Archivio per settembre 2021

Incontri elettorali di Assoedilizia – Gianmaria Radice

settembre 30, 2021

In occasione delle prossime elezioni amministrative di Milano 

ACHILLE COLOMBO CLERICI INCONTRA GIANMARIA RADICE CANDIDATO DELLA LISTA RIFORMISTI LAVORIAMO PER MILANO CON SALA AL CONSIGLIO COMUNALE

Il Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici ha incontrato il candidato al Consiglio comunale di Milano Gianmaria Radice in occasione delle prossime elezioni amministrative del 3-4 ottobre.   

Nel corso di un amichevole e franco colloquio, sono stati affrontati numerosi temi riguardanti la città, in particolare il rilancio post-pandemia e la casa, sotto i diversi profili, sociale, economico, fiscale,

Colombo Clerici ha sottolineato come ci siano alcuni segnali di ripresa – come dimostra il successo superiore alle aspettative del Salone del mobile e della settimana della moda – ma che ancora ci sia molta strada da fare. La Città abbisogna della collaborazione di tutti gli attori metropolitani, dalle imprese agli artigiani, dai professionisti agli esercenti agli operatori turistici affinché, anche attraverso adeguati incentivi, come capitale economica e finanziaria del Paese, mantenga il ruolo che da sempre le è riconosciuto, di protagonista continentale.  

E’ perciò fondamentale che la futura amministrazione comunale sia in grado di elaborare una strategia che vada ben oltre le scadenze elettorali delineando il ruolo della Grande Milano fino agli anni ’30 ed oltre.

La città deve essere al servizio dei cittadini. In quest’ottica prevale la qualità dell’abitare. Le conseguenze della pandemia nel settore della casa sono lungi dall’essere concluse, come dimostra l’allontanamento verso l’ex hinterland di migliaia di milanesi. Le cause sono numerose e complesse.  Ai prossimi futuri governanti spetta il compito, non facile, di trovare le soluzioni.

“CATASTO, una riforma sbagliata” Articolo su QN Il Giorno del 25 settembre 2021 – di Achille Colombo Clerici

settembre 30, 2021

Secondo la Nadef – acronimo che indica la Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza fondamentale nel tracciare la linea di politica economica del Paese per l’anno a venire – l’evasione immobiliare ha superato nel 2018 i sei miliardi di euro. Le ‘voci’ principali sono costituite da Imu e affitto in nero: ma si aggiungono le case-fantasma, o per meglio dire ex fantasma in quanto accertate con rilevamenti aerei, totalmente sconosciute al fisco, circa 1,2 milioni di unità.

Il rapporto Nadef sull’economia immobiliare sommersa stima che l’Imu effettivamente versata è stata di 13,9 miliardi in luogo di 18,8 miliardi, sottraendo quindi a Stato e Comuni 4,869 miliardi, oltre un quarto del gettito nazionale.

Questa tipologia di evasione vede al primo posto la Calabria (46,3%) mentre la regione più virtuosa è l’Emilia Romagna (15%). Certo, incidono fattori locali: l’efficienza della macchina amministrativa e l’emigrazione, che ha trasformato in “seconda casa” l’abitazione principale.  Si aggiungono 266 milioni della Tasi e 695 milioni di Irpef a causa degli affitti in nero, e il presumibile reddito delle case fantasma finora scoperte ma non ancora soggette al fisco. Totale, quindi, oltre 6 miliardi.

Ma la riforma catastale, consistente nella sostituzione dell’attuale criterio di valutazione degli estimi basato sulle rendite aggiornate mediante coefficienti moltiplicatori con il criterio fondato sui valori di mercato per metro quadrato, non ha nulla a che vedere con il recupero dell’evasione fiscale e gli immobili fantasma. Siamo tutti d’accordo che l’evasione vada debellata, ed il nostro ordinamento è già dotato degli strumenti allo scopo. Si tratta di renderli efficienti, di perfezionarli e semmai di dotarsi di altri strumenti specifici.

Quanto alla questione, in merito alla quale alcuni si illudono di poter pagare meno tasse, riguardante le “sperequazioni” tra alcuni immobili di antico accatastamento nei centri cittadini, che avrebbero valori imponibili inferiori a quelli di immobili periferici più recenti, consideriamo che il processo costante di riqualificazione edilizia in atto, portandosi dietro la rivalutazione automatica delle rendite, ha di molto ridotto le incongruenze.  L’ordinamento prevede comunque lo strumento della revisione per microzone, già attuato tra l’altro in grandi città come Milano e Roma. Si affini e si attualizzi quello strumento.

E non dimentichiamo che gli effetti della pandemia, ancora in atto, sul mercato immobiliare non si sono ancora visti. Mentre i valori scendono e scenderanno, pensare alla riforma catastale, che darà luogo ad un rilevante incremento del prelievo fiscale sugli immobili, come è negli intenti della Commissione europea, non è segno di saggia politica economica.

Incontri elettorali Assoedilizia – Roberta Guaineri

settembre 30, 2021

Incontro del presidente di Assoedilizia con la candidata al Consiglio Comunale di Milano Roberta Guaineri della lista Beppe Sala sindaco

POST-COVID, PORTARE MILANO AL CENTRO DELL’EUROPA 

di Vito Luise

“Milano abbisogna di un Sindaco in grado di assicurarle la competitività con le grandi metropoli europee. Perché ciò avvenga è necessario raggiungere un alto grado di attrattività: se una città è attrattiva, è meta preferita dagli investitori esteri che svolgono la doppia funzione di causa ed effetto dei grandi flussi di turisti stranieri. Questi, a loro volta, hanno ormai un ruolo di estrema rilevanza nel progresso della città: non solo attivano un enorme indotto – food, moda, shopping, ospitalità e quant’altro – ma si rendono ambasciatori nei rispettivi Paesi della realtà milanese, producendo nuovi investimenti esteri. Occorre dunque riattivare quanto prima questo processo circolare.  La città mostra segni di ripresa e di forte resilienza, ma siamo ancora molto lontani dal pieno recupero. Sull’andamento della ripresa ho quale termometro la riapertura di tutti quegli alberghi che sono stati e sono ancora chiusi per pandemia”

Così Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia – che conta 8.000 soci fra i quali annovera  molti esponenti delle famiglie che hanno “fatto” la città – e di Amici di Milano; ma  soprattutto personalità di grande cultura e profondo conoscitore della realtà metropolitana, incontrando in rappresentanza di  Assoedilizia, in “spirito di par condicio” e nell’ambito di una serie di incontri con i candidati al Consiglio Comunale in vista della tornata elettorale del prossimo 3-4 ottobre , ROBERTA GUAINERI, Assessore uscente allo sport, candidata al Consiglio Comunale di Milano nella lista BEPPE SALA.

La discussione si è svolta ampiamente su moltissimi temi riguardanti la vita e le problematiche della città: l’attenzione ai quartieri, la sicurezza urbana, gli interventi per il traffico e la mobilità, la qualità dell’aria, i servizi sociali e sanitari, complicati dall’emergenza Covid, la macchina amministrativa comunale, l’organizzazione del lavoro e delle funzioni urbane, anche alla luce della tendenza allo smart working; il commercio di prossimità che versa in crisi profonda; l’edilizia e la casa; la città della cultura, della ricerca e dell’Università, il rapporto con L’Europa.

Incontri elettorali Assoedilizia – Federica Bosco

settembre 29, 2021

Incontro del presidente di Assoedilizia con la candidata al Consiglio Comunale di Milano Federica Bosco  Lista Luca Bernardo

POST-COVID, PORTARE MILANO AL CENTRO DELL’EUROPA 

di Vito Luise

“Milano abbisogna di un Sindaco in grado di assicurarle la competitività con le grandi metropoli europee. Perché ciò avvenga è necessario raggiungere un alto grado di attrattività: se una città è attrattiva, è meta preferita dagli investitori esteri che svolgono la doppia funzione di causa ed effetto dei grandi flussi di turisti stranieri. Questi, a loro volta, hanno ormai un ruolo di estrema rilevanza nel progresso della città: non solo attivano un enorme indotto – food, moda, shopping, ospitalità e quant’altro – ma si rendono ambasciatori nei rispettivi Paesi della realtà milanese, producendo nuovi investimenti esteri. Occorre dunque riattivare quanto prima questo processo circolare.  La città mostra segni di ripresa e di forte resilienza, ma siamo ancora molto lontani dal pieno recupero. Sull’andamento della ripresa ho quale termometro la riapertura di tutti quegli alberghi che sono stati e sono ancora chiusi per pandemia”

Così Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia – che conta 8.000 soci fra i quali annovera  molti esponenti delle famiglie che hanno “fatto” la città – e di Amici di Milano; ma  soprattutto personalità di grande cultura e profondo conoscitore della realtà metropolitana, incontrando in rappresentanza di  Assoedilizia, in “spirito di par condicio” e nell’ambito di una serie di incontri con i candidati al Consiglio Comunale in vista della tornata elettorale del prossimo 3-4 ottobre , FEDERICA BOSCO, autrice del libro RaccontaMi, promosso dalla Consulta dei Presidenti degli Ordini Professionali, candidata al Consiglio Comunale di Milano nella lista Luca Bernardo.

La discussione si è svolta ampiamente su moltissimi temi riguardanti la vita e le problematiche della città: l’attenzione ai quartieri, la sicurezza urbana, gli interventi per il traffico e la mobilità, la qualità dell’aria, i servizi sociali e sanitari, complicati dall’emergenza Covid, la macchina amministrativa comunale, l’organizzazione del lavoro e delle funzioni urbane, anche alla luce della tendenza allo smart working; il commercio di prossimità che versa in crisi profonda; l’edilizia e la casa; la città della cultura, della ricerca e dell’Università, il rapporto con L’Europa.

Incontri elettorali di Assoedilizia – Luca Bernardo

settembre 29, 2021

Incontro del presidente di Assoedilizia con il candidato sindaco di Milano Luca Bernardo  

POST-COVID, PORTARE MILANO AL CENTRO DELL’EUROPA 

di Vito Luise

“Milano abbisogna di un Sindaco in grado di assicurarle la competitività con le grandi metropoli europee. Perché ciò avvenga è necessario raggiungere un alto grado di attrattività: se una città è attrattiva, è meta preferita dagli investitori esteri che svolgono la doppia funzione di causa ed effetto dei grandi flussi di turisti stranieri. Questi, a loro volta, hanno ormai un ruolo di estrema rilevanza nel progresso della città: non solo attivano un enorme indotto – food, moda, shopping, ospitalità e quant’altro – ma si rendono ambasciatori nei rispettivi Paesi della realtà milanese, producendo nuovi investimenti esteri. Occorre dunque riattivare quanto prima questo processo circolare.  La città mostra segni di ripresa e di forte resilienza, ma siamo ancora molto lontani dal pieno recupero. Sull’andamento della ripresa ho quale termometro la riapertura di tutti quegli alberghi che sono stati e sono ancora chiusi per pandemia”

Così Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia – che conta 8.000 associati e annovera tra questi molti appartenenti a  famiglie che hanno “fatto” la città – e di Amici di Milano; ma  soprattutto personalità di grande cultura e profondo conoscitore della realtà metropolitana, incontrando in rappresentanza di  Assoedilizia, in “spirito di par condicio”  in vista della tornata elettorale del prossimo 3 ottobre, il dottor Luca Bernardo,  candidato a sindaco nelle amministrative comunali.

La discussione si è svolta ampiamente su moltissimi temi riguardanti la vita e le problematiche della città: l’attenzione ai quartieri, la sicurezza urbana, gli interventi per il traffico e la mobilità, la qualità dell’aria, i servizi sociali e sanitari, complicati dall’emergenza Covid, la macchina amministrativa comunale, l’organizzazione del lavoro e delle funzioni urbane, anche alla luce della tendenza allo smart working; il commercio di prossimità che versa in crisi profonda; l’edilizia e la casa; la città della cultura, della ricerca e dell’Università, il rapporto con L’Europa.

Incontri elettorali di Assoedilizia – Giuseppe Sala

settembre 29, 2021

Incontro del presidente di Assoedilizia con il candidato sindaco di Milano Giuseppe Sala  

POST-COVID, PORTARE MILANO AL CENTRO DELL’EUROPA

 di Vito Luise

“Milano abbisogna di un Sindaco in grado di assicurarle la competitività con le grandi metropoli europee. Perché ciò avvenga è necessario raggiungere un alto grado di attrattività: se una città è attrattiva, è meta preferita dagli investitori esteri che svolgono la doppia funzione di causa ed effetto dei grandi flussi di turisti stranieri. Questi, a loro volta, hanno ormai un ruolo di estrema rilevanza nel progresso della città: non solo attivano un enorme indotto – food, moda, shopping, ospitalità e quant’altro – ma si rendono ambasciatori nei rispettivi Paesi della realtà milanese, producendo nuovi investimenti esteri. Occorre dunque riattivare quanto prima questo processo circolare.  La città mostra segni di ripresa e di forte resilienza, ma siamo ancora molto lontani dal pieno recupero. Sull’andamento della ripresa ho quale termometro la riapertura di tutti quegli alberghi che sono stati e sono ancora chiusi per pandemia”

Così Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia –  che conta 8.000 associati e annovera tra questi molti appartenenti a  famiglie che hanno “fatto” la città – e di Amici di Milano; ma  soprattutto personalità di grande cultura e profondo conoscitore della realtà metropolitana, incontrando in rappresentanza di  Assoedilizia, in “spirito di par condicio”  in vista della tornata elettorale del prossimo 3 ottobre, il dottor Giuseppe Sala, sindaco uscente e candidato a sindaco nelle amministrative comunali.

La discussione si è svolta ampiamente su moltissimi temi riguardanti la vita e le problematiche della città : l’attenzione ai quartieri, la sicurezza urbana, gli interventi per il traffico e la mobilità, la qualità dell’aria, i servizi sociali e sanitari, complicati dall’emergenza Covid, la macchina amministrativa comunale, l’organizzazione del lavoro e delle funzioni urbane, anche alla luce della tendenza allo smart working; il commercio di prossimità che versa in crisi profonda; l’edilizia e la casa; la città della cultura, della ricerca e dell’Università, il rapporto con L’Europa.

Incontri elettorali di Assoedilizia – Laura Faletti

settembre 29, 2021

In occasione delle prossime elezioni amministrative di Milano 
ACHILLE COLOMBO CLERICI INCONTRA LAURA FALETTI CANDIDATA DELLA LISTA FORZA ITALIA AL MUNICIPIO 1

Il Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici ha incontrato la candidata al Municipio 1 di Milano Laura Faletti in occasione delle prossime elezioni amministrative.   

Nel corso di un amichevole e franco colloquio, sono stati affrontati numerosi temi riguardanti la città, in particolare il rilancio post-pandemia e la casa, sotto i diversi profili, sociale, economico, fiscale,

Colombo Clerici ha sottolineato come ci siano alcuni segnali di ripresa – come dimostra il successo superiore alle aspettative del Salone del mobile – ma che ancora ci sia molta strada da fare. La Città abbisogna della collaborazione di tutti gli attori metropolitani, dalle imprese agli artigiani, dai professionisti agli esercenti agli operatori turistici affinché, anche attraverso adeguati incentivi, come capitale economica e finanziaria del Paese, mantenga il ruolo che da sempre le è riconosciuto, di protagonista continentale.  

E’ perciò fondamentale che la futura amministrazione comunale sia in grado di elaborare una strategia che vada ben oltre le scadenze elettorali delineando il ruolo della Grande Milano fino agli anni ’30 ed oltre.

La città deve essere al servizio dei cittadini. In quest’ottica prevale la qualità dell’abitare. Le conseguenze della pandemia nel settore della casa sono lungi dall’essere concluse, come dimostra l’allontanamento verso l’ex hinterland di migliaia di milanesi. Le cause sono numerose e complesse.  Ai prossimi futuri governanti spetta il compito, non facile, di trovare le soluzioni.

Incontri elettorali di Assoedilizia – Arianna Censi

settembre 29, 2021

Incontro del presidente di Assoedilizia con la candidata al Consiglio Comunale di Milano ARIANNA CENSI Lista PD Beppe Sala

POST-COVID, PORTARE MILANO AL CENTRO DELL’EUROPA

di Vito Luise

“Milano abbisogna di un Sindaco in grado di assicurarle la competitività con le grandi metropoli europee. Perché ciò avvenga è necessario raggiungere un alto grado di attrattività: se una città è attrattiva, è meta preferita dagli investitori esteri che svolgono la doppia funzione di causa ed effetto dei grandi flussi di turisti stranieri. Questi, a loro volta, hanno ormai un ruolo di estrema rilevanza nel progresso della città: non solo attivano un enorme indotto – food, moda, shopping, ospitalità e quant’altro – ma si rendono ambasciatori nei rispettivi Paesi della realtà milanese, producendo nuovi investimenti esteri. Occorre dunque riattivare quanto prima questo processo circolare.  La città mostra segni di ripresa e di forte resilienza, ma siamo ancora molto lontani dal pieno recupero. Sull’andamento della ripresa ho quale termometro la riapertura di tutti quegli alberghi che sono stati e sono ancora chiusi per pandemia”

Così Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia – che annovera tra i propri associati molte delle famiglie che hanno “fatto” la città – e  di Amici di Milano; ma  soprattutto personalità di grande cultura e profondo conoscitore della realtà metropolitana, incontrando in rappresentanza di  Assoedilizia, in “spirito di par condicio” e nell’ambito di una programmata serie di incontri con i candidati al Consiglio Comunale in vista della tornata elettorale del prossimo 4 ottobre , ARIANNA CENSI,  vice-sindaco della città metropolitana e candidata al Consiglio Comunale di Milano nella lista DC Beppe Sala.

La discussione si è svolta ampiamente su moltissimi temi riguardanti la vita e le problematiche della città : l’attenzione ai quartieri, la sicurezza urbana, gli interventi per il traffico e la mobilità, la qualità dell’aria, i servizi sociali e sanitari, complicati dall’emergenza Covid, la macchina amministrativa comunale, l’organizzazione del lavoro e delle funzioni urbane, anche alla luce della tendenza allo smart working; il commercio di prossimità che versa in crisi profonda; l’edilizia e la casa; la città della cultura, della ricerca e dell’Università, il rapporto con L’Europa.

Incontri elettorali Assoedilizia – Luigi Leonardi

settembre 28, 2021

In occasione delle prossime elezioni amministrative di Milano 
ACHILLE COLOMBO CLERICI INCONTRA LUIGI LEONARDI CANDIDATO DELLA LISTA LEGA SALVINI AL MUNICIPIO 1  

Il Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici ha incontrato il candidato al Municipio 1 di Milano Luigi Leonardi in occasione delle prossime elezioni amministrative.   

Nel corso di un amichevole e franco colloquio, sono stati affrontati numerosi temi riguardanti la città, in particolare il rilancio post-pandemia e la casa, sotto i diversi profili, sociale, economico, fiscale,

Colombo Clerici ha sottolineato come ci siano alcuni segnali di ripresa – come dimostra il successo superiore alle aspettative del Salone del mobile – ma che ancora ci sia molta strada da fare. La Città abbisogna della collaborazione di tutti gli attori metropolitani, dalle imprese agli artigiani, dai professionisti agli esercenti agli operatori turistici affinché, anche attraverso adeguati incentivi, come capitale economica e finanziaria del Paese, mantenga il ruolo che da sempre le è riconosciuto, di protagonista continentale.  

E’ perciò fondamentale che la futura amministrazione comunale sia in grado di elaborare una strategia che vada ben oltre le scadenze elettorali delineando il ruolo della Grande Milano fino agli anni ’30 ed oltre.

La città deve essere al servizio dei cittadini. In quest’ottica prevale la qualità dell’abitare. Le conseguenze della pandemia nel settore della casa sono lungi dall’essere concluse, come dimostra l’allontanamento verso l’ex hinterland di migliaia di milanesi. Le cause sono numerose e complesse.  Ai prossimi futuri governanti spetta il compito, non facile, di trovare le soluzioni.

Premio Etta e Paolo Limiti – “Gianni  Schicchi” in piazza Ducale a Vigevano

settembre 28, 2021

L’iniziativa “mondiale” del Premio Etta e Paolo Limiti  

DA PIAZZA DUCALE DI VIGEVANO OMAGGIO A PUCCINI

Colombo Clerici: “Finalmente rivive la cultura dell’opera lirica, nella più bella piazza d’Italia come teatro per l’0pera”.

 L’opera lirica “Gianni Schicchi” di Giacomo Puccini in tutto il mondo, grazie all’Associazione Etta&Paolo Limiti onlus e alla partecipazione di Sky Classica che l’ha diffusa in decine di Paesi, da piazza Ducale a Vigevano, la più bella piazza-teatro italiana. “L’iniziativa si prefigge un duplice scopo: da un lato il forte desiderio di far conoscere l’opera italiana al vasto pubblico, dall’altro far rivivere e animare i luoghi preziosi di cui il nostro territorio è fecondo” afferma la presidente Daria Pesce. Commenta il presidente di Assoedilizia, di Amici di Milano e dell’Istituto Europa Asia, Achille Colombo Clerici, componente del Comitato d’onore e organizzativo assieme a Gianvico Camisasca, Franco Colombo, Caterina Giancola, Gianmario Rolandi, Elvira Rampezzotti: “Dopo il ritorno all’attività pre-pandemia di bar, ristoranti, palestre e quant’altro tocca finalmente alla cultura, nel caso alla cultura operistica, di tornare a svolgere il fondamentale ruolo che ricopre nella società.”

Presenti alla rappresentazione nella suggestiva cornice leonardiana della piazza illuminata da strabilianti giochi di luce, con tutt’intorno ristoranti e caffè gremiti di folla, in un’atmosfera da grande evento nazionale in uno dei più bei luoghi del Paese, oltre al sindaco di Vigevano, Andrea Ceffa, autorità, esponenti della cultura e della società civile, ed un vastissimo pubblico di appassionati musicofili.

Il Premio Etta e Paolo Limiti è un concorso annuale per avviare giovani talenti alla carriera lirica. L’edizione 2021 vede associato il concorso alle opere pucciniane invitando la commissione giudicatrice a scegliere tra i partecipanti al Premio il cast delle opere da allestire in luoghi simbolo italiani. Il prossimo evento “Suor Angelica” alla Certosa di Casteggio il 28 settembre, ore 21. Per entrambe le opere, direttore Alessandro Bonato, l’orchestra Filarmonica italiana con la regia di Davide Garattini Raimondi, scene e luci di Paolo Vitale, allestimenti d’arte a cura di Carlo Cinque, costumi di Giada Masi.

Personaggi ed interpreti: Gianni Schicchi Domenico Colaianni; Lauretta Francesca Vitale; Zita detta “La vecchia” Patrizia Patelmo; Rinuccio, nipote di Zita Giuseppe Infantino; Gherardo, nipote di Buoso Manuel Rodriguez; Nella, sua moglie Roxana Herrera; Gherardino Chiara Merra; Betto di Signa Lorenzo Mazzucchelli; Simone, cugino di Buoso Paolo Battaglia; Marco, suo figlio Francesco Bossi; La Ciesca Mara Gaudienzi; Spinelloccio, medico Lorenzo Barbieri; Messer Amantio, notaro Filippo Rotondo; Pinellino, Guccio Nicola Ciulla; Buoso Donati Nicola Ciulla; un operaio Alessandro Gautiero.

Conclude Daria Pesce: “L’Italia è senza dubbio il Paese che vanta le più grandi ricchezze artistiche al mondo e da lì vogliamo ripartire. Ripartire dall’arte e dalle bellezze naturali italiane è doveroso per una nazione, come la nostra, ricca di luoghi storici e di immensa bellezza, unica al mondo per la sua tradizione operistica. L’opera lirica nasce in Italia e l’italiano è la sua lingua madre: quest’arte può costituire una grande opportunità per l’Italia di oggi.

Mentre “Suor Angelica” è un’opera legata al mondo religioso. “Gianni Schicchi” si presenta come una pedina fondamentale per valorizzare palazzi o luoghi storici come cortili e piazze.    Per informazioni 02.5455553/347.7218334   rivopera@gmail.com,  www.teatroarcimboldi.it  

Foto:
da sin. Gianvico Camisasca, Daria Pesce, Achille e Giovanna Colombo Clerici