro, di Assoedilizia e di Amici di Milano ma, in questa occasione, apprezzato cultore della storia e della cronaca di Milano concludendo i lavori del webinar “Il disegno dello spazio urbano: I nuovi Quartieri di Milano (2) dalla via e dal carcere di San Vittore alle Cinque Vie”.

 Il webinar fa parte di un ciclo sul “Futuro di Milano” organizzato da Giampaolo Berni Ferretti, presidente dell’Associazione Milano-Vapore, impegnato nel prevedere il futuro prossimo della città mettendo a confronto le opinioni di molte personalità in quella che definisce “la terza fase evolutiva di Milano che fa seguito a quella attuale dei servizi e a quella precedente, l’industriale: la fase della cultura”.  

 Dopo l’introduzione di Berni Ferretti, gli interventi: arch. Lorenza Baroncelli, direttore artistico di Triennale Milano sul Bando del Carcere di San Vittore; Emanuele Tessarolo Associazione 5Vie; Gregorio Caccia Dominioni (Presidente Comitato San Vittore-Sant’ Ambrogio-Carducci): Alessandro Belgioioso (Vice-Presidente del Comitato San Vittore-Sant’ Ambrogio); Matteo Caccia Dominioni (Comitato San Vittore-Sant’ Ambrogio-Carducci); Fabrizio De Pasquale (Consigliere comunale). Moderatrice Fausta Chiesa, giornalista del Corriere della Sera.

 San Vittore – probabilmente caso unico di carcere in pieno centro cittadino – è l’altro polo sul quale si sono concentrati gli interventi: con le sue circa 3.000 frequentazioni giornaliere (magistrati, avvocati, operatori, parenti di detenuti) costituisce un problema logistico e sociale irrisolto da decenni e sul quale si moltiplicano iniziative quali la collaborazione culturale con la Triennale di Milano. La linea 4 del Metro, lavori in corso, conclusione entro il 2024, incidono e incideranno profondamente sulla realtà urbanistica, sociale, viabilistica  della vasta area che  coinvolge, direttamente o per riflesso, tra l’altro,  l’Università Cattolica, il Museo della Scienza e della Tecnologia, gli Ospedali, la Caserma, Sant’Ambrogio, l’area romana di via Brisa con gli scavi del Palazzo imperiale ed il Circo da un lato e la recuperata piazza con la Torre dei Gorani ed i palazzi restaurati di impronta metafisica dall’altro, i palazzi storici del Cordusio recuperati, i completamenti di via Torino-Lupetta-Palla, l’Arena, oltre  al citato quartiere delle Cinque Vie; ma anche Pinacoteca e Biblioteca Ambrosiana, Colonne di San Lorenzo. Un’autentica rivoluzione.   

 Si sono costituiti attivi comitati di residenti e associazioni spesso coordinati da alcuni nomi illustri della città. Critiche e rilievi non mancano. Sicurezza, disordine – aggravato dai numerosi cantieri del Metro – crisi degli esercizi pubblici e dei piccoli negozi, talvolta una certa difficoltà di dialogo con la pubblica amministrazione.

 “Ma – aggiunge Colombo Clerici – se è giusto soffermarsi su quanto si vede e viene lodevolmente denunciato dalle associazioni di cittadini, credo sia il momento di dare un occhio su quanto non si vede, cioè quanto succede sui tetti della città con la realizzazione di impianti tecnologici e di manufatti che sfigurano, vedendolo dall’alto, il paesaggio urbano, all’altezza dei tetti e delle magnifiche cupole della Milano “romana”. Desolante rispetto al fascino dei tetti di Roma. Con i droni una mappatura degli obbrobri è cosa fattibile. Sarebbe opportuno in materia prevedere un mascheramento estetico” 

Foto:
Gregorio Caccia Dominioni con Achille Colombo Clerici

Alessandro Belgiojoso con Achille Colombo Clerici

Explore posts in the same categories: Assoedilizia informa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: